Le sei C di recupero

La cara risposta di Abby ad una persona cara che ha appena concluso una relazione con un alcolizzato.

"Gli alcolisti sono come tutti gli altri: a volte incredibili, amorevoli, intelligenti, affascinanti, divertenti e avvincenti. Sfortunatamente, la ricaduta della dipendenza può essere tremenda per i propri cari. È una vita deprimente, deprimente e solitaria essere con qualcuno a lungo termine che si impegna in comportamenti così pericolosi ".

Nel 2013 l'Istituto nazionale per l'abuso e l'alcolismo di alcolici ha riportato che 16,6 milioni di adulti di età pari o superiore a 18 anni avevano un disturbo da consumo di alcol. Molti altri milioni di familiari e amici condividono il loro dolore. James Graham scrive che ci sono due grandi risorse umane sull'alcolismo: alcolizzati di recupero che hanno esperienza in prima linea e veterani di combattimento che sono stati esposti al bere attivo di una persona cara per lunghi periodi di tempo. Sono un veterano di combattimento il cui marito ha perso la battaglia contro l'alcolismo.

Il giorno di Natale del 1996, mio ​​marito, Terry, si è suicidato. Aveva solo quarantasette anni. Sebbene ammettesse di essere un alcolizzato, odiava l'etichetta con la sua immagine di ubriaconi di strada che stringevano pinte di liquore di rotugut accanto a cassonetti in vicoli bui. Mio marito era più di un lussureggiante, un ubriaco, un barfly. Era un avvocato dotato, un figlio amorevole, un orgoglioso patrigno, un amico leale, un marito solidale e un fan accanito di Dallas Cowboy che alla fine soccombette a questa astuta malattia. Terry non è mai stato cattivo, cattivo o violento. Quando era ubriaco, semplicemente non c'era. Immobile, come un cadavere. Una volta chiesi: "Perché bevi quando provoca così angoscia?" "Oblivion", rispose. "Mi piace l'oblio."

Terry abitava un universo parallelo: il suo sé nascosto e il suo sé pubblico. Come la luce che è composta da onde e particelle, mio ​​marito era contemporaneamente entrambe le cose – un paradosso sconcertante. Poco dopo la sua morte, ho composto una poesia per "mio marito di mille gioie e dolori". Per ogni triste episodio associato all'alcol, c'era un tempo altrettanto gioioso quando Terry era sobrio. Ci siamo fatti strada tra gli alti e bassi delle montagne russe del nostro matrimonio. Guardando indietro, riconosco la mia parte in questo viaggio rischioso. Ho prosperato sul melodramma. Questo è probabilmente il motivo per cui non ho abbracciato la mia stessa guarigione.

Gli anni passarono. Terry progredì dalla metà alla fase avanzata della malattia. Ad un certo punto, ha frequentato un programma di trattamento residenziale. In un evento del fine settimana per familiari e amici sono stato introdotto alla filosofia dei dodici passi. Ha senso ma non ho seguito. Ero troppo arrogante, ostinato e testardo. Credo di poter aggiustare mio marito. Poco dopo il trattamento, ha avuto una ricaduta. Per gli anni restanti fino alla sua morte riprendiamo la nostra vita di gestione della malattia.

Salta a diversi anni dopo quando ho scoperto che mio figlio adulto stava abusando di droghe. Ancora una volta mi sono arrampicato sulle montagne russe e ho raddoppiato i miei sforzi per sistemare mio figlio. Non stavo per perdere anche lui. Niente ha funzionato, ma questo non mi ha fermato. Alla fine, dopo diversi tsunami, ero impoverito, depresso e affogato per la paura e la disperazione. Un amico mi ha invitato a un incontro di dodici passi in cui ho scoperto di non essere solo. La mia situazione non era unica. In effetti, le mie sfide erano le stesse di tutti gli altri. Eravamo tutti veterani di combattimento alle prese con la malattia. Come abbandoniamo il controllo? Per mantenere il nostro cucchiaio nelle nostre ciotole "Per camminare sul nostro lato della strada? Per imparare come vivere una vita sana e felice? Per riprendersi dal comportamento distruttivo della nostra amata?

All'inizio, sono stato introdotto alle tre C sulla dipendenza. Non l'ho causato. Non posso curarlo. Non posso controllarlo Nel corso degli anni, queste C sono diventate il mio "go to" mantra ogni volta che ricadevo nei vecchi comportamenti.

Successivamente, ho aggiunto altre tre C: coraggio, compassione e comunità. Recentemente ho partecipato a un seminario in cui il leader chiedeva: "Qual è la forza che già possiedi su cui puoi attingere per creare la vita che vuoi per te?" Saltai in piedi e replicai, "coraggio." Ci vuole coraggio per entrare in un riunione di dodici passi per la prima volta. Ricordo la mia apprensione, autocoscienza e lacrime nel mio primo incontro. (Per fortuna tutti erano accoglienti.) Ci vuole coraggio per cercare uno sponsor. (Cosa succede se lei dice "no"?) Ci vuole coraggio per intraprendere il punto quattro. (Fai un inventario morale alla ricerca e senza paura.) Affrontare i miei difetti di carattere e lavorare per superarli è stato un compito monumentale. Con l'aiuto del programma, sono stato in grado di sviluppare compassione per me stesso e la mia amata. Lavoro sodo per non picchiarmi per i tanti errori che ho fatto cercando di "aggiustare" mio marito e mio figlio. Un membro saggio dice spesso: "Quando conosci meglio, fai meglio".

Non avrei potuto andare lontano nella mia guarigione senza l'amore e il sostegno della fratellanza di dodici passi, una comunità in cui ci aiutiamo a vicenda a guarire le nostre contusioni ea liberare i nostri fardelli. Ci protendiamo per celebrare i nostri trionfi, ammettere i nostri fallimenti, esprimere i nostri dolori, superare le nostre paure e condividere la nostra gratitudine. Un membro spesso dice: "Tutto quello che devi fare è essere disposto". Volontà di presentarsi e contribuire, disposto ad ascoltare e imparare, e disposto a ridere e piangere. Contrastiamo la ricaduta della dipendenza di una persona cara condividendo la nostra esperienza, forza e speranza. Abbracciamo le C, gli slogan, i passi e le tradizioni. Cerchiamo serenità e ci rallegriamo nel dono della guarigione.

Solutions Collecting From Web of "Le sei C di recupero"