Le sfide della gestione remota

A volte sembra che tu possa imparare di più sulla gestione seduti da un bar piuttosto che leggendo un libro di testo.

Recentemente sono stato seduto in un bar in un resort con mia moglie e ho iniziato a parlare con l'uomo seduto accanto a me. Godendo di un micro-brew, era un tipo di mezza età, ben vestito, in uscita. Si scopre che lavora nella gestione – in effetti, un tipo di gestione che ho trovato interessante da tempo ma che ha avuto relativamente poca esperienza con: la gestione remota. Per un produttore di computer globale di Fortune 100.

Full disclosure: so cosa non so, e il mio background è circa un quarto di secolo in un ambiente di gestione tradizionale: grandi sedi aziendali con dipendenti, reparti, divisioni nelle vicinanze – alcune operazioni remote occasionali, ma la maggior parte della gestione può essere fatta facilmente di persona con una rapida passeggiata lungo un corridoio. La gestione remota ha un insieme completamente diverso di logistica e sfide.

Quale il mio nuovo amico al bar ha iniziato a descrivere.

Un ambiente "a braccia spalancate" – Gestisce progetti IT e, cosa che mi interessa di più, non ha mai incontrato di persona né i membri della sua squadra né il suo manager. I suoi membri del team sono sparsi in Europa e in Sud America, e il suo manager è in Europa. Una buona parte del suo tempo viene speso, non a caso, coordinando le riunioni attraverso fusi orari molto diversi.

Sa, naturalmente, chi sono i suoi membri del team, ma ha ben poca idea di come sono personalmente. La maggior parte delle interazioni avviene via email.

È difficile, ho chiesto, non avendo davvero un chiaro senso delle personalità individuali che stai gestendo?

È, ha detto, certamente non rende le cose più facili.

Date le distanze e i fusi orari, gran parte del suo tempo è trascorso in attesa di risposte via email. Egli stima che circa la metà del suo tempo sia trascorso in attesa – parte del processo di comunicazione multi-continente.

È inefficiente? Ho chiesto. Mi è sembrato un sacco di tempo perso.

Non fraintendermi, ha risposto, sono molto contento di avere un lavoro e ci lavoro diligentemente, ma sì, c'è sicuramente molta inefficienza in questo tipo di gestione.

Gli accordi di lavoro a distanza sono ovviamente in aumento. Un rapporto di ottobre 2012 basato sui dati del Census Bureau degli Stati Uniti del 2010, ha mostrato che circa il 7% dei dipendenti statunitensi lavorava esclusivamente da remoto e circa il 10% lavorava almeno un giorno alla settimana a casa.

Benché comprenda appieno che l'account che ho descritto sopra è l'esperienza di una sola persona (basata su un'operazione altamente globale) e non voglio generalizzarlo da più parti, esso offre una finestra sulle sfide della gestione remota ambiente: in particolare la mancanza di contatti personali, l'attesa, i tempi morti, ecc. Ma mi ha anche dato una prospettiva più comprensiva sulle sfide che Marissa Mayer stava tentando di affrontare in Yahoo con il suo controverso reining nell'ambiente di lavoro remoto .

Per non dire che sono contrario agli accordi di lavoro a distanza, perché non lo sono … ma senza dubbio c'è un potenziale intrinseco di inefficienza, e queste disposizioni richiedono un livello particolarmente acuto di impostazione degli obiettivi e di messa a fuoco dei risultati, specialmente quando una squadra è così ampia disperso come quello qui descritto.

Chiamami old school (colpevole di addebito), ma mi sembra che non sia proprio giusto un ambiente di gestione in cui non hai mai incontrato nessuno dei membri del tuo team o il tuo manager.

Pensieri dai lettori? Sarei interessato a conoscere in particolare persone che sono state gestite in ambienti di lavoro remoti.

Questa aricle è apparsa per la prima volta su Forbes.com.

* * *

Victor è l'autore di The Type B Manager: leader in un mondo di tipo A (Prentice Hall Press).

Solutions Collecting From Web of "Le sfide della gestione remota"