Le piante entrano nel regno del senziente?

Nel 1900 il biofisico e botanico bengalese Jagdish Chandra Bose insegnò che le piante non sono semplicemente organismi passivi privi di senso. Invece, esplorano i loro ambienti e possono imparare e modificare il loro comportamento con lo scopo. Le piante hanno un sistema nervoso elettrico, ha affermato, che consente loro di trasmettere informazioni tra radici, gambi, foglie e altre parti.

Dr. Jagdish Chandra Bose

Negli ultimi due decenni la botanica ha iniziato a raggiungere le idee di Bose, portando gli scienziati ad alcune domande incredibili: le piante sono consapevoli? Hanno conoscenza? Possono sentire dolore?

Nel 1992 i ricercatori hanno scoperto che le piante di pomodoro producono determinate proteine ​​in tutto il corpo quando vengono ferite. La velocità della risposta preclude la possibilità di segnali chimici; le piante producono segnali elettrici per dirigere il cambiamento a verificarsi più rapidamente all'interno di parti più distanti della pianta.

Lento ma intelligente

Tendiamo a guardare le piante come stupide e quasi inerti. Sono ancorati al loro posto e sembrano piegarsi passivamente con la brezza e crescere gradualmente per catturare la luce del sole. Con rare eccezioni come il flytrap di Venere, si muovono solo molto lentamente, come quando una vite cerca un oggetto a cui attaccarsi. Con la fotografia time-lapse, gli scienziati hanno iniziato a catturare movimenti di piante che sembrano sensibili e intelligenti. Sotto il lasso di tempo, la piantina di una vite della cuscuta sembra cercare un ospite annusando l'aria. Quindi si lancia verso il suo nuovo ospite quando ne trova uno, simile ai movimenti dei serpenti.

Quando le piante sembrano comportarsi come animali, dobbiamo riconsiderare se l'intelligenza è veramente un tratto esclusivamente animale. Guarda un vitigno Dodder annusare la sua preda: http://video.pbs.org/viralplayer/2341198769

Gli scienziati si stanno infatti chiedendo se questa distinzione sia così netta come la scienza moderna ha precedentemente ipotizzato. Nel 2005 i ricercatori hanno fondato la Society for Plant Neurobiology per avanzare in questo dibattito. Un fondatore dell'organizzazione, lo scienziato italiano Stefano Mancuso, sostiene che dovremmo smettere di pensare che sia necessario un cervello per l'intelligenza. Anche senza neuroni e un cervello, le piante possono acquisire, elaborare e integrare le informazioni per modellare il loro comportamento in un modo che potrebbe essere definito intelligente.

Individuazione dell'intelligenza

Come riportato in un recente articolo sulla rivista New Scientist , 2 l'apparente magia della coscienza nelle piante sembra dipendere da diverse caratteristiche fisiologiche, in particolare quelle dei loro sistemi di radici. Le radici delle piante comprendono varie "zone", inclusa una "zona di transizione", che è elettricamente attiva e sembra analoga al cervello animale – contiene un meccanismo simile ai neurotrasmettitori. Un'altra parte della radice, il cappuccio della radice, può percepire varie proprietà fisiche "come la gravità, l'umidità, la luce, l'ossigeno e i nutrienti" 3. La maggior parte delle cellule nelle piante può produrre e trasmettere attività simili ai neuroni. Nelle radici ogni cellula può farlo.

Mancuso dice: "Se abbiamo bisogno di trovare una parte di elaborazione integrativa della pianta, dobbiamo guardare alle radici". 4

Le piante producono anche serotonina, GABA e melatonina, che agiscono come ormoni e neurotrasmettitori nei cervelli degli animali, anche se non è ancora noto cosa facciano nelle piante. Curiosamente, farmaci come Prozac, Ritalin e metanfetamine possono disturbare questi "neurotrasmettitori" nelle piante.

Capacità vitale

Le piante percepiscono la luce, ma comunicano anche tra loro usando sostanze chimiche. Loro "sanno" quando vengono toccati. Integrano tutte queste informazioni senza il tipo di sistema neurale che gli animali hanno.

E hanno memoria: la possibilità di memorizzare e richiamare un evento in un secondo momento. Un acchiappamosche di Venere, ad esempio, non si piega quando riceve la prima sensazione di una mosca; si chiude solo se i peli nella sua trappola percepiscono un altro contatto entro un mezzo minuto circa. "Ricorda" il primo tocco.

Più sorprendente è il risultato di un esperimento che Mancuso ha realizzato con Mimosa pudica , la pianta "non-toccante". Lui e colleghi hanno lasciato cadere ripetutamente mimose in vaso su schiuma da 15 centimetri (circa 6 pollici) sopra. Le piante hanno chiuso le foglie in risposta all'inizio della caduta, ma hanno smesso di farlo dopo quattro o sei gocce. Sembra che abbiano "imparato" che non c'era alcun pericolo. Non è che non fossero più in grado di chiudere le loro foglie, lo farebbero comunque in risposta al tocco. Hanno mantenuto questa capacità di discriminare tra la caduta innocua e il tocco potenzialmente dannoso (che sta per essere mangiato) dopo un mese.

Coscienza?

Frantisek Baluska all'Università di Bonn, in Germania, ha spinto ulteriormente nella questione della coscienza suggerendo che le piante possono anche provare dolore. Rilasciano l'etilene chimico quando stressati – quando vengono mangiati, attaccati o tagliati. Le piante vicine possono percepire l'etilene. Un ricercatore ha equiparato questo rilascio di etilene con un urlo. Poiché le piante producono anche la sostanza chimica in grandi quantità quando i loro frutti sono pronti per essere mangiati, si ipotizza che stiano usando l'etilene come anestetico (gli animali possono anche essere eliminati con l'etilene, un anestetico).

Psicologi e filosofi probabilmente discuteranno la definizione precisa di intelligenza fino alla fine dei tempi. Può in verità fondersi in tutto il continuum delle capacità biologiche – facoltà di vario genere, in particolare sensazione e memoria, che sembrano esistere in tutto il mondo animale. Ma quando ci rendiamo conto che le piante hanno capacità significative di sensazioni, consapevolezza, integrazione delle informazioni, memoria a lungo termine e apprendimento adattivo, dobbiamo almeno lasciare aperta la possibilità che l'intelligenza non sia certamente unica per gli esseri umani e probabilmente nemmeno per gli animali.

Cosa significa per noi

Ammettere la possibilità che le piante siano intelligenti – e forse consapevoli – non solleva molte domande sulla nostra relazione strumentale (cosa c'è dentro per me?) Con il resto della natura. Ci dà anche foraggio per ripensare il posto umano nel mondo naturale. Ho scritto in precedenza che è da molto tempo che smettiamo di pensare agli umani come agli unici animali coscienti. Se le potenti capacità a lungo pensate unicamente per gli esseri umani esistono non solo negli altri animali ma anche nelle piante, dobbiamo veramente iniziare a vedere una maggiore continuità tra noi stessi e il resto della natura.

Dai un'occhiata al mio libro : Invisible Nature

Seguimi : Twitter o Facebook

Leggi di più dei miei post : The Green Mind

1. Anil Anathaswamy, "Radici di coscienza", New Scientist , 6 dicembre 2014, pp. 34-37.

2. Anil Anathaswamy, "Radici di coscienza", New Scientist , 6 dicembre 2014, pp. 34-37.

3. Anil Anathaswamy, "Radici di coscienza", New Scientist , 6 dicembre 2014, p. 36.

4. Anil Anathaswamy, "Radici di coscienza", New Scientist , 6 dicembre 2014, p. 36.

Solutions Collecting From Web of "Le piante entrano nel regno del senziente?"