Le riprese del Pentagono: non "Just Snap"

"Ha appena scattato." "È andato fuori di testa." Questi sono termini comunemente usati da familiari, amici, vicini e opinionisti della TV che descrivono persone come John Bedell, la persona che ha sparato a due agenti di polizia, al Pentagono di marzo 4.

Secondo ABC News, John Patrick Bedell è stato descritto come un mago geniale brillante e apparentemente gentile, ma così ritirato, che le persone in questa comunità rurale dove i suoi genitori e nonni sono leader civici, sapevano poco di lui – fino a quando ha aperto il fuoco al Pentagono questa settimana.

I resoconti ora stanno dipingendo un quadro di un uomo che è affondato profondamente nella malattia mentale e in battute anti-governative. Come spesso accade, la famiglia ha cercato di ottenere l'aiuto che apparentemente ha rifiutato di accettare. Bedell è stato diagnosticato come bipolare e da anni è entrato e uscito dai programmi di trattamento. Il suo psichiatra, J. Michael Nelson, disse all'Associated Press che Bedell tentò di automedicare con la marijuana, rendendo inavvertitamente più pronunciati i suoi sintomi. "Senza il farmaco stabilizzante, i sintomi della sua disinibizione, agitazione e paura hanno complicato la mancanza di trattamento", ha detto Nelson. L'AP ha riferito che i suoi genitori avevano contattato le autorità di Hollister, in California, alcune settimane fa per avvertire che era instabile e che avrebbe potuto acquistare una pistola.

Per molti versi, le sparatorie al Pentagono di Bedell ricordano la sparatoria di due agenti di polizia all'interno del Campidoglio statunitense di Russell Weston. Entrambi gli attacchi sono stati condotti da uomini che nutrivano profonda sfiducia nei confronti del governo federale e avevano una storia di malattie mentali. Weston, che aveva una lunga storia di schizofrenia paranoica, disse che andò al Campidoglio per avere accesso a quello che chiamò "il rubino satellite", un dispositivo che disse che era custodito in una cassaforte del Senato. Quel satellite, ha insistito, era la chiave per fermare il cannibalismo.

Ci sono migliaia, forse centinaia di migliaia di americani che sono estremamente arrabbiati con il governo federale e ci sono centinaia di siti web dedicati a cospirazioni governative e gruppi di miliziani. Inevitabilmente, alcune persone con malattie mentali saranno coinvolte in quelle ideologie.

Le persone non si limitano a "scattare". Quando accade qualcosa di orribile, come un omicidio o un attacco violento, cerchiamo naturalmente una causa. "Snapping" è un modo semplice per descrivere quella che è in realtà una catena di eventi complessa, ma comprensibile. La ricerca sugli attacchi violenti e il comportamento degli attaccanti può far luce su come si muove verso un percorso verso la violenza.

Il Progetto di studio eccezionale (ECSP) è stato condotto dal Servizio segreto statunitense e ha esaminato attacchi mirati a funzionari pubblici e personalità pubbliche (Fein & Vossekuil, 1999). Nell'ECSP, il Servizio segreto ha coniato il termine "violenza mirata" e lo ha definito come qualsiasi episodio di violenza in cui un attaccante noto o conoscibile seleziona un particolare bersaglio prima dell'attacco violento (Fein, Vossekuil e Holden, 1995).

L'ECSPP è un'analisi operativa del pensiero e del comportamento di individui che hanno assassinato, attaccato o avvicinato per attaccare una persona di spicco dello stato pubblico negli Stati Uniti. La fase iniziale dell'ECSP, completata nel 1998, ha identificato e analizzato 83 persone note per aver partecipato a 73 episodi di assassinio, attacco e comportamenti di attacco vicino dal 1949 al 1995.

I risultati hanno rivelato che la violenza mirata è un processo di pensiero e comportamento spesso percepibile (non si limitano a scattare). Assassini e aggressori pianificano i loro attacchi e sono motivati ​​da una vasta gamma di problemi. Prendono in considerazione diversi obiettivi prima di agire, ma raramente indirizzano minacce al bersaglio o alle forze dell'ordine. I risultati hanno anche suggerito che la malattia mentale non è fondamentale per determinare la pericolosità; la capacità e la capacità di sviluppare ed eseguire un piano è molto più significativa. Soprattutto, i risultati hanno indicato che non esiste un "profilo" dell'attaccante, ma piuttosto, identificato un insieme comune di "comportamenti di attacco" esibiti dai soggetti. Questi comportamenti sono citati nel rapporto.

La sola malattia mentale non aumenta il rischio di violenza, ma quando la malattia mentale è combinata con altri fattori di rischio come l'abuso di sostanze (come nel caso di Bedell, che si è auto-medicato con la marijuana) aumenta il rischio di violenza. La ricerca precedente ha prodotto risultati contrastanti sul legame tra malattia mentale e violenza.

In uno studio del 2009 condotto da Eric Elbogen e Sally Johnson alla Scuola di Medicina dell'UNC-CH, i dati sono stati valutati su circa 35.000 persone, tutte intervistate sulla loro salute mentale, storia di violenza e uso di sostanze tra il 2001 e il 2003. Hanno trovato che la percentuale di partecipanti che riferiscono una malattia mentale riflette le percentuali riscontrate nella popolazione generale e in altri studi.

In una seconda intervista condotta nel 2004 o nel 2005, ai partecipanti è stato chiesto di parlare di comportamenti violenti, come commettere un attacco sessuale, combattere o dare fuoco, nel tempo che intercorre tra le interviste. nel tempo tra la prima e la seconda intervista, il 2,9% dei partecipanti ha dichiarato di essere stato violento. Quando Elbogen e Johnson hanno valutato le possibili associazioni tra malattia mentale, violenza e altri fattori, avere una malattia mentale da sola non ha predetto la violenza, ma avere una malattia mentale e un problema di abuso di sostanze ha aumentato il rischio di violenza.

Quando Elbogen e Johnson guardavano quelli che avevano solo una grave malattia mentale, il 2,4% era stato violento. Ma quando hanno guardato a quelli con depressione maggiore e abuso di sostanze o dipendenza, il 6,47% era stato violento.

Quando hanno guardato quelli con schizofrenia, il 5,15% ha riferito un comportamento violento nel periodo di tempo tra le interviste. Ma quando una persona con schizofrenia aveva anche problemi di abuso di sostanze o dipendenza, il 12,66% riferiva un comportamento violento nel tempo tra le interviste. Il più alto rischio di violenza è stato riscontrato in coloro che avevano una malattia mentale, un problema di abuso di sostanze e una storia di violenza. Questi partecipanti avevano 10 volte il rischio di violenza rispetto a quelli che avevano solo una malattia mentale.

Altri fattori che hanno previsto un comportamento violento includevano a

  • storia di detenzione minorile o abuso fisico,
  • avendo visto il combattimento dei genitori,
  • recente divorzio,
  • disoccupazione,
  • essere vittimizzati stessi
  • essere più giovane, maschio e a basso reddito

Sia che una persona sia malata di mente o meno, non si tratta solo di uno "schiocco". In generale, vi è una progressione dei comportamenti lungo un percorso verso la violenza e tali comportamenti diventano spesso evidenti quando una persona si muove lungo quel percorso. Come genitori, insegnanti, amici, familiari, colleghi di lavoro e forze dell'ordine, dovremmo imparare come riconoscere questi segnali di avvertimento comportamentali e comunicare le nostre preoccupazioni alle persone che potrebbero essere in grado di aiutare. Sfortunatamente, può essere estremamente difficile ottenere aiuto per qualcuno con una malattia mentale che non accetta l'aiuto, come nel caso di Bedell.

Dovrebbero essere fatti sforzi per stigmatizzare la malattia mentale e i miti sulla malattia mentale e la violenza, incoraggiando al contempo i tentativi di cercare assistenza e trattamento. Esperti TV … per favore smetti di usare termini come "wacko", "squilibrato" e "caso dado" per descrivere gli autori di violenze. Questo è un linguaggio semplicistico e stereotipato e invia il messaggio agli spettatori che non capisci cosa potrebbe aver causato un incidente di violenza.

Solutions Collecting From Web of "Le riprese del Pentagono: non "Just Snap""