Le scuole non possono sembrare giuste per la tecnologia

Post del Dr. Kausalai (Kay) Wijekumar, professore di insegnamento, apprendimento e cultura e direttore del Center for Urban School Partnerships (CUSP) presso la Texas A & M University. Il Dr. Wijekumar è un appassionato sostenitore del miglioramento dell'apprendimento per tutti i bambini e combina la sua esperienza in informatica, tecnologia didattica e arte per cercare di avere un impatto positivo. Maggiori informazioni sulla sua ricerca possono essere trovate su www.literacy.io

I computer della nostra società sono diventati così parte integrante del nostro funzionamento quotidiano che molte persone non sanno come vivere senza un dispositivo elettronico. Gli sviluppatori di tecnologia promuovono anche questa dipendenza con una serie infinita di nuovi gadget e trucchi per mantenere i clienti legati al ciclo senza fine del commercialismo basato sulla tecnologia. Ogni settimana è previsto un aggiornamento del sistema operativo, del software e / o dei dispositivi.

Le scuole e gli insegnanti sono i destinatari di un modello simile di dipendenza dalla tecnologia ad alti costi umani e monetari. Miliardi di dollari sono stati investiti in infrastrutture, tecnologie e sviluppo professionale per utilizzare gli strumenti con grandi aspettative per i risultati dell'apprendimento (Wijekumar, Meyer & Lei, 2013). Come psicologi educativi, poniamo la domanda: l'aumento dell'uso della tecnologia a scuola migliora la motivazione e l'apprendimento degli studenti?

Sfortunatamente, il ritorno sull'investimento è stato limitato e sporadico (Cheung & Slavin, 2011). Infatti, quando una scuola investe nell'acquisto di nuovo software (ad esempio, sistema di gestione dei corsi, software didattico), la fanfara che accompagna il lancio è intensa. Nel momento in cui i risultati cominciano a rotolare e Johnny non riesce ancora a leggere, e le valutazioni complessive della scuola non si sono spostate dallo stesso numero anno dopo anno, l'hype sull'innovazione è quasi del tutto dimenticato. Sulla sua scia si trovano "storie" di successo, in cui uno o due aneddoti sui bambini vengono presentati come testimonianze. La lavagna interattiva è diventata la lavagna più costosa nella storia della classe o, peggio, un mezzo per far arrabbiare i bambini con i loro punteggi di riferimento!

Uno degli obiettivi della psicologia dell'educazione è quello di sviluppare la comprensione di come l'insegnamento e l'apprendimento possano essere migliorati attraverso le nuove tecnologie. Abbiamo cercato risposte a domande sconcertanti sul perché le scuole continuino a investire ingenti somme di denaro e non riescano a raggiungere il successo utilizzando i dati raccolti durante cinque recenti studi di ricerca. Durante l'implementazione di studi di ricerca focalizzati sulla tecnologia, abbiamo raccolto dati sugli investimenti tecnologici delle scuole, sui successi e sui fallimenti e osservato importanti aspetti della diffusione della tecnologia nelle scuole. Circa 80 scuole in una vasta area geografica (oltre 10 stati) hanno partecipato ai nostri studi di ricerca e rappresentano ambienti rurali, suburbani e urbani e servono bambini provenienti da spettri socioeconomici di alto, medio o basso livello (Wijekumar, et al. , 2014; Wijekumar, Meyer & Lei, 2016). Circa la metà delle scuole partecipanti erano situate in aree ad alta povertà. I nostri risultati aprono gli occhi alle cause dei problemi.

Il digital divide è vivo e prospero

I bambini delle scuole di alto livello socioeconomico che hanno partecipato ai nostri studi di ricerca hanno avuto eccellenti risorse tecnologiche che sono state mantenute e aggiornate continuamente. Al contrario, i bambini nelle scuole che servono quartieri ad alta povertà incontrano molte difficoltà derivanti dalla mancanza di finanziamenti sostenuti e / o supporto per l'aggiornamento dei computer e / o delle reti e della larghezza di banda. Ciò era più evidente quando il gruppo di ricerca osservava laboratori informatici con computer funzionanti e reti ad alta larghezza di banda in alcune scuole. Al contrario, in ambienti scolastici ad alta povertà i laboratori informatici avevano computer obsoleti con molti computer sprovvisti di jack per cuffie e / o tastiere rotte. I team di supporto informatico erano scarsamente presidiati e le chiamate per riparare o aggiornare il software venivano spesso ignorate. I nostri gruppi di ricerca hanno notato spesso che i computer sono stati usati raramente a causa di tutte le sfide. Nel complesso, la disparità di disponibilità, usabilità e utilizzo delle risorse del computer sono state nette.

La divisione della conoscenza degli insegnanti è amplificata dalle tecnologie

Il ruolo degli insegnanti in un ambiente di apprendimento incentrato sulla tecnologia pone opportunità e sfide per promuovere l'apprendimento degli studenti. Gli insegnanti con una profonda conoscenza degli usi didattici delle tecnologie sono in grado di fornire un potente apprendimento agli studenti che usano i computer come strumenti mentali (Jonassen, 2000). Cioè, questi insegnanti hanno usato la tecnologia come strumenti per promuovere il pensiero critico mentre ricercavano online; hanno anche promosso le capacità di analisi quando utilizzano fogli di calcolo o database. Al contrario, oltre il 95% delle nostre osservazioni in aule con tecnologia infusa mostrano insegnanti che usano il tempo del computer come pianificazione o valutazione, ignorando frequentemente ciò che stava accadendo sui computer mentre i loro studenti lavoravano con le istruzioni computerizzate (Wijekumar, Meyer & Lei, 2013 ). Lo sviluppo professionale dell'insegnante sugli strumenti informatici non ha permesso di sviluppare efficacemente gli strumenti; invece è servito come "addestramento" per sapere come e quando fare clic sulle attività e sui rapporti. In molti casi gli insegnanti sono stati distratti dalla rottura degli strumenti o dall'uso semplice degli strumenti e si sono dimenticati dei risultati dell'apprendimento. Una domanda chiave che sta andando avanti è come possiamo sostenere efficacemente gli insegnanti nell'uso della tecnologia per migliorare l'apprendimento degli studenti?

Concentrarsi sulla motivazione come fine

Un altro scenario preoccupante in tutte le nostre osservazioni in classe era che gli amministratori segnalano che gli studenti sono impegnati e intrattenuti e, quindi, devono imparare. Molti insegnanti sono diventati diffidenti nei confronti degli espedienti e si considerano perdere tempo istruttivo per i computer e ricevere ammonimenti quando i punteggi non mostrano miglioramenti. Sfortunatamente, le decisioni relative all'acquisto di tecnologie sono raramente nelle mani degli insegnanti, il che si traduce in maggiori investimenti in tecnologie che ignorano i risultati dell'apprendimento.

La motivazione spiega le ragioni del comportamento, ma è solo un mezzo per un fine. La ricerca sulla psicologia educativa mostra che l'aumento della motivazione deve portare ad un aumento dell'apprendimento. Se la diffusione della tecnologia si concentra solo sulla motivazione e manca di profondità di apprendimento, tutto ciò che rimane è l'hype della tecnologia con lucertole saltellanti, rane volanti, e un bambino che è troppo stimolato dal computer e che è sempre alla ricerca di questi brividi. Einstein e Newton erano risolutori di problemi cerebrali che facevano affidamento sulla riflessione silenziosa e sulla ricerca dolorosamente lenta e costante per risolvere i problemi. Né lo scienziato dipendeva da brividi a breve termine come mezzo per risolvere problemi monumentali. Incoraggiare in modo esclusivo una mentalità orientata alla ricerca dell'eccitazione tecnologica in aula alimenterà il vorace appetito commerciale degli sviluppatori di tecnologia, ma potrebbe non creare solutori di problemi.

Tecnologia di abbinamento agli obiettivi di apprendimento e alle esigenze degli studenti

Come psicologi educativi, vogliamo abbinare lo strumento migliore agli obiettivi di apprendimento per garantire il successo nel promuovere l'apprendimento e la motivazione. In una recente conferenza sullo sviluppo del bambino, un gruppo di tecnologia ha presentato uno strumento iPad per bambini di età inferiore ai 5 anni per imparare come impilare i blocchi. L'obiettivo, hanno detto, era di creare un'app che fosse realistica in 3 dimensioni su un iPad. Gli esseri umani (e specialmente i bambini) hanno bisogno di interazioni tattili con il loro ambiente. Qualunque cosa sia successo a dare a un bambino dei veri e propri blocchi e dare loro la vera esperienza costruendo con i blocchi? O il brivido di rovesciare i blocchi? È probabile che la corrispondenza tra gli obiettivi di apprendimento e le esigenze dei bambini degli strumenti appropriati produca risultati di apprendimento più forti. In questo scenario, non tutti gli strumenti devono essere basati su computer.

Mettere il treno della tecnologia di nuovo in pista

Le scuole devono concentrarsi su piani a lungo termine guidati dai bisogni degli studenti e non su ciò che gli sviluppatori di tecnologia vendono ogni settimana. Si noti che l'esperienza nell'utilizzo di qualsiasi strumento richiede tempo per svilupparsi (Ericsson, Charness, Feltovich e Hoffman, 2006) e che le scuole devono dedicare tempo sufficiente per sviluppare competenze. Il budget delle scuole per i computer DEVE pianificare il supporto necessario e gli investimenti annuali per gli aggiornamenti. Le scuole devono inoltre assegnare il personale qualificato necessario per gestire saggiamente le loro infrastrutture tecnologiche.

Gli insegnanti in servizio e pre-servizio devono acquisire una profonda conoscenza di come i computer possano essere utilizzati efficacemente come strumento di apprendimento. Devono essere mostrati come un semplice foglio di calcolo può essere usato impropriamente come una calcolatrice o può essere usato nel pensiero di ordine superiore come strumento di verifica delle ipotesi. Il trapano e la pratica possono essere appropriati per alcune attività di apprendimento, ma il concetto di computer come strumento mentale che focalizza l'attenzione su attività di pensiero di ordine superiore come analisi, pensiero critico e test di ipotesi dovrebbe essere al centro dell'ambiente di apprendimento. Imparare a usare lo strumento (ad esempio, sapere dove e come inserire un'equazione) è una competenza preliminare e non l'obiettivo finale.

Quando si effettuano selezioni tecnologiche, gli amministratori devono concentrarsi pesantemente sui risultati dell'apprendimento. Condurre una valutazione dei bisogni sui tipi di competenze che i bambini dovrebbero imparare prima di rivedere le tecnologie potrebbe mantenere la discussione sulle "vendite" basata su ciò che è importante. Identificare gli obiettivi di apprendimento e le esigenze degli studenti consente inoltre ai responsabili decisionali di valutare i pro e i contro o la necessità delle tecnologie. L'utilizzo di risorse, come il What Works Clearinghouse , rappresenta un valido punto di partenza per valutare l'efficacia o l'efficacia di qualsiasi soluzione.

Le sfide e le opportunità poste in questo blog mettono in evidenza la necessità per gli psicologi dell'educazione e altri soggetti educativi di pensare profondamente e strategicamente sui modi in cui la tecnologia può essere utilizzata efficacemente a scuola per migliorare la motivazione e l' apprendimento degli studenti.

Questo post fa parte di una serie speciale a cura della presidente della divisione 15 APA, Bonnie JF Meyer. La serie, incentrata sul suo tema presidenziale di "Accogliere e promuovere la ricerca in psicologia dell'educazione: studenti, insegnanti e scuole coinvolgenti", è progettata per diffondere la diffusione e l'impatto di una ricerca psicologica educativa significativa. Chi è interessato può imparare di più su questo tema nella Newsletter estiva della Divisione 15 del 2016.

Solutions Collecting From Web of "Le scuole non possono sembrare giuste per la tecnologia"