Le origini della vergogna

Il video di YouTube qui sotto è stato portato alla mia attenzione da un cliente a lungo termine che è anche un eccellente terapeuta e lavora a lungo con i concetti di vergogna nella sua pratica. È affascinante, informativo e fornisce una base neurologica per la comprensione del tipo di vergogna di cui scrivo. Il docente principale, Allan Schore, e gli altri ricercatori non discutono della vergogna, in particolare – affrontano questo argomento dal punto di vista della teoria dell'attaccamento; ma come vedrai, la loro spiegazione dello sviluppo neurologico nel bambino ci aiuta a capire come si radica una vergogna precoce e radicata.

Sicuramente avrai familiarità con il dibattito sulla natura e l'educazione riguardo all'importanza relativa dell'eredità e dell'ambiente. Al giorno d'oggi, la visione prevalente sembra essere che non è né l'uno né l'altro, ma un'interazione tra i due che ci definisce. Anche così, la maggior parte della gente presume che tu sia nato nel mondo con il tuo completo corredo genetico e che poi interagisci con il tuo ambiente. Il docente principale di questo video – Allan Schore, membro della facoltà clinica del Dipartimento di Psichiatria e Scienze comportamentali dell'UCLA – contesta questo punto di vista:

"Uno dei grandi errori che molti scienziati hanno è che tutto ciò che è prima della nascita è genetico e che tutto ciò che è dopo la nascita viene appreso. Non è questo il caso. "Prosegue spiegando che c'è molto più materiale genetico nel cervello a dieci mesi rispetto alla nascita. Solo il tronco cerebrale o "cervello primitivo" è "ben avanzato" alla nascita; il resto del cervello continua a svilupparsi e svilupparsi per i prossimi due anni, man mano che i neuroni diventano mielinizzati e interconnessi. Questo sviluppo non si verifica in modo automatico e predeterminato; piuttosto, è fortemente influenzato dall'ambiente, in particolare dalle interazioni e dalle relazioni con i principali custodi.

È una visione più sfumata del dibattito tra natura e cultura. Non solo è natura e cultura, come molti di noi già credono; anche il particolare aspetto genetico di un individuo (la natura) continua ad evolversi durante i primi due anni di vita sotto l'influenza dell'ambiente (educazione). In altre parole, ciò che accade a te, emotivamente e psicologicamente, durante quei primi due anni, e specialmente nei primi nove mesi di vita, influenzerà potentemente il tuo sviluppo neurobiologico, determinando come il tuo cervello prende forma in modi duraturi . La cosa più importante tra le parti del cervello che si sviluppano durante questi primi mesi sono quelle che coinvolgono il "funzionamento emotivo e sociale del bambino". E se quelle parti del cervello devono svilupparsi in modo appropriato, sono necessarie alcune esperienze. Queste esperienze sono incorporate nella relazione tra il custode e il bambino ".

A circa 5:45 minuti nel video, Schore fa la seguente affermazione: "c'è qualcosa di necessario … che il cervello umano ha bisogno in termini di altri contatti umani, perché cresca. È una situazione "usalo o perdilo". Le cellule che si accendono, si collegano. Le cellule che non lo fanno, muoiono insieme ". L'idea è legata alla nozione di periodi critici: gli organismi hanno una maggiore sensibilità a certi sitimuli ambientali durante specifici periodi del loro sviluppo. Se l'organismo non riceve stimoli appropriati durante questo periodo critico, potrebbe non sviluppare mai determinate funzioni o svilupparle con grande difficoltà o in modi limitati.

Quindi cosa ci sta dicendo Schore? Se un bambino non riceve il tipo di interazioni emotive di cui ha bisogno dai suoi caretakers durante i primi mesi di vita, il suo cervello non si svilupperà normalmente. Alcuni neuroni che dovrebbero avere interconnessi moriranno invece. "Usalo o perdilo": se non ottieni ciò di cui hai bisogno durante quei primi due anni, quell'esperienza ti influenzerà per tutta la vita. Come il mio cliente lo traduce, questo significa "danno cerebrale". Potresti essere in grado di modificare quel danno con un sacco di duro lavoro, ma la neuroplasticità ha i suoi limiti. Non sarai mai la persona che potresti essere se avessi ottenuto ciò di cui avevi bisogno durante quel periodo critico di sviluppo emotivo.

Un pensiero profondamente sobrio. Puoi chiamarlo come ti pare: cattiva genitorialità, fallimento della sintonizzazione, attaccamento insicuro, ma quando le cose vanno male tra genitore e figlio nei primi due anni di vita, ne viene permanentemente danneggiato in modi che non possono essere completamente cancellati. La consapevolezza di essere danneggiati, la consapevolezza di non aver ottenuto ciò di cui avevi bisogno e che, di conseguenza, il tuo sviluppo emotivo è stato deformato e rachitico in modi profondi – questo è ciò che definisco la vergogna di base . Il concetto sta nel cuore del lavoro che faccio.

L'opinione di Schore invalida la teoria semplicistica secondo cui la malattia mentale è il risultato di uno squilibrio chimico nel cervello. Non è che ti manchi una sufficiente serotonina nelle tue sinapsi neuronali; piuttosto, l'esistenza o la mancanza di alcuni neuroni e le interconnessioni tra loro sono state permanentemente alterate da fallimenti di attaccamento durante i primi due anni di vita. Non puoi aggiustarlo con un farmaco. La terapia cognitivo-comportamentale potrebbe insegnarti alcune tecniche utili per far fronte al tuo danno ma non ti farà diventare una persona diversa. Non sarai mai come la persona che ha attraversato le esperienze emotive di cui aveva bisogno durante quel periodo critico.

Due altri docenti in questo video collegano l'esperienza dell'attaccamento sicuro durante questo periodo critico allo sviluppo sia di un fondamentale senso di autostima che della capacità di provare empatia per gli altri. Il rapporto con la vergogna e le difese narcisistiche contro di esso è implicito. O ottieni ciò di cui hai bisogno dai tuoi caretakers durante quei primi mesi e il tuo cervello si sviluppa in modo tale da avere una sicurezza e una sicurezza fondamentali nel mondo; oppure non ottieni ciò di cui hai bisogno e il residuo – il danno neurologico – è la vergogna di base. O i tuoi caretakers sono emotivamente in sintonia con te e sviluppi (neurologicamente) la capacità di entrare in empatia con le altre persone; o quei custodi ti deludono e come risultato, la tua costante lotta per il senso del tuo valore e importanza limita fortemente la tua capacità di entrare in empatia con le altre persone.

Verso la fine del video, Schore sottolinea l'importanza della gioia nell'esperienza dell'attaccamento, ovvero la sintonizzazione del bambino con sua madre nell'esperienza della sua gioia e interesse per il suo bambino è fondamentale per uno sviluppo ottimale. Se non hai quell'esperienza, se non senti che tua madre prova gioia in tua presenza e ti trova bella, danneggerà in modo permanente il tuo cervello mentre si sviluppa. In un post precedente sul mio sito web, After Psychotherapy , ho scritto che il bambino di cui la madre non lo adora (o che prova profonda gioia e interesse per il suo bambino) "non riesce mai a superarlo, non proprio". Ora posso dire perché: è perché lo sviluppo neurologico del suo cervello è stato permanentemente alterato dall'incapacità di ottenere ciò che era necessario durante il primo anno di vita.

Guarda il video qui.

Solutions Collecting From Web of "Le origini della vergogna"