Le persone ti rendono mai matto?

Badneighborhood/sxc
Fonte: Badneighborhood / sxc

Essendo la specie più socievole e amorevole del pianeta, abbiamo la meravigliosa abilità e inclinazione a connetterci con gli altri, essere empatici, cooperare, curare e amare. D'altra parte, abbiamo anche la capacità e l'inclinazione ad essere spaventosamente aggressivi nei confronti di qualsiasi individuo o gruppo che consideriamo "loro". (Nel mio libro – Il cervello di Buddha: La neuroscienza pratica di felicità, amore e saggezza – sviluppo questa idea inoltre, incluso come stimolare e rafforzare i circuiti neurali di autocontrollo, empatia e compassione).

Per addomesticare il lupo dell'odio, è importante avere una presa sulla "cattiva volontà" – sentimenti irritati, risentiti e arrabbiati e intenzioni verso gli altri. Anche se può sembrare giustificato in questo momento, il male ti danneggerà probabilmente più di quanto danneggi gli altri. In un'altra metafora, avere cattiva volontà verso gli altri è come lanciare carboni ardenti a mani nude: entrambe le persone vengono bruciate.

Evitare la cattiva volontà non significa passività, permettere a se stessi o agli altri di essere sfruttati, rimanere silenziosi di fronte alle ingiustizie, ecc. C'è molto spazio per dire la verità al potere e all'azione efficace senza soccombere alla cattiva volontà. Pensa a Gandhi, Martin Luther King o al Dalai Lama come esempi. In effetti, con una mente chiara e un cuore pacifico, è probabile che le tue azioni siano più efficaci.

Ill creerà cicli negativi e viziosi. Ma ciò significa che la buona volontà può creare cicli positivi. Inoltre la buona volontà coltiva qualità salutari in te.

Come?

Coltiva le emozioni positive
In generale, nutrire e sviluppare emozioni positive come felicità, soddisfazione e tranquillità. Ad esempio, cercare le cose per cui essere felici e prendere il bene ogni volta che è possibile. Le sensazioni positive calmano il corpo, calmano la mente, creano un cuscinetto contro lo stress e promuovono relazioni di supporto, tutte cose che riducono la cattiva volontà.

Esercitare la noncontenzione
Non discutere a meno che non sia necessario. Dentro la tua stessa mente, cerca di non farti turbinare dai flussi mentali delle altre persone. Rifletti sulla turbolenza neurologica che sta alla base dei loro pensieri: la mescolanza incredibilmente complicata, dinamica e in gran parte arbitraria delle assemblee neurali momentanee in coerenza e poi caos. Stupirsi dei pensieri di qualcuno è come arrabbiarsi per lo spray di una cascata. Cerca di disaccoppiare i tuoi pensieri da quelli dell'altro. Dì a te stesso: lei è laggiù e io sono qui. La sua mente è separata dalla mia mente.

Prestare attenzione alle intenzioni di attribuzione
Sii cauto nell'attribuire le intenzioni ad altre persone. Le reti della teoria prefrontale della mente attribuiscono le intenzioni di routine, ma spesso sono sbagliate. La maggior parte delle volte sei solo un po 'un giocatore nei drammi di altre persone; in particolare non ti prendono di mira.

Porta la compassione a te stesso
Non appena ti senti maltrattato, porta compassione a te stesso – questa è una cura urgente per il cuore. Prova a mettere la mano sulla tua guancia o cuore per stimolare l'esperienza incarnata di ricevere compassione.

Incontra il maltrattamento con gentilezza amorevole
Tradizionalmente, la gentilezza amorevole è considerata l'antidoto diretto alla cattiva volontà, quindi risolvi di incontrare maltrattamenti con amorevole benignità. Non importa cosa. Un famoso sutra nel Buddhismo stabilisce uno standard elevato: "Anche se i banditi dovessero recidere selvaggiamente da un arto con una sega a due mani … dovresti allenarti così: 'Le nostre menti rimarranno inalterate, e non pronunceremo parole malvagie; ci atteniamo compassionevoli per il loro benessere, con una mente di amorevole benignità, senza odio interiore "( Nanamoli e Bodhi 1995, 223).

Personalmente, non sono ancora lì, ma se è possibile rimanere amorevoli mentre vengono orribilmente maltrattati – e da alcuni dei racconti di persone in circostanze terribili, è chiaramente – allora dovremmo essere in grado di sollevarci in situazioni minori, come essere tagliati fuori dal traffico o essere messi giù di nuovo da un adolescente.

Comunicare
Nella misura in cui è utile, pronuncia la tua verità e difenditi con abilità assertività. La tua cattiva volontà ti sta dicendo qualcosa. L'arte è capire il suo messaggio – forse che un'altra persona non è un vero amico, o che devi essere più chiaro riguardo ai tuoi confini – senza essere spazzato via dalla rabbia.

Metti le cose in prospettiva
Metti tutto ciò che è accaduto in prospettiva. Gli effetti della maggior parte degli eventi si attenuano con il tempo. Fanno anche parte di un insieme più ampio, la maggior parte delle quali di solito va bene.

Pratica generosità
Usa le cose che ti aggravano come un modo per praticare la generosità. Considera di lasciare che le persone abbiano ciò che hanno preso: la loro vittoria, il loro denaro o il loro tempo, il loro unico vantaggio. Sii generoso con pazienza e pazienza.

Coltiva qualità positive
Coltiva qualità positive come gentilezza, compassione, empatia e calma. Nutri la tua buona volontà.

Rick Hanson, Ph.D. , è uno psicologo, Senior Fellow del Greater Good Science Center di UC Berkeley, e autore del best-seller del New York Times . I suoi libri sono disponibili in 26 lingue e includono Hardwiring Happiness , Buddha's Brain , Just One Thing e Mother Nurture . Edita il Wise Brain Bulletin e ha numerosi programmi audio. Laureato con lode alla UCLA e fondatore del Wellspring Institute for Neuroscience e Contemplative Wisdom, è stato invitato come relatore alla NASA, Oxford, Stanford, Harvard e altre importanti università e ha insegnato nei centri di meditazione in tutto il mondo. Il suo lavoro è stato presentato su BBC, CBS e NPR e offre la newsletter gratuita di Just One Thing con oltre 120.000 abbonati, oltre al programma online Foundations of Well-Being in neuroplasticità positiva che chiunque abbia esigenze finanziarie può fare per

Solutions Collecting From Web of "Le persone ti rendono mai matto?"