Le persone più intelligenti sono più probabilità di essere alcolisti?

Il dott. Kanazawa ha ristampato la sua affermazione secondo cui le persone più intelligenti bevono e bevono di più, secondo lo Studio longitudinale nazionale sulla salute degli adolescenti (Add Health). I seguenti dati di tale studio riguardano il QI dell'infanzia a binge drinking e ubriachezza:

Gli intervistati "Add Health" (con il QI infantile <75) "molto noiosi" si impegnano in binge drinking meno di una volta all'anno. In netto contrasto, gli intervistati "molto brillanti" di Add Health (con QI infantile> 125) si impegnano in binge drinking circa una volta ogni due mesi.

L'associazione tra intelligenza infantile e frequenza adulta di ubriacarsi è altrettanto chiara e monotona. . . . "Molto noioso" Gli intervistati di Add Health non si ubriacano quasi mai, mentre gli add-rispondenti di Health Health si ubriacano una volta ogni due mesi circa.

Quindi, possiamo chiedere, si sta ubriacando "una volta ogni due mesi o giù di lì", buono, cattivo o neutrale? È innocuo, persino benefico? È una convenzione sociale? Un'esplorazione dell'universo? Divertimento per le persone che stanno meglio e possono risparmiare tempo e chi può proteggersi mentre si beve una notte? O questo comportamento è patologico, un precursore dell'alcolismo? Nello specifico, le persone più intelligenti hanno più probabilità di essere alcolisti?

Posso pensare a tre possibilità:

  • Sebbene le persone più intelligenti (misurate durante l'infanzia) si ubriacano di più, sono meno probabili delle persone noiose a diventare alcolizzati. Significa che sono abituati all'alcolismo? La teoria dominante qui sarebbe che essere intelligente è un bene di protezione.
  • Sono altrettanto propensi a diventare alcolisti. Il che sarebbe ancora alquanto controintuitivo, poiché nonostante si ubriacano molto più spesso delle persone noiose, non è più probabile che soccomberanno all'alcolismo.
  • Le persone intelligenti hanno maggiori probabilità di essere alcolisti. Questo potrebbe derivare da diverse teorie sul comportamento: le persone intelligenti tentano il destino bevendo di più, e quindi hanno maggiori probabilità di diventare alcolisti. Oppure, le persone intelligenti sono intrinsecamente più probabilità di essere alcolisti – forse essere intelligenti li rende più acutamente consapevoli dei problemi del mondo, o crea altri stati emotivi dannosi.

Queste diverse possibilità offrono prospettive diverse sull'attaccamento all'alcolismo e alla dipendenza. Se i bambini intelligenti hanno maggiori probabilità di diventare alcolisti, l'intelligenza infantile è un fattore di rischio per l'alcolismo. I genitori e la società dovrebbero quindi diffidare – persino lottare contro – i bambini sono intelligenti? Forse hai sentito persone che dicono cose del genere che sperano che i loro figli non siano intelligenti per ragioni come questa – anche se la cultura dominante dei genitori-sfilata in America non è certamente orientata in questo modo. O non dovrebbe essere una preoccupazione per i genitori di bambini intelligenti – o almeno non più una preoccupazione di quanto lo sia per tutti i genitori?

Che dilemma – qualcosa che in genere la maggior parte delle persone apprezza porta a un comportamento di cui disapproviamo – e forse a uno stato di malattia permanente.

Ma il dott. Kanazawa va oltre il suggerire che l'intelligenza infantile è più probabile che implichi difficoltà adulte del tipo codificato nelle categorie di disturbi emotivi del DSM (intendo dipendenza dall'alcol, et al.). Dice che le persone più intelligenti non sono suscettibili di comportarsi in modo più sano per quanto riguarda le sostanze intossicanti, se il bere moderato è un comportamento così sano.

Il dott. Kanazawa osserva "Ci sono rapporti medici occasionali e studi scientifici che promuovono i benefici per la salute del consumo moderato di alcol, come bere un bicchiere di vino rosso a cena ogni sera" (non è chiaro da questa affermazione se il Dr. Kanazawa accetti o rifiuti questa richiesta). Mentre, continua, "potrebbe essere allettante concludere che gli individui più intelligenti hanno maggiori probabilità di impegnarsi in un consumo di alcol così mite rispetto agli individui meno intelligenti. . . sfortunatamente per gli individui intelligenti, questo non è il caso. "

Questo segue, per il Dr. Kanazawa, dal momento che "i bambini più intelligenti hanno maggiori probabilità di crescere per ingannare bevendo e ubriacandosi ". Secondo il Dr. Kanasawa, l'ubriachezza occasionale (una volta ogni due mesi circa) è incompatibile con il normale moderato potabile.

Il che significherebbe che, come regola generale, le persone intelligenti si comportano in modo meno salutare con alcol e droghe. Mmm, che non sembra commensale, o vero?

Solutions Collecting From Web of "Le persone più intelligenti sono più probabilità di essere alcolisti?"