Le prove sulla riduzione della violenza armata

CC0 Public Domain
Fonte: Dominio Pubblico CC0

Mentre la nazione riprende dalle orribili sparatorie di massa di lunedì a Las Vegas, i politici di sinistra chiedono nuovi regolamenti sulle armi da fuoco. Nella nostra società moderna, è la risposta standard che dopo ogni grande sparatoria di massa, i democratici fanno il caso di approvare leggi più severe su quali tipi di armi da fuoco sono disponibili e chi può possederle. E le persone che sostengono i diritti dei proprietari di armi spesso sostengono che le armi non uccidono la gente; le persone uccidono le persone Ma cosa dicono le prove?

Per prima cosa, diamo un'occhiata al quadro generale: più di 30.000 persone muoiono ogni anno a causa della violenza armata e altri 78.000 sono feriti. Questi tassi sono sostanzialmente più alti di quelli di quasi tutte le altre nazioni del mondo e sono almeno sette volte più alti di quelli di altre nazioni sviluppate tra cui Australia, Canada, Francia, Germania, India, Italia, Giappone, Corea del Sud, Spagna, Svezia e Regno Unito.

Due ampie analisi forniscono approfondimenti su metodi basati sull'evidenza per ridurre la violenza armata. Il primo è stato pubblicato l'anno scorso da un gruppo di ricercatori sulla salute pubblica nella rivista Epidemiological Reviews . Hanno analizzato 130 studi di 10 paesi che hanno esplorato le connessioni tra le normative sulle armi da fuoco e la violenza armata.

L'analisi utilizza i dati di una vasta gamma di normative sulle armi da fuoco, comprese le leggi sulle vendite e la proprietà, i regolamenti di stoccaggio, le leggi che prendono di mira tipi specifici di armi da fuoco e munizioni e punizioni per i criminali armati.

Gli autori concludono che leggi specifiche che combinano diversi tipi di norme sulle armi da fuoco sono il modo migliore per ridurre le morti per violenze armate. Hanno anche scoperto che alcuni regolamenti specifici, come i controlli di base, sono i più efficaci.

Nel 2013, l'American Psychological Association ha adottato un approccio leggermente diverso per analizzare i modi migliori per ridurre la violenza armata. Il loro rapporto evidence-based è stato scritto da un gruppo di dieci esperti di discipline che vanno dalla medicina pediatrica alla giustizia criminale, che ha esaminato il corpo delle prove sulla violenza armata, tra cui omicidi, suicidi e sparatorie di massa. Dà un'occhiata più da vicino alle motivazioni che spingono le persone a commettere atti di violenza armata.

Il messaggio principale dell'American Psychological Association è che ci sono ragioni complesse per cui le persone ricorrono alla violenza armata, che differisce in ogni situazione. "Per questo motivo, non esiste un profilo singolo che possa prevedere in modo affidabile chi userà una pistola in un atto violento", scrivono gli autori.

Ma ci sono alcuni dati che possono aiutare a prevedere quelle persone che hanno maggiori probabilità di commettere atti di violenza con armi da fuoco e come prevenirle.

  • Il più costante e potente predittore che qualcuno ricorra alla violenza armata è una storia di comportamento violento.
  • Oltre alla violenza precedente, la violenza armata è collegata a una combinazione di fattori di rischio individuali, familiari, scolastici, di pari livello, di comunità e sociali che interagiscono nel tempo durante l'infanzia e l'adolescenza.
  • I programmi di prevenzione incentrati su possono ridurre la probabilità che le armi da fuoco vengano introdotte nei conflitti. Un programma di successo è chiamato valutazione della minaccia comportamentale. Si affida a un gruppo di persone diffuse all'interno di un'organizzazione – come un'università o un posto di lavoro – che lavorano per identificare comportamenti sospetti, distruttivi o inusuali, per poi segnalarlo alle forze dell'ordine. La ricerca ritiene che questo metodo sia uno dei modi più efficaci per prevenire potenziali atti di violenza armata negli spazi pubblici.
  • I maschi commettono la maggior parte della violenza armata. Gli psicologi hanno bisogno di sviluppare programmi che cambino le aspettative di genere maschile sulla costituzione e la violenza. Attualmente ci sono programmi giovanili per aiutare a sviluppare nuove norme sociali intorno a ciò che significa essere maschili. Sono necessari ulteriori studi per valutare se questi programmi aiutano a ridurre il rischio di violenza tra i partecipanti.
  • La maggior parte delle persone che soffrono di una malattia mentale non sono pericolose. Per i pochi che diventano violenti a causa di un problema di salute mentale, le cure mediche aiutano a prevenire la violenza. Poiché la maggior parte delle persone con malattie mentali negli Stati Uniti non riceve servizi adeguati, è difficile identificare le persone che potrebbero essere una potenziale minaccia.
  • I programmi di prevenzione della violenza devono attraversare il corso della vita. Ad esempio, i programmi per la prima infanzia possono aiutare i genitori a crescere bambini emotivamente sani, mentre i programmi per criminali criminali possono aiutare a identificare quelli che potrebbero commettere atti violenti in futuro.
  • È stato dimostrato che le politiche che impediscono ai gruppi ad alto rischio di ottenere armi da fuoco – compresi i trasgressori di violenze domestiche, persone condannate per reati violenti di reati minori e persone con malattie mentali e una storia di violenza – riducono la violenza.
  • Le prove dimostrano che le campagne di sanità pubblica sullo stoccaggio sicuro delle armi possono aiutare a ridurre le morti accidentali di armi da fuoco e impedire agli individui violenti di avere accesso alle pistole.

Il messaggio da portare a casa: ci sono prove di modi fattibili per ridurre la violenza armata negli Stati Uniti, ma non esiste una soluzione magica. Abbiamo bisogno di una varietà di soluzioni che affrontino le norme sociali, lo sviluppo dei bambini, le malattie mentali e le politiche che regolano l'accesso alle armi.

Solutions Collecting From Web of "Le prove sulla riduzione della violenza armata"