Le persone con dipendenze sono più "malate" di chiunque altro?

Negli ultimi millenni le persone hanno pensato che i "tossicodipendenti" fossero edonisti auto-indulgenti, privi del presente di autocontrollo nelle persone sane. Più di recente, le persone con dipendenze sono state considerate psicologicamente "primitive", la loro dipendenza è un segno di problemi di sviluppo precoce o di un grave disturbo di personalità. Niente di tutto questo è vero.

Il primo errore, secondo cui le persone con dipendenze sono auto-indulgenti o alla ricerca del piacere, è nato dall'osservazione del comportamento di dipendenza invece della psicologia che lo causa. Come ho descritto nei post precedenti e nel mio libro "The Heart of Addiction", il comportamento di dipendenza è una soluzione temporanea progettata per invertire sentimenti di impotenza schiacciante. Non è affatto motivato da una ricerca di piacere. In realtà, è quasi esattamente l'opposto di una ricerca di piacere. Questo perché il comportamento di dipendenza è sempre un'azione scomposta, un comportamento sostitutivo adottato dalle persone quando si sentono impotentemente intrappolati. Piuttosto che fare qualcosa di più diretto per gratificare una frustrazione, compiono un altro comportamento: la loro dipendenza.

Ad esempio, in un caso tratto dal mio nuovo libro "Breaking Addiction" (uscito a marzo), un uomo con l'alcolismo si sentiva intrappolato dal dover lavorare fino a tardi a fare un progetto extra, facendogli perdere tempo promesso con i suoi figli. Quando ha appreso del lavoro extra, i suoi pensieri si sono fermati a fermarsi in un bar sulla via di casa alla fine della giornata, e poche ore dopo ha fatto proprio questo. Guidando al bar aveva il controllo assoluto della sua vita, facendo qualcosa che credeva lo avrebbe fatto sentire meglio. Andare a prendere un drink provava esattamente l'opposto della sensazione intrappolata che aveva avuto al lavoro; aveva invertito la sua impotenza.

Allo stesso tempo, la grande intensità della sua voglia di bere era un'espressione della sua rabbia per essere stato intrappolato. (In generale, è questa rabbia per l'impotenza che è la potente spinta dietro al comportamento di dipendenza.) Il comportamento di dipendenza di quest'uomo non era quindi una risposta soddisfacente diretta alla sua trappola di impotenza; era un sostituto. Se avesse risposto più direttamente avrebbe potuto, per esempio, rifiutarsi di fare il lavoro extra nel suo lavoro, o farlo meno accuratamente, o anche solo litigare con il suo capo per lasciarlo andare a casa prima. Il fatto che invece di fare una di quelle cose che ha bevuto, molte ore dopo, ha significato che ha spostato la sua risposta a sentirsi impotente nel tempo e nello spazio. Invece di marciare nell'ufficio del suo capo, aspettò e andò in un bar.

Lontano dal cercare con piacere la gratificazione in un atto di scarso autocontrollo, quest'uomo si è inibito, ricambiando la grande frustrazione che sentiva in una cupa determinazione a bere dopo. Naturalmente si può dire che il suo bere sia un comportamento fuori controllo, ma guardandolo dall'interno verso l'esterno possiamo vederlo come un meccanismo specifico per gestire sentimenti intollerabili, uno sforzo per mantenere il controllo contro la schiacciante impotenza.

Il secondo errore, secondo cui le persone con dipendenze hanno maggiori problemi di salute mentale o caratteristiche "primitive", è anche causato da un fraintendimento della dipendenza. Le dipendenze sono meccanismi psicologici essenzialmente identici a quei sintomi che chiamiamo "compulsioni". Eppure le compulsioni sono presenti nelle persone con tutti i gradi di salute mentale. Ha senso, quindi, che le dipendenze possano essere presenti praticamente in chiunque, senza implicare alcuna particolare diagnosi psicologica. Quasi tutti hanno alcuni problemi emotivi e alcuni usano un meccanismo di dipendenza per affrontarli. Questo non li separa dal resto dell'umanità. Una confusione correlata è che alcune persone hanno una "personalità che crea dipendenza". Non esiste una personalità che crea dipendenza, perché avere una dipendenza è un sintomo compulsivo; non definisce la personalità di un individuo.

L'idea di "primitività" nella dipendenza è un residuo di un tempo in cui le persone pensavano che le dipendenze riguardassero la spinta al cibo o alla gratificazione orale nei bambini piccoli. Questa nozione è stata favorita dal fatto che per la maggior parte delle dipendenze della storia umana sono stati associati a droghe, che di solito vengono consumate per via orale. È abbastanza recente che abbiamo capito che le dipendenze non hanno nulla a che fare con le droghe, dal momento che possono concentrarsi su attività non legate alla droga come il gioco d'azzardo, il cibo, il sesso, lo shopping, Internet e così via. La mancanza di un significato speciale delle droghe nella dipendenza è particolarmente chiara quando si nota che le persone con dipendenze spostano il centro della loro dipendenza da un farmaco come l'alcol ad un'attività compulsiva come il gioco d'azzardo, lo shopping o la pulizia della casa. Tali cambiamenti sarebbero impossibili se le droghe oi loro effetti sul cervello fossero essenziali per la natura della dipendenza. (In precedenza ho parlato della confusione nella nostra terminologia sul termine "dipendenza" che porta molti a pensare che gli effetti cerebrali dei farmaci causino dipendenza: gli effetti delle droghe sul cervello influenzano un comportamento piuttosto ristretto, come sentire l'impulso a bere un bicchiere di birra quando è seduto di fronte a te.Questo stimolo può essere una risposta biologicamente condizionata del cervello quando viene presentato con lo stimolo della birra.Ma, come nel mio esempio sopra, quasi tutti gli atti di dipendenza sono precipitati emotivamente- fattori significativi, non per la presenza immediata di un oggetto che crea dipendenza, e di solito sono ritardati nel tempo.Questo solito comportamento di dipendenza è di natura psicologica, non una risposta cerebrale fisiologicamente condizionata).

Mentre alcune persone che sono malate psicologicamente hanno dipendenze, non è corretto generalizzare da questi esempi. Come tutti sappiamo, molte persone con dipendenze sono esseri umani altamente capaci, maturi, responsabili, empatici. Soffrono di un sintomo particolarmente disadattivo, ma non dovremmo dedurre da ciò che sono nella loro essenza diversi da chiunque altro.

Solutions Collecting From Web of "Le persone con dipendenze sono più "malate" di chiunque altro?"