Le quattro fasi del desiderio: da tutto a una cosa

Come cultura, abbiamo avuto sentimenti ambivalenti sui sentimenti di desiderio fin dall'inizio. La tradizione cristiana generalmente ha una visione debole del desiderio, principalmente perché tende a concentrarsi sulle soddisfazioni effimere di questo mondo – variamente definito la concupiscenza della carne o l'orgoglio degli occhi – piuttosto che le ricompense eterne del prossimo mondo. I filosofi occidentali, d'altra parte, hanno generalmente considerato il desiderio come fondamentale per la vita umana. Essere umani significa desiderare ciò che non abbiamo.

Il desiderio ci motiva in molti modi importanti: il desiderio fisico, per esempio, è chiamato fame o sete; il desiderio intellettuale è chiamato curiosità; il desiderio sessuale è chiamato lussuria; il desiderio economico è chiamato domanda dei consumatori. Rimuovi queste espressioni del desiderio e la vita umana come sappiamo che cesserà di esistere. La nostra cultura in generale e la nostra economia in particolare sono basate sul nostro desiderio di cose ed esperienze che non abbiamo.

La mistica indiana del quindicesimo secolo Kabir, un poeta e filosofo, che oggi è venerata da indù e musulmani, sosteneva che il desiderio costituisce la vera ricchezza dell'umanità. Uno dei principali interpreti del Novecento di Kabir era un insegnante spirituale di nome Eknath Easwaran, che una volta spiegò in una lezione videoregistrata che Kabir considera il desiderio come avente quattro stadi.

La stragrande maggioranza delle persone, dice Kabir, nasce con innumerevoli desideri: troppi desideri per perseguire qualcuno con convinzione o dedizione. La maggior parte riguarda gli aspetti superficiali della vita, come l'aspetto personale o le proprietà personali. Le persone che hanno molti desideri sono le persone più povere, dice Kabir, e raramente raggiungono un successo in qualsiasi campo. Le loro vite sono anche le più tristi, perché sono le più superficiali, dominate da troppi desideri che contano troppo poco.

Ci sono altre persone, continua Kabir, che nascono con alcuni desideri, e di solito sono persone che conducono quelle che sono considerate delle vite di successo. A prescindere dal campo di attività che scelgono, riescono a raggiungere obiettivi almeno modesti, perché sono in grado di concentrarsi solo su alcuni desideri.

Tuttavia, pochi fortunati individui hanno solo pochi desideri. Ne escono i geni: grandi scienziati come Madame Curie e Albert Einstein, grandi musicisti e poeti, grandi umanitari e leader politici. Questi individui hanno pochissimi desideri e quindi lasceranno il segno in qualunque campo si impegnino.

Infine, alcuni individui rari hanno un solo desiderio. Questi sono i grandi mistici-leader spirituali che praticano spesso la meditazione, che è una disciplina esigente progettata per ridurre il numero dei propri desideri. Nel corso del tempo, dice Kabir, la meditazione può ridurre i desideri di una persona da innumerevoli a molti; poi da molti ad alcuni; da alcuni a pochi; e da pochi a uno solo. Man mano che il numero dei desideri diminuisce, i desideri stessi diventano meno superficiali e più profondi.

Kabir descrive anche un modello di sviluppo emotivo che corrisponde alla diminuzione del numero di desideri. Le persone che hanno molti desideri, dice, hanno spesso una vita emotiva volatile. Le loro emozioni salgono; vengono giù. Si arrabbiano facilmente; si calmano rapidamente. Tuttavia, nessuna di queste condizioni emotive dura molto a lungo; uno dei grandi vantaggi dell'essere superficiale è che non sei mai arrabbiato per molto tempo perché le cose che ti turbano non sono importanti. Ma nemmeno le tue soddisfazioni sono importanti o durature. Nulla dura a lungo, perché niente conta molto.

Le persone i cui desideri sono pochi, al contrario, hanno passione. In qualunque campo della vita si impegnino, hanno una tremenda passione per perseverare e per avere successo. Spinto da un desiderio che si sviluppa solo tra pochi desideri, le persone appassionate spesso ottengono grandi risultati.

Il passo finale nella progressione emotiva si verifica quando tutte le passioni di una persona – l'ambizione personale, la ricerca del piacere, il bisogno di prestigio, la preoccupazione per il profitto – si fondono in una passione fiammeggiante che semina il cuore. Kabir chiama questa singolare devozione alla passione. Nella tradizione mistica, la devozione porta alla scoperta di sé. In poche parole, mentre passiamo dall'avere innumerevoli desideri, all'avere molti, ad averne pochi, ad averne uno, e mentre passiamo dall'emozione alla passione alla devozione, scopriamo chi siamo veramente e ciò che conta davvero per noi.

Un modo per ridurre l'elenco, come ha osservato Kabir, è la meditazione. Un altro è l'avversità, conosciuta nella tradizione mistica come sofferenza. Quando la vita diventa difficile e incerta, i desideri superficiali svaniscono e ciò che rimane è ciò che conta davvero per noi. Le persone che hanno vissuto disagi estremi – soldati in combattimento, donne che vivono sotto regimi oppressivi, prigionieri di coscienza, schiavi, vittime di torture – riportano tutti più o meno la stessa cosa sulle conseguenze della sofferenza. Quando la vita stessa è incerta, conta solo una cosa: la sopravvivenza. La vita diventa estremamente semplice, il suo scopo è cristallino. I molti desideri della vita sono purificati dal fuoco delle avversità; ciò che rimane è l'unica cosa che richiede e merita la completa devozione.

Sia attraverso la meditazione o attraverso le avversità, iniziamo chiedendo che cosa vogliamo. Poi chiediamo a quale di queste cose possiamo essere appassionati. Infine, chiediamo cosa possiamo dedicare interamente a noi stessi, anche alle nostre vite. Alla fine, il processo di scoperta di sé inizia con una domanda molto semplice: cosa vuoi?

Solutions Collecting From Web of "Le quattro fasi del desiderio: da tutto a una cosa"