Le probabilità sono, non otterrete Ill

Un ipocondriaco è qualcuno che, dati alcuni sintomi fisici, è incline a immaginare la peggiore malattia possibile. Se un medico lo facesse durante l'esame di un paziente, si sbagliava il più delle volte. Per questo motivo, c'è un detto in medicina: "Quando senti il ​​suono degli zoccoli, pensa ai cavalli e non alle zebre". In altre parole, pensate alle cause comuni di malattie, non a quelle rare.

Alcuni dei miei pazienti con ansia per la salute pensano sempre alle zebre. "Non sarebbe terribile se avessi il cancro al pancreas o il cancro della cistifellea?" Pensano, anche quando l'indigestione acida è molto più comune. La posta in gioco in questa situazione è molto alta, la possibilità di morte, ma le probabilità di aver contratto quelle particolari malattie sono molto basse.

La tendenza a concentrarsi sulle puntate piuttosto che sulle probabilità è un fallimento umano comune. È la ragione per cui la gente compra i biglietti della lotteria. "Non sarebbe bello se vinassi 50 milioni di dollari?" Sì, ma quali sono le probabilità? È probabile che tu possa comprare un biglietto della lotteria ogni ora per i prossimi cento anni senza vincere. Con quelle probabilità, la posta in gioco non è degna di considerazione.

Le nostre intere vite sono governate da decisioni che hanno una qualità statistica, anche se facciamo queste scelte per la maggior parte senza pesare consapevolmente le probabilità o addirittura essere consapevoli che tale decisione è presa. Alcune di queste decisioni sono più ovvie di altre. Alcuni di loro sono precauzionali. Quando mettiamo le cinture di sicurezza, decidiamo di smettere di fumare, guidare al limite di velocità, visitare il dentista, indossare la crema solare, portare un ombrello o anatra quando camminiamo attraverso una porta bassa, stiamo andando a qualche problema per evitare rischio. La decisione di intraprendere un trattamento medico come un'operazione è sempre compresa esplicitamente in termini di rischio-beneficio. A volte, perché il rischio non è ovvio, o perché è così basso, non lo pensiamo per niente.

Quando incrociamo un'intersezione con la luce o contro di essa, abbiamo preso una decisione basata su una stima del rischio. La scelta se vivere in una città o nei sobborghi, se comprare una macchina grande o se parlare con un capo, sono tutti fatti parzialmente sulla base di un'analisi inconscia del rischio. Stimare il rischio è una questione di conoscenza delle probabilità. La maggior parte delle volte, con alcune eccezioni sorprendenti, conosciamo le probabilità di superare la nostra routine quotidiana senza troppe difficoltà. Abbiamo imparato dagli errori degli altri che non è una buona idea andare a fare drag-racing o mangiare i funghi che prendiamo noi stessi.

Ma non agiamo sempre in modo sensato in questo modo. Fumare sigarette è probabilmente l'attività più pericolosa che chiunque può intraprendere giorno dopo giorno. L'abitudine di fumare uccide abbastanza persone per riempire una mezza dozzina di jumbo jet ogni poche settimane. Perché una percentuale significativa della popolazione fuma ancora? Perché la maggior parte dei giorni in cui le persone fumano, non muoiono. Questa è stata la loro esperienza per anni. Discutono dalla loro esperienza personale e passata. Ciò che leggono nelle relazioni di studi scientifici sembra lontano da quell'esperienza quotidiana. Inoltre, il fumo di sigaretta sembra a loro più o meno sotto il loro controllo ed è, quindi, meno spaventoso – al contrario degli attacchi di panico, per esempio, che sono, in realtà, innocui, ma che appaiono pericolosi perché sembrano fuori dal loro controllo. Inoltre, le sigarette uccidono le persone alla vista una alla volta senza l'impatto drammatico di un jumbo jet che si schianta all'aeroporto principale.

In alcune situazioni, gli incidenti aerei sono una persona che tende naturalmente a concentrarsi sulla posta in gioco piuttosto che sulle probabilità. "Conosco quel miglio per miglio che sono più sicuro in un aereo che viaggiare in macchina", qualcuno potrebbe pensare, "ma se l'auto si blocca, ho ancora una possibilità. Se l'aereo esplode nell'aria, l'ho avuto. "Quella persona si sta concentrando sulla posta in gioco, una morte improvvisa, piuttosto che sulle probabilità, come dovrebbe. Viviamo e muoiono a causa delle probabilità. Se le probabilità sono di un milione a una che l'aereo non si schianta, che differenza fa quanto sarebbe terribile un incidente aereo? Eppure la posta in gioco conta per le persone. Cerchiamo di evitare errori molto rari che potrebbero essere catastrofici.

Considera di nuovo la lotteria. Milioni di persone acquistano biglietti della lotteria ogni giorno sognando la posta in gioco – una vita d'oro con abbastanza soldi per comprare la felicità, o almeno una dozzina di macchine costose – e così ignorano le probabilità. Vedono i vincitori in televisione. Ma nessuno intervista tutti i perdenti. Le probabilità di vincere una lotteria sono così piccole che l'acquisto di biglietti equivale a buttare via soldi. Ma è un sogno ad occhi aperti e nessuno vuole pensare alla realtà.

Ciò che è più difficile da capire è il motivo per cui alcune persone si soffermano così ossessivamente su sgradevoli sogni ad occhi aperti – malattia e morte – quando le probabilità indicano che questi risultati sono molto improbabili. Gli operatori sanitari sono preoccupati all'infinito con la posta in gioco – cancro, infarto, AIDS, una morte solitaria e dolorosa in un ospedale – e dimenticare le probabilità. O loro non sanno le probabilità. Discutono dalla loro esperienza quotidiana – un vicino che ha appena avuto un infarto – o necrologi di oggi; e pensano che questi eventi siano più comuni di quanto non siano in realtà. Nessuno commenta tutte le persone che non sono morte ieri o non si sono ammalate oggi. Si preoccupano per lo stesso motivo per cui i fumatori non si preoccupano: la loro esperienza personale li ha portati fuori strada.

Inoltre, gli operatori sanitari sono superstiziosi. Potrebbero pensare di essere stati scelti per sfortuna. Se la possibilità di avere l'AIDS è uno su 1.000, pensano che lo otterranno. Inoltre, pensano che uno su 100.000 non sia molto diverso da uno su 1.000. Un certo numero di anni fa, ho avuto una strana esperienza che mi ha portato a capire quanto sia difficile interpretare le probabilità. Nel 1981 il mio figlio più giovane ha ricevuto due trasfusioni di sangue durante il suo primo attacco di colite ulcerosa. Pochi mesi dopo, le prime notizie sull'AIDS apparvero nella letteratura medica. Ero naturalmente preoccupato che potesse aver contratto l'AIDS a causa della ricezione del sangue. Ho chiamato la banca del sangue locale che mi ha assicurato che le probabilità erano "una su un milione", ma non ero confortato poiché in quel momento nessuno sapeva davvero quali fossero le probabilità. Nei prossimi anni sono state riportate alcune statistiche, e sono stato in grado di capire che le probabilità erano in realtà di circa una su 20.000. Ho trovato queste quote davvero molto basse non molto rassicuranti in qualche modo; e in quelle occasioni in cui mio figlio si è ammalato con qualcosa, mi sono trovato a preoccuparmi per l'AIDS. Sono state riportate statistiche aggiuntive, meno ottimistiche, e ho calcolato di nuovo le probabilità su, forse, una su 1.000. Infine, prendendo in considerazione ogni circostanza sfavorevole che potessi immaginare, interpretando ogni rapporto medico nel peggiore dei modi, ho calcolato che le probabilità erano aumentate a 1 su 200. Ho scoperto, quindi, inaspettatamente, che il livello della mia preoccupazione calava notevolmente. Mi ci è voluto un po 'per capire perché. La risposta, mi resi conto, era che sapevo dalla mia stessa esperienza quanto fosse improbabile uno su 200. Tutto il resto erano semplicemente numeri per me.

Non ho chiesto a mio figlio di sottopormi ad un test sull'AIDS quando è diventato disponibile, dal momento che sapevo che le probabilità che avesse la malattia fossero estremamente basse e non volevo mettere lui e me attraverso le difficoltà psicologiche legate a test medici non necessari , soprattutto quando non era disponibile alcun trattamento efficace. Ora, molti anni dopo, le probabilità che abbia contratto l'AIDS tanto tempo fa sono circa uno su 4.000.000.

Il trucco, quindi, è innanzitutto di iniziare a pensare alle probabilità. Se hai un linfonodo gonfio sotto il mento, qual è la possibilità che sia dovuto a un linfoma rispetto alla possibilità che sia dovuto a un mal di gola? Se hai un nodulo al seno, quali sono le probabilità che si tratti di un cancro piuttosto che di una ciste? Se è un tumore solido, quali sono le probabilità che si tratti di un cancro piuttosto che di un fibroma benigno? Se si tratta di cancro, quali sono le possibilità che si è già diffuso, piuttosto che essere ancora localizzati? Se si è diffuso, quali sono le probabilità che sia letale rapidamente piuttosto che il tipo che può uccidere solo 20 anni dopo? Spesso l'incidenza di una particolare malattia è riportata in un libro di testo medico. A volte un dottore può darti un'ipotesi approssimativa. Ricorda, le probabilità cambiano per ogni condizione a seconda dell'età e del sesso. La maggior parte delle malattie sono benigne. La maggior parte di noi ha una sola malattia mortale per vita.

Secondo, devi riconoscere che le leggi statistiche che governano la vita di tutti gli altri governano anche le tue. Se sei stato malato molte volte in passato, ciò non significa che tu abbia più probabilità di ammalarti in futuro, a meno che tu non abbia una di quelle malattie immunologiche che predispongono ad ammalarsi. In terzo luogo, poiché, come me, potresti avere problemi a visualizzare le probabilità. Suggerisco il seguente esercizio: fare dei segni singoli su un pezzo di carta fino a raggiungere i 1000 punti. Ci vogliono 10 minuti. Guarda quel pezzo di carta. Avrai un'idea di quanto sia improbabile che tu ne sia uno su 1.000. Uno su 10.000 è 10 volte meno probabile. Puoi contrassegnarlo in meno di un'ora e mezza.

Se la tua possibilità di contrarre una particolare malattia è ancora meno, puoi mettere simili fogli di carta, non marcati, sul muro l'uno accanto all'altro per avere un'idea di quanto siano improbabili queste condizioni.

(c) Fredric Neuman Segui il blog del Dr. Neuman su fredricneumanmd.com/blog/ o chiedi consiglio a fredricneumanmd.com/blog/ask-dr-neuman-advice-column/

Solutions Collecting From Web of "Le probabilità sono, non otterrete Ill"