Le radici della vergogna

lightwise/123rf
Fonte: luce / 123rf

Molte persone interiorizzano la vergogna e gli effetti dell'abuso, aggrappandosi alla percezione che ciò che ora sentono, pensano e ricordano non è giusto o in qualche modo la loro colpa. In generale, e triste a dirsi, la società tende a rendere questo molto facile per le persone, nutrendo ed esprimendo i loro pensieri critici e insensibili sulle vittime. Sono percepiti come deboli e vulnerabili al momento dell'incidente, uno stato di essere che avrebbero dovuto essere in grado di evitare se fossero stati emotivamente più forti o se avessero adottato azioni più sagge. Oppure, vengono percepiti come illusi o eccessivamente reattivi, uno stato di essere che dice di più sulla salute mentale della vittima rispetto all'abuso che hanno sofferto. Entrambi questi punti di vista rafforzano ulteriormente il punto di vista della vittima su se stessi: che qualcosa non va in loro, il marchio di garanzia della vergogna.

Una diversa comprensione della vergogna e degli abusi dalle idee convenzionali

La maggior parte delle persone pensa all'abuso, ad esempio come una persona più grande che ferisce una persona più piccola. Quella persona più piccola si fa male; è un assalto. Affrontare l'assalto e l'infortunio stesso tende a non essere così difficile. La persona può essere gravemente ferita e ha bisogno di andare in ospedale. Nondimeno, psicologicamente, non è un grosso problema. La persona viene da un terapista come me e dice: "Qualcuno mi ha ferito. Possiamo parlarne? "

Ecco cosa rende il mio modello diverso dall'idea convenzionale e ciò che complica il problema. Diciamo che ti colpisco e tu dici "Ehi, che male", e io dico, "Non penso che dovrebbe far male. Cosa c'è di sbagliato in te? "Un'altra persona presente quando ti colpisco, aggiunge:" Sei così sensibile. Dai. Lo hai provocato. Forse non avresti dovuto dirlo a David. "Ora sto negando, respingendo o incolpando te.

L'altra persona e io abbiamo assistito all'assalto in un certo modo; Lo chiamo testimone vergognoso. Poi quando vieni da me per la terapia, piuttosto che dire "Ehi, mi sono fatto male", invece tu dici: "Perché sono così sensibile? Perché provoco le persone? Cosa c'è di sbagliato in me? "Questa è la domanda essenziale per il vergogna. Questo crea un problema psicologico molto più complicato: ora c'è una parte di te, un testimone interno, che si identifica con la testimonianza esterna che in origine ti ha fatto vergognare. Questo perché non ti è stata presentata una sana percezione alternativa, quella che non implica che qualcosa non va con te. Chiamo la totalità dell'evento – l'assalto e il testimone vergognoso – una dinamica di abuso, un problema di abuso.

Questo mi ricorda una metafora che a volte uso quando parlo di vergogna e abuso.

Diciamo che mi mostri un taglio sulla mano, e piuttosto che il mio dire "Oh, sembra che ti tagli. Prendiamolo cucito e fasciato. Tendiamo questo, ti diamo dell'aspirina per il dolore ", dico," Non c'è niente lì. Non stai sanguinando. Non avresti dovuto mettere la tua mano lì dentro. "Ora sto avvolgendo la tua ferita in un sistema di credenze che ti disonora respingendo, negando e incolpando, e tu non vieni da me, dicendo:" Mi sono fatto male alla mano . Aiutami, dottore. "Dici:" Perché metto le mani nei posti sbagliati? "Ancora una volta, quel sistema di credenze è difficile da deprogrammare perché la risposta iniziale del testimone ti fa vergognare. Se questa è l'unica risposta che ti viene data in queste circostanze, allora sei sfidato ad abbracciare una visione più amorevole di te stesso.

Video: The Roots of Shame

Come possiamo guarire dalla vergogna?

Se sei stato ferito e vergognato da un testimone, qualcuno che ti guarda in un certo modo, piuttosto che deve essere guarito dal modo in cui qualcun altro sta andando a testimoniare ciò che hai vissuto. Per me, questo significa che devo: 1) non licenziarti, anche se qualcun altro ti convince non è un grosso problema. Se ti comporti come se fosse un grosso problema, allora devo accettare che, per te, è un grosso problema. Devo crederti profondamente; 2) non negare l'assalto o le sensazioni, il dolore o la ferita risultanti dall'assalto; e 3) non ti chiedo cosa hai fatto per causare il problema. Devo fungere da testimone curante invece di testimone vergognoso. Devo guardarti in un modo che non è un testimone vergognoso. È una testimonianza o testimone amorevole che ti crede profondamente e sostiene le tue reazioni, ti incoraggia persino a riconoscere i tuoi sentimenti e ad esprimerli a volte, ad esempio "Oh, questo fa male. Questo mi fa incazzare. "Modellare quei sentimenti appropriati per la tua situazione permette ai tuoi testimoni interiori di dire:" Mi è successo qualcosa veramente. Non c'è niente che non va in me. Qualcuno mi ha ferito. "

La vergogna è importante per la guarigione di tutti?

La maggior parte delle persone ha una certa vergogna in loro. Ne sono testimone nei miei clienti che regolarmente vengono alla mia pratica con varie domande e atteggiamenti di vergogna: "C'è qualcosa che non va in me. Puoi aiutarmi con questo? Perché finisco per fare queste cose nelle relazioni? Perché sto usando questa sostanza, ed è cattiva? Per favore, impediscimi di farlo. Aiutami a non essere così. Perché sono sensibile? Perché mi arrabbio? Perché mi sento giù e depresso? "Molti dicono:" Sono stato da un guaritore. Sono stato a un agopuntore. Sono stato da due terapeuti e ancora non riesco a capire cosa c'è di sbagliato in me. "È chiaro che stanno camminando sentendosi vergognati nel pensare di essere danneggiati. Quell'atteggiamento fa parte del problema di guarigione.

Se fossi un tipo di Dr. Phil, rafforzerei la loro vergogna (scrissi del Dr. Phil nel mio primo libro, Talking Back to Dr. Phil ) chiedendo: "A cosa stai pensando?" O "Come funziona? per te? "Queste domande suggeriscono che il problema è tutto nella testa delle persone, che la ragione per cui soffrono è perché c'è qualcosa che non va con loro invece che un risultato della loro esperienza effettiva. Possiamo aiutare una persona con tutti questi sentimenti, ma il modo per farlo non sarà affrontando la domanda: "Cosa c'è di sbagliato in te?" Sarà prima affermando e supportando la loro esperienza-i loro sentimenti, pensieri, reazioni e ricordi – ri-testimoniando la loro esperienza in un modo di guarigione.

Quando diventiamo più testimoni compassionevoli delle sfide e dei traumi della gente, non solo ci apriamo a una migliore comprensione degli altri e alle relazioni più salutari con loro, ma ci impegniamo anche a ricevere la stessa compassione, comprensione e relazione con noi stessi; e quindi contribuiamo alla crescita di una società che rende la convalida e l'abbraccio delle nostre esperienze e sentimenti genuini la nuova norma.

********************************

Iscriviti per le lezioni di David sulla vergogna qui!

********************************

David Bedrick
Fonte: David Bedrick

Potrebbe piacerti anche: Shame: The Master Emotion; Quando le accuse di critica: imparare ad essere più diretto

Iscriviti alla mailing list di David qui. Visita il suo sito qui. Pianificazione della consulenza individuale: dbedrickspeak@mac.com.

David è l'autore di Talking Back to Dr. Phil . Clicca qui per acquistare una copia firmata del suo libro. (Credito fotografico dell'autore: Baron Wolman.) Segui David su Facebook, Twitter. Vedi i suoi post qui.