Le società di tecnologia sono persone avvincenti. Dovrebbero fermarsi?

NirAndFar
Fonte: NirAndFar
NirAndFAr
L'avvertimento su una scatola di batuffoli di cotone.
Fonte: NirAndFAr

Per capire la dipendenza dalla tecnologia (o qualsiasi dipendenza per quella materia) devi capire il Q-tip. Forse non hai mai notato che c'è un avvertimento spaventoso su ogni scatola di cotton fioc che dice "ATTENZIONE: non entrare nel condotto uditivo … Entrare nel condotto uditivo potrebbe causare lesioni." Com'è che l'unica cosa che la maggior parte della gente fa con Q- i consigli sono la cosa che i produttori esplicitamente avvertono di non fare?

"Non passa giorno in cui non vedo persone che arrivano con ferite legate alla Q-tip", lamenta Jennifer Derebery, specialista in orecchio interno a Los Angeles e ex presidente dell'American Academy of Otolaryngology. "Dico a mio marito che dovremmo comprare azioni nella società Q-tips; supporta la mia pratica. "Non è solo che le persone danneggiano le orecchie con i Q-tips, ma continuano a fare danni. Alcuni addirittura lo chiamano una dipendenza.

NirAndFar
MADtv ha basato un abbozzo classico su una figlia usando Q-tips come un drogato.
Fonte: NirAndFar

Su un forum online, un utente chiede: "Chiunque sia dipendente dalla pulizia delle orecchie con Q-tips? … Giuro su Dio se vado più di una settimana senza attaccare Q-tips nelle mie orecchie, impazzisco. E 'solo così dannatamente avvincente … "Altrove, un altro enteratore del canale auricolare associa anche un tamponamento alle orecchie con dipendenza:" Come posso disintossicarmi dalla dipendenza da Q-tips? "Il fenomeno è così noto che MADtv ha basato un abbozzo classico su una figlia che ha per nascondere l'uso di Q-tip dai suoi genitori come un drogato.

La dipendenza da Q-tip condivide qualcosa in comune con altre, più diffuse dipendenze come il gioco d'azzardo, l'eroina e persino l'uso di Facebook. Capire ciò che chiamo, l'Effetto Q-tip, solleva importanti domande sui prodotti che usiamo ogni giorno e le responsabilità che i loro produttori hanno in relazione al benessere dei loro utenti.

La dipendenza non significa quello che pensi che sia

La parola "dipendenza" è usata un bel po 'in questi giorni. Potremmo dire che un corridore avido è "dipendente" dallo sport o chiama i nostri telefoni cellulari una "tecnologia addictive". Il rivenditore di scarpe, DSW, arriva fino alla stampa, "contenuti altamente addictive all'interno", sulle scatole che invia ai clienti . Tuttavia, come disse Inigo Montoya: "Continui ad usare quella parola, non penso significhi ciò che pensi significhi."

La dipendenza è definita dai medici come una dipendenza dannosa, persistente e compulsiva di un comportamento o di una sostanza. Ma a differenza di altri vizi, la dipendenza implica un danno autoinflitto. Semplicemente facendo qualcosa di molto, come controllare Facebook o guardare la televisione, non si qualifica come dipendenza a meno che l'utente non abbia difficoltà a interrompere l'attività, nonostante le faccia del male.

Secondo il dott. Marc Lewis, neuroscienziato dello sviluppo presso l'Università di Radboud, la dipendenza è un'altra forma di apprendimento. "È il cervello che prende la via più breve per ottenere quello che vuole, le ripercussioni sono dannate", mi spiega.

Lewis conosce bene la dipendenza. Anche se Lewis dalla barba grigia assomiglia un po 'al professore oggi, un tempo era un drogato. Lewis ha documentato le sue esperienze con eroina, ketamina, cocaina e un cocktail di altri psicotropi nel suo libro Memoirs of an Addicted Brain.

Attraverso il suo viaggio da drogato a accademico, Lewis ha raggiunto alcune sorprendenti conclusioni sulla natura della dipendenza. Per uno, Lewis non crede che la dipendenza sia una malattia, almeno non nel modo in cui pensiamo di cancro o glaucoma come un disturbo nella struttura di un organismo. Piuttosto, Lewis crede che la dipendenza sia il sistema di ricompense del cervello che focalizza l'attenzione su un solo, unico stimolo.

In genere pensiamo a sostanze che creano dipendenza con potenti attacchi chimici a cui chiunque potrebbe soccombere, ma non è proprio vero. "La cosa interessante", mi ha detto Lewis, "è che non tutti rispondono allo stesso modo a una droga. Ad alcune persone non piace l'eroina, per esempio. Semplicemente non si sentono bene con loro. "A milioni di persone vengono somministrati oppiacei ad alta potenza dopo l'intervento chirurgico, ma solo pochi sfortunati formano una dipendenza. Molte persone bevono alcol, ma una piccola frazione diventa alcolica. Tutti noi mangiamo, lavoriamo e facciamo sesso, ma non necessariamente diventiamo mangiatori compulsivi, maniaci del lavoro o dipendenti dal sesso.

Ciò che spiega la differenza? "Potrebbe essere che ciò che si sente bene è ciò che ti è mancato", spiega Lewis. In altre parole, un comportamento avvincente deve graffiare un prurito specifico, fisico o psicologico. La dipendenza (rispetto all'uso moderato) richiede quel prurito persistente.

Quel prurito in bocca

Il prurito ci riporta all'umile Q-tip. Per gli utenti di Q-tip, inizia con una sensazione spiacevole, forse un po 'di umidità in eccesso dalla doccia. L'utilizzo di un morbido cotone bianco all'estremità di un bastoncino del condotto uditivo sembra una soluzione ragionevole al problema, nonostante l'avvertimento del produttore.

Certo, il problema non è davvero un problema. "Il cerume è buono. Dovrebbe essere lì, "spiega il dott. Derebery. "Non hai bisogno di pulire le orecchie." Solo essere paziente può risolvere la sensazione di umidità. Tuttavia, come spesso accade nel tentativo di risolvere i dilemmi della vita, la pazienza è difficile e le persone fanno ciò che possono piuttosto che ciò che dovrebbero.

I prodotti che danno assuefazione forniscono sempre al cervello una soluzione temporanea, ma la soluzione crea più problemi. La radicazione ripetuta del condotto uditivo asciuga la pelle e può graffiare il timpano, causando infiammazione. L'infiammazione assomiglia molto al blocco che ha innescato in primo luogo l'orecchio. Più pungoli, più il prurito diventa e più ti gratti. Il ciclo continua fino a quando è necessario un intervento medico.

Questo è quello che apprezzo, l'effetto Q-tip – quando, nel corso dell'utilizzo di un prodotto, la soluzione percepita diventa la fonte del problema. Il problema del gioco d'azzardo porta a stress finanziario, aumentando il fascino di fuggire in uno stato di zona senza mente dove il peso dei problemi del giocatore non può essere sentito. L'isolamento sociale e il senso di colpa che derivano dall'abuso di oppiacei rendono ancora più desiderabile l'abbraccio caldo e amoroso di un'eroina alta. Più la gente guarda la televisione, più si sentono soli e annoiati, aumentando la necessità di rivolgersi a uno schermo per fare qualcosa. L'effetto Q-tip si verifica quando la soluzione diventa la fonte del problema, portando infine dall'uso all'abuso.

NirAndFar
Fonte: NirAndFar

L'effetto Q-Tip è quando la soluzione diventa la fonte del problema, portando infine dall'uso all'abuso.

Questo ciclo di prurito non è esclusivo dei prodotti. Vediamo lo stesso modello con abitudini come mordere le unghie o face-picking, in cui l'irritazione esacerba il problema sottostante e induce più comportamenti autolesionisti. Ma c'è qualcosa di unico e inquietante sulle dipendenze per beni e servizi. Quando si tratta di prodotti che creano dipendenza, qualcuno approfitta del danno arrecato.

Approfittando della dipendenza

Esistono due tipi di prodotti che creano dipendenza. Il primo è il tipo in cui il produttore non conosce l'utente. Alcol, sigarette e persino Q-tips rientrano in questa categoria. Questi prodotti vengono acquistati dagli scaffali dei negozi, lasciando al produttore poche informazioni su chi utilizza le loro merci, come e quanto.

Nel secondo tipo di prodotto avvincente, il produttore conosce bene i comportamenti degli utenti. I casinò conoscono i loro giocatori attraverso le carte fedeltà. Le società di giochi e social media monitorano il clic di ogni utente. E gli spacciatori conoscono ognuno dei loro clienti.

Entrambi i produttori che conoscono e che non conoscono i loro dipendenti possono contribuire a smorzare gli effetti di dipendenza dei loro prodotti in modi diversi. Le aziende che non conoscono i loro utenti hanno l'obbligo di avvisare i potenziali acquirenti se c'è un'alta probabilità di danno. Più l'avvertimento è visibile e inquietante, più efficaci sono nel prevenire gli abusi.

In Australia, ad esempio, dove i cartoni delle sigarette vengono intonacati con l'immagine macabra di una bocca cancerogena gonfia o un giovane sul letto di morte accompagnato da un testo di grandi dimensioni, "FUMARE UCCIDE", il fumo tra gli adolescenti ha raggiunto il minimo storico. Un produttore di tamponi di cotone potrebbe rendere l'etichetta di avvertimento più prominente, includere un'immagine di un potenziale danno all'orecchio, o anche stampare "NON FARE STARE FATTO NELL'ORECCHIO!" Sul lato di ogni tampone.

Ma i produttori di questo tipo di prodotti possono fare così tanto. Le persone potenzialmente abusano di ogni genere di cose. Guardando un episodio della serie televisiva, My Strange Addiction mette in luce persone che soffrono di dipendenze per mangiare vernice, odore di pino, e persino "palloncino che ama". È difficile giustificare chiedere ai produttori di ogni prodotto di avvertire ogni possibile utente contro ogni possibile abuso.

Tuttavia, c'è una differenza tra accettare i casi limite inevitabili tra gli utenti sconosciuti e promuovere consapevolmente l'effetto Q-tip. Quando si tratta di aziende che sanno esattamente chi sta usando, come e quanto, si può fare molto di più. Per fare la cosa giusta dai loro clienti, le aziende hanno l'obbligo di aiutare quando sanno che qualcuno vuole smettere, ma non possono farlo. Le società tecnologiche della Silicon Valley sono particolarmente negligenti da questa misura etica.

Come assicurarsi che la Silicon Valley non diventi Las Vegas

Due anni fa ho pubblicato un libro su come rendere i prodotti più assuefatti. Il libro è diventato un bestseller e spesso mi viene chiesto di consultare le aziende, in particolare quelle tecnologiche, cercando di rendere i loro prodotti e servizi sempre più difficili da smettere di usare.

Sfortunatamente, rendere le cose più accattivanti le rende anche potenzialmente più coinvolgenti. Le tecniche che descrivo nel libro, pensate per aiutare i progettisti di prodotto a costruire abitudini salutari nei loro utenti (come usare un'app per il benessere, tenere traccia delle finanze personali o rimanere in contatto con familiari e amici) sono le stesse tattiche usate da alcuni per mantenere le persone svantaggiate.

La soluzione non sta eliminando ciò che rende questi prodotti coinvolgenti; piuttosto, sta aiutando i tossicodipendenti. Fortunatamente, la natura bidirezionale dei servizi connessi a Internet significa che le aziende possono identificare, inviare messaggi e assistere le persone che vogliono moderare l'uso.

Ad esempio, invece di avviare automaticamente il prossimo episodio su Netflix o Amazon Video, i servizi di streaming video che inducono binge potrebbero chiedere agli utenti se desiderano limitare il numero di ore che guardano in un determinato fine settimana. I giochi online potrebbero offrire ai giocatori che annullano i loro conti l'opzione di inserire nella lista nera le loro carte di credito per prevenire ricadute future. Facebook potrebbe consentire agli utenti di disattivare i loro feed di notizie in determinati momenti della giornata. E invece di rendere così diabolicamente difficile capire come disattivare le notifiche da app particolarmente coinvolgenti, Apple e Android potrebbero chiedere proattivamente a determinati utenti se desiderano disattivare o limitare questi trigger.

Questi servizi conoscono i modelli di utilizzo di ciascun utente. Non hanno bisogno di disturbare tutti, solo quelle persone che mostrano schemi di comportamento indicativi di un problema. Ad esempio, l'impostazione di un trigger in base al numero di ore trascorse utilizzando un servizio online potrebbe spingere la società a contattarsi per suggerire modi per ridurre o deprecare determinate funzionalità.

Infatti, il vantaggio di tutti i dati raccolti su di noi in questi giorni è che le aziende potrebbero utilizzare queste informazioni per aiutare le persone che potrebbero essere danneggiate dall'uso eccessivo dei loro prodotti. Chiaramente, ci sono molte cose che le aziende tecnologiche potrebbero fare per aiutare gli utenti a interrompere il ciclo della dipendenza. Comunque sia che facciano effettivamente qualcosa, è un'altra questione.

Ci sono alcune industrie e aziende che non possono e non aiuteranno i tossicodipendenti. Non sono solo i trafficanti di droghe illegali a beneficiare di dipendenze dannose. Le industrie legittime dipendono anche dai tossicodipendenti. Ad esempio, quegli annunci onnipresenti per giochi online come Clash of Clans e Candy Crush stanno pescando per quello che l'industria chiama "balene" – lo 0,15 per cento dei giocatori che portano il 50 per cento delle entrate. In un settore in cui il costo dell'acquisizione di un giocatore è appena inferiore al reddito generato per utente, le balene puntano la bilancia verso la redditività. Senza questi clienti estremi, le loro attività non sono redditizie. Allo stesso modo, l'industria dei casinò dipende da una quota sproporzionata delle entrate provenienti da un piccolo gruppo di giocatori probabilmente dipendenti, alcuni dei quali sono noti per indossare pannolini per adulti per evitare di dover smettere di giocare.

Molte industrie guadagnano una percentuale eccessiva delle loro entrate dai loro clienti più fedeli. L'industria del fast food, ad esempio, chiama in modo divertente il 20% dei commensali che rappresentano il 60% delle loro entrate, "utenti pesanti", secondo il Wall Street Journal. Mentre non c'è nulla di non etico nell'essere il marchio preferito di un cliente, una linea è attraversata quando un'azienda sfrutta consapevolmente persone con problemi di dipendenza come fanno le industrie del gioco e del gioco d'azzardo.

Ad esempio, sebbene la maggior parte dei casinò americani sia obbligata per legge ad avere programmi di "auto-esclusione" per i giocatori d'azzardo che desiderano interrompere la loro dipendenza, i casinò sono noti per accogliere i giocatori d'azzardo problematici con le braccia aperte. Una situazione simile si è rivelata durante una discussione sull'etica che ho recentemente condotto in un'azienda di giochi online quotata in borsa. I product manager hanno confessato che permettono alle persone di giocare anche quando i giocatori hanno chiesto esplicitamente di essere tagliati.

I casinò sfuggono alla responsabilità attraverso una scappatoia legale che li protegge dall'accusa. Tuttavia, non è etico accettare il patrocinio da qualcuno che un'azienda sa di voler smettere di usare il tuo prodotto ma non ci riesce. Questo standard morale dovrebbe applicarsi a tutti i settori che raccolgono dati personali sull'uso personale e quindi hanno la capacità di identificare, inviare messaggi e aiutare gli utenti problematici.

Il guaio è che le società di gioco e di gioco sono dipendenti dai loro tossicodipendenti, dato che i loro dipendenti sono i prodotti delle aziende. Fare la cosa giusta è una minaccia esistenziale poiché attirare le balene può significare la differenza tra il successo e il fallimento di un gioco o di un casinò. Senza i proventi eccezionali dei pochi giocatori dipendenti, queste industrie avrebbero difficoltà a realizzare un profitto.

Per fortuna, non tutte le aziende dipendono dagli utenti dipendenti come i casinò e le industrie di gioco online. Aiutare i tossicodipendenti non farebbe molto male a Facebook o Reddit, ad esempio.

In effetti, alcune aziende tecnologiche stanno già limitando l'uso eccessivo, anche se in modo rudimentale. Stack Overflow, un sito di domande e risposte tecnico utilizzato da 6 milioni di codificatori, è stato progettato con interruttori integrati. "L'attuale sistema è progettato per premiare la partecipazione continua, ma non al punto da creare ossessione", secondo un post sul sito del co-fondatore Jeff Atwood. "I programmatori dovrebbero essere là fuori nel mondo a creare anche le cose", ha osservato Atwood, sottolineando che Stack Overflow dovrebbe essere un'utilità, non una dipendenza.

A differenza di Q-tips e sigarette – prodotti potenzialmente avvincenti in cui il produttore non conosce l'utente – i servizi online intimamente consapevoli dei comportamenti online dei propri utenti hanno l'opportunità di intervenire. Naturalmente, le aziende tecnologiche non saranno in grado di "curare" le dipendenze, né dovrebbero tentare di farlo. Né dovrebbero agire paternalisticamente, disattivando l'accesso dopo aver determinato arbitrariamente che un utente ne ha avuto abbastanza. Piuttosto, le aziende tecnologiche devono ai propri utenti semplicemente raggiungere e chiedere se possono essere utili, proprio come potrebbe fare un amico interessato. Se l'utente indica che hanno bisogno di assistenza per tagliare, l'azienda dovrebbe offrire una mano. Con i dati raccolti da queste aziende, identificare e raggiungere potenziali tossicodipendenti è un passo relativamente facile. Uno più difficile, a quanto pare, è abbastanza premuroso da fare la cosa giusta.

Ecco il Gist

  • L'effetto Q-tip si verifica quando una soluzione percepita a un problema diventa il problema, risultando in un ciclo di autolesionismo.
  • Molti prodotti possono innescare un effetto Q-tip ma la stragrande maggioranza delle persone smette di usare il prodotto quando ne scoprono le conseguenze negative.
  • Tuttavia, alcune persone non possono fermarsi. Le persone che soffrono di dipendenza abusano del prodotto nonostante il danno.
  • Le aziende che sono in grado di identificare persone che potrebbero soffrire di dipendenza hanno la responsabilità etica di aiutarle a smettere.

Nir Eyal è l'autore di Hooked: come creare prodotti di formazione di abitudini e blog sulla psicologia dei prodotti su NirAndFar.com. Per ulteriori approfondimenti su come cambiare il comportamento, iscriviti alla sua newsletter gratuita e ricevi un libro di esercizi gratuito.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su NirandFar.com

Solutions Collecting From Web of "Le società di tecnologia sono persone avvincenti. Dovrebbero fermarsi?"