Le persone che fanno impazzire gli altri

Prima della scorsa notte, non riesco a ricordare l'ultima volta che ho visto qualcuno essere guidato alla pazzia. Non ricordo di essere arrabbiato come lo ero quando vedevo il modo in cui gli altri usavano il loro potere, oscurità, rabbia e rigidità per tormentare una donna e farla impazzire. Ho guardato con orrore mentre una donna in uno stato emotivo fragile supplicava, supplicava, piangeva, accettava la terribile pressione che le veniva inflitta, e poi, infine, si separava ed entrava in una realtà alternativa dove la vita era, almeno momentaneamente, sopportabile .

Questa è la storia di Lucia di Lammermoor, con musiche di Gaetano Donizetti, libretto di Salvadore Commarano, e tratto dal romanzo La sposa di Lammermoor del famoso Sir Walter Scott. La produzione attuale al Santa Fe Opera è buona come si arriva. Il regista Ron Daniels e lo scenografo Riccardo Hernandez hanno strappato via tutto ciò che non è essenziale e lo schmaltz e, in sostanza, fanno cantare i cantanti. E se perdi Brenda Rae nel ruolo del protagonista, indosserai un buco nei pantaloni per prenderti a calci per il resto della tua vita.

Come si svolge la tragedia simile a Romeo e Giulietta? Il fratello di Lucia, Enrico (e il suo clan scozzese) è il nemico giurato di Edgardo (e del suo clan scozzese). Il primo ha recentemente ucciso il padre di quest'ultimo, quindi puoi immaginare la furia e la vendetta che rimbalza tra queste due famiglie. Innocente Lucia sta camminando nella foresta ed è attaccata da un orso. È salvata da Edgardo, ei due cadono follemente, disperatamente innamorati. Se questo non è abbastanza pericoloso, Enrico teme che perderà la ricchezza, il potere e il prestigio della famiglia quando Mary Queen of Scots (una cattolica) salirà al trono di Scozia. Organizza un matrimonio politicamente conveniente tra Arturo e Lucia che salverà il clan. C'è solo un problema: Lucia ha segretamente scambiato gli anelli con e ha promesso il suo eterno amore a Edgardo.

Quello che segue è l'inesorabile marcia degli uomini nella vita di Lucia per ottenere quello che vogliono. Enrico minaccia sua sorella, la rimprovera, le incalza e la domina e la manipola per costringerla al matrimonio che ha organizzato per salvarlo. Raimondo, un uomo di stoffa, è lo scagnozzo celeste di Enrico. Usa Dio e il cielo come il suo pretesto mentre forgia una lettera di Edgardo, preda della fragilità di Lucia e la incorona nel temuto matrimonio.

Così il gioco è fatto. Le forze si sono schierate. Da un lato: potere, denaro, religione, politica, clan, dominio maschile. Dall'altra parte: cuore, anima, amore (Lucia e Edgardo). Edgardo vuole rinunciare al ciclo di rabbia e vendetta tra le famiglie e fare pace. Lucia vuole seguire i dettami dell'amore. Indovina chi vince?

Se ascolti attentamente il libretto e osservi attentamente l'azione sul palco, capirai che nessuno oltre a Edgardo SEES Lucia. Sono tutti consumati dai propri egoistici, ciechi bisogni. A un certo punto, quando Lucia ha macchiato di sangue un'omicidio e si è arrabbiata irrimediabilmente nel giorno del suo temuto matrimonio, gli invitati al matrimonio si voltano letteralmente e non possono guardare. E anche dopo che lei si è staccata e diventa totalmente delusa, Enrico sta ancora rimproverando sua sorella. A questo punto è troppo e gli ospiti gridano a Enrico: "Non vedi lo stato in cui si trova?" L'unico che vede SEES Lucia è Edgardo (cantata superbamente dal tenore Mario Chang).

Enrico e Raimondo (Zachary Nelson e Christian Van Horn), cantano meravigliosamente, ma si comportano in modo spregevole. Potevo sentire un'ondata di presagi attraversare il pubblico, mentre i due uomini giravano le viti sempre più strettamente sulla Lucia in lutto.

La lunga discesa di Lucia nella follia è una delle sequenze più famose dell'opera. Brenda Rose è Lucia. La sua voce è perfetta per lo stile di Bel Canto (letteralmente, bello cantare) in questa opera italiana. Si arrampica sulle note più alte, le sostiene e poi si immerge nella complessità di richieste vocali quasi impossibili. Ha lasciato la presa su una realtà insopportabile e allucinante grande gioia mentre sposa il suo amato Edgardo. Per più di 10 minuti, il pubblico trattiene il respiro collettivo e poi scoppia in un applauso. E pochi minuti dopo, il notevole Rae, che sembra decisamente spettrale nel suo abito da sposa insanguinato, canta un'altra aria che è così vocalmente esigente che la mascella collettiva del pubblico si lasci sfuggire.

Questa è un'opera italiana romantica al suo meglio. Partire. Vai. Ops, non voglio essere come Enrico e Raimondo. Non voglio provare a forzarti. Diciamo solo che penso che ti piacerà.

xxxx

Judith Fein è una pluripremiata giornalista di viaggi internazionale, speaker, blogger, autore. Il suo sito web è: www.GlobalAdventure.us

Solutions Collecting From Web of "Le persone che fanno impazzire gli altri"