Le radici profonde di sinistra contro destra

Cosa organizza le persone in fazioni politiche sostenute come la sinistra o la destra? Presumibilmente le nostre risposte opposte a una domanda fondamentale, ma quale è questa domanda?

Il genere è una distinzione naturale, sebbene non delineata in modo decisivo come una volta pensavamo. Tuttavia, ci sono maschi e femmine, gay e rettilinei in natura. Ci sono sinistre e diritti nella natura, e in tal caso, la distinzione tra loro si riflette in modo preciso nella nostra attuale classificazione delle persone come a sinistra o a destra?

Un termine può persistere anche se il suo significato cambia. Ad esempio, "Ti amo", ripetuto in modo coerente in una relazione mentre il suo significato si trasforma da "sei sexy" a "sei accogliente" o da "Sto sentendo un'ondata di emozione" a "Io" Mi sono impegnato a stare con te. "

"Sono di sinistra", o "Sono di destra", si trasforma anche, riflettendo mutevoli coalizioni e interessi. Oggi, sinistra e destra hanno finito per significare fazioni che vorrebbero allontanarsi dall'altra fazione. Non sono uno yin e yang che hanno bisogno l'uno dell'altro. Sono regni in guerra che competono per un dominio esclusivo sullo stesso spazio, e quindi competono su quale regno è la colpa per iniziare la guerra.

Non è un brutto momento per tornare ai fondamentali. Forse riusciremo a trovare un modo per difendere la posizione della nostra ala su qualche particolare problema, le due ali potrebbero ricordare che dipendono l'una dall'altra per volare.

Qual è allora il vero e fondamentale, naturale, co-dipendente yin e yang della vita politica?

Al centro, è stretto contro sciolto, vincolo contro libertà. Il conservatore contro il liberale rappresenta vagamente questa distinzione, vincolo implicativo conservatore, libertà implicante liberale.

Si può fare senza l'altro? Non proprio. Certo, tutti noi vogliamo la libertà, ma molti di noi riconoscono che la libertà di una persona può facilmente diventare il vincolo di un'altra persona. Su una pista da ballo, un ragazzo che agita liberamente costringe le altre persone in spazi più piccoli. Sperimentiamo vincoli, o ordine sociale come sicurezza. Ciò che vogliamo veramente è la sicurezza e la libertà nel giusto mix e, a meno che non siamo sociopatici o narcisisti, riconosciamo che dobbiamo bilanciare la nostra sicurezza e libertà con la sicurezza e la libertà degli altri.

Questa distinzione ha profonde radici biologiche. La vita si evolve attraverso una combinazione di tratti conservativi o ereditari, costretti a rimanere gli stessi per generazioni, e libertà o libertà di variare di generazione in generazione. La vita avanza per tentativi ed errori. L'errore è giudicato contro i vincoli necessari per sostenere la vita. Le diverse prove sono variazioni libere, alcune delle quali superano la linea, anch'esse libere per sopravvivere.

Sebbene la gente pensi all'evoluzione come un processo di selezione attivo, non lo è. Il fine ultimo dell'evoluzione è l'individuo biologico, l'organismo o il sé, che si sforza di sopravvivere. È ciò che deve mantenere un equilibrio sostenibile tra la conservazione o la libertà costrittiva e non vincolata. Lo vediamo in una condizione necessaria per la vita, la membrana protettiva ma selettivamente permeabile che tiene insieme un organismo. La tua pelle per esempio, con i suoi pori e orifizi. La pelle contiene, costringe e protegge te, ma i pori e gli orifizi consentono una libera interazione con il tuo ambiente. Anche il più semplice essere vivente dipende da vincoli e libertà, o interazione selettiva.

Questo è il paradosso dell'individualità . Per essere un sé autonomo devi essere aperto. Per essere un individuo vivente non puoi resistere in un guscio ermetico. Hai bisogno di energia e materiale. Nessun uomo è un'isola, o piuttosto gli umani come tutti gli individui viventi sono isole costrette che importano ed esportano selettivamente. Vuoi la libertà di mangiare quello che vuoi, ma non solo qualsiasi cosa. Volete vincoli che mantengano le tossine lontano dalla bocca e dai pori.

Nelle nostre vite personali, sperimentiamo la tensione tra costrizione e libertà. La nostra ricerca della libertà personale non è una ricerca per andare in pezzi senza limiti, ma per la libertà di scegliere i nostri limiti. Vogliamo l'autonomia con cui possiamo scegliere come disciplinare le nostre vite, scegliendo cosa c'è nelle nostre liste di cose da fare, ma anche cosa limitare le nostre liste di cose da fare. Per essere consapevoli di qualsiasi cosa, ci liberiamo da noi stessi, proteggendoci dalle distrazioni.

Troviamo quella stessa distinzione nelle nostre vite sociali. Vogliamo la libertà di associazione, non perché vogliamo interagire con tutti, ma per l'interazione selettiva, la libertà di stabilire i nostri limiti. Vogliamo che l'autonomia scelga i nostri amici e scelga le persone che teniamo a bada, la libertà di associazione, ma anche la libertà di dissociazione, la capacità di allontanarci o di proteggerci da quelli che pensiamo siano influenze tossiche.

La politica è sempre stata una negoziazione tesa sul vincolo contro la libertà, una rete di sicurezza per mantenere ciascuno di noi insieme e il trampolino a rimbalzare su ciascuno di noi fino a quando la nostra vita lo consente liberamente. Siamo disposti a sacrificare un po 'di autonomia o libertà per un po' di sicurezza, anche se ci costringe.

Pensa alla differenza tra essere sposati o single, salariati o liberi professionisti. C'è un compromesso. Lo stato coniugato o stipendiato offre maggiore sicurezza a scapito di una certa libertà. Non puoi scegliere cosa farai con i tuoi giorni e le tue serate ma hai una fonte affidabile di supporto. Viceversa, single o freelance, si ottiene la libertà a scapito di una perdita di sicurezza. Puoi scegliere dove trascorrere il tuo tempo, ma con meno risorse.

La tensione è costruita proprio nel nome della nostra nazione. "Stati Uniti" è un ossimoro. Quale siamo noi, una "unione", un matrimonio vincolante per gli stati individuali migliori o peggiori, o liberi e liberi? Entrambe, naturalmente, e in tensione, su più scale gerarchiche da individui a famiglie, quartieri, città, contee, stati, l'intero paese e il mondo intero.

C'è poca speranza che potremmo mai riorganizzare le parti per rappresentare in modo pulito questa distinzione, ad esempio, la sinistra che sempre difende la libertà e il diritto sempre a favore del vincolo. Se potessimo, forse avrebbero riconosciuto quanto dipendessero l'uno dall'altro, o forse avrebbero solo litigato come fanno attualmente, come se le loro mezze risposte iperboliche fossero l'intera risposta.

Tuttavia, tornare alle origini può aiutarci ad andare oltre questa iperbole di mezza verità. Molti attori politici in questi giorni parlano come se stessero discutendo dai primi principi, come se la risposta fosse davvero sempre la libertà o sempre un vincolo.

I libertari fingono che più libertà risolva sempre tutto. I conservatori sociali argomentano come se il vincolo risolvesse ogni cosa. Non lo significano. I libertari non sembrano preoccuparsi molto della libertà degli altri, solo loro. Sono come il ballerino agitato che affolla tutti negli angoli della pista da ballo con la loro "danza della libertà personale per tutti".

E i conservatori sociali non sono in realtà tutti a proposito dei vincoli. Vogliono che la libertà non debba mai essere limitata dalla presenza dei valori degli altri. Alla fine sono entrambi autoritari. Hanno la formula vincente, qualunque essa sia. Il loro modo supera tutti gli altri modi.

Ricordando che ciò che stiamo veramente negoziando – il giusto equilibrio tra costrizione e libertà, sicurezza e libertà – può renderci più ricettivi alla negoziazione e anche negoziatori più intelligenti, non presi da mezze verità iperboliche sull'unico vero modo.

Solutions Collecting From Web of "Le radici profonde di sinistra contro destra"