Le ragazze vengono chiamate "slut" tutti i giorni

Le ragazze vengono chiamate "troie" ogni giorno. I miei studenti sono così abituati a essere vittime di bullismo e molestie che non riescono a immaginare una scuola senza prepotenze. Uno studente in uno dei miei corsi una volta disse: "Passa oltre". Mi guardano come se fossi una specie di pazzo professore di pollyanna quando suggerisco che non deve essere così. Le ripercussioni stanno tuttavia crescendo, anche quando gli studenti si rassegnano.

L'isolamento sociale è triplicato a partire dagli anni Ottanta, secondo la General Social Survey del 2004. La depressione si verifica in età sempre più giovane; 1 su 3 ragazze delle scuole superiori sono depresse e il 29% di tutti gli adolescenti. L'ansia è così alta tra i bambini che lo psicologo Jean M. Twenge ha scritto che i bambini considerati "normali negli anni ottanta erano sostanzialmente più ansiosi dei pazienti psichiatrici infantili negli anni Cinquanta!" Non c'è da stupirsi che i bambini si rassegnino – il loro stress emotivo altamente inquietante è considerato "giusto" bene “.

Non è però. E i bambini stanno morendo. Vengono uccisi nelle sparatorie a scuola e si stanno suicidando. Ogni anno sentiamo parlare di giovani che sono stati vittime di bullismo così male che si sono tolti la vita. C'è una cultura della disperazione nelle scuole.

Ashlynn Connor, di dieci anni, una cheerleader e studentessa d'onore si è uccisa a novembre 2011 a Ridge Farm, nell'Illinois, lo scorso novembre. Sua madre disse: "La chiamerebbero una troia. 'Ashlynn è brutto.' "È grassa."

Alexis Pilkington, 17 anni, della contea di Suffolk, New York, si è suicidata nel marzo 2010. Era un'atleta popolare e ha suscitato gelosia: la sua pagina di Facebook è stata disseminata di insulti personali, commenti sessualmente suggestivi e immagini di persone che si uccidono. Le provocazioni continuarono dopo la sua morte. Una persona ha scritto: "Era ovviamente una stupida depressa, che meritava di uccidersi. lei ha ottenuto quello che voleva. sii felice per la sua morte. gioire in esso ".

Phoebe Prince, 15 anni, nel gennaio 2010, commise l'errore di frequentare un giocatore di calcio di alto livello al South Hadley High in Massachusetts. Le ragazze la chiamavano "slut irlandese" e "puttana" su Facebook e Twitter. Non pensavano che un immigrato di matricola avesse il diritto di frequentare un atleta di varsity.

La maggior parte delle molestie non termina con la morte, ma i bambini si ritrovano con l'autostima impoverita, l'auto-taglio, l'assenteismo, l'abuso di sostanze, l'ansia debilitante e la depressione.

Molti giovani non hanno idea di cosa significhi avere veri amici. Le ragazze (e i ragazzi) vogliono disperatamente amicizie e connessioni autentiche. Troppo spesso, però, scoprono che le loro relazioni a scuola sono in gran parte strumentali – gli studenti scambiano i reciproci segreti come capitale dell'informazione, sfruttano le loro interazioni sessuali per cercare di diventare popolari e compromettono i loro precedenti valori per essere accettati. Dove gli studenti cercano amicizia, intimità e accettazione di se stessi, molti trovano che "abbia più senso" diffidare. Imparano rapidamente che la punizione per andare contro le aspettative di quegli studenti percepiti come popolari potrebbe atterrarli nella parte inferiore della gerarchia della loro scuola e renderli un bersaglio. Gli stronzi delle puttanelle (e l'omicidio dei gay) diventano aspetti normali dei giorni dei bambini mentre cercano il dominio piuttosto che cercare connessioni. Il pregiudizio su razza, classe, abilità, sessualità e altre differenze può diventare il collante che cementa le relazioni degli studenti piuttosto che i loro interessi e passioni più intrinseche.

Le ragazze vengono chiamate "troie" ogni giorno. E non va bene. In un modo o nell'altro viene loro detto che non sono accettabili così come sono, quindi la loro sessualità viene scrutinata e giudicata senza sosta; i barometri con cui vengono giudicate le ragazze sono pieni di pregiudizi e invidia. Le scuole devono capire i modi per portare questi problemi allo scoperto. Le scuole devono aiutare i bambini a sviluppare vere amicizie basate sulla fiducia, la gentilezza e la condivisione significativa. In questo momento molti studenti si oggettivizzano a vicenda e alcuni non riescono nemmeno a provare empatia quando i loro coetanei muoiono.

Oggi, connettersi con altri esseri umani e noi stessi, valorizzare le altre persone come priorità nella propria vita, prendersi cura degli altri e vivere con compassione ed empatia sono inusuali. Tra gli studenti universitari, quelli che hanno iniziato dopo il 2000 hanno livelli di empatia inferiori del 40% rispetto a quelli che sono venuti prima di loro, secondo Maia Szalavitz, coautrice del libro del 2011, Born for Love: Why Empathy is Essential-and Endangered .

La vera amicizia basata sul profondo amore, sulla fiducia e sul sostegno reciproco è letteralmente rivoluzionaria – come ha affermato Robin Morgan con il titolo della sua antologia del 1970, Sisterhood is Powerful . Dobbiamo aiutare le ragazze a costruire amicizie fidate.

La società contemporanea incoraggia invece le persone a raggiungere socialmente, accademicamente e professionalmente a spese di chiunque – e il costo delle relazioni personali è devastante.

Nuovi studi dimostrano che animali femminili come scimmie, babbuini e focene fanno amicizia duratura l'uno con l'altro. Eppure, nell'attuale e spregiudicato ambiente di oggi, molti di noi hanno dimenticato come preoccuparsi.

Solutions Collecting From Web of "Le ragazze vengono chiamate "slut" tutti i giorni"