Le origini della nostra vita emotiva: i nostri primi sentimenti

"Una volta chiesi a Darwin quale degli anni della vita di un bambino fosse il più soggetto alle impressioni di incubazione," disse Richmond [l'artista ritrattista di Darwin]. La sua risposta fu, 'Senza dubbio, i primi tre.' ”

– Browne, 2002, p. 451

  • Come possiamo capire cosa motiva l'individuo e i gruppi di esseri umani?
  • In che modo sentimenti e ragione si inseriscono in questo processo?
  • Che dire dello sviluppo e della struttura del sé e dei personaggi?
  • Cosa ci porta a pensare o percepire come facciamo, o ad agire o non agire?
  • Come comprendiamo i nostri comportamenti?

Probabilmente possiamo essere d'accordo sul fatto che si tratta di questioni molto complesse e che ci sono una varietà di prospettive che possono essere applicate su di esse.

Tomkins suggerì "… che ciò che abitualmente pensiamo come motivazione non è una organizzazione interna prontamente identificabile residente in un singolo meccanismo ma è una rete concettuale piuttosto grossolana, approssimativa, approssimativa che gettiamo sull'essere umano mentre lei o lui vive in lei o in lui habitat sociale "(in Demos, 1995, p 52).

I dati del mondo della neuroscienza, della cognizione, della psicologia, della filosofia, del lavoro clinico e così via hanno contribuito a esplorare queste domande. Plutchik (1962), Piaget (1969), Knapp (1987), Basch (1988), Lichtenberg (1988) e altri hanno fornito riassunti e idee da vari campi. Recentemente, le scoperte in biologia hanno portato contributi dai biologi evoluzionisti (ad esempio Mayr, 2001) e dai neuroscienziati (Panksepp, 1998; Panksepp and Biven, 2012). Ad esempio, Panksepp e Biven (2012) hanno unito le pulsioni biologiche e influenzano la psicologia per ipotizzare sette principali modelli motivazionali: RICERCA, RAGE, PAURA, LUSSO, CURA, PANICO / GRIEF e GIOCO (i cappucci provengono da Panksepp e Biven).

Passiamo ora all'embriologia della nostra vita emotiva, ai nostri modelli di sentimenti innati – i nostri "affetti primari".

Affetti primari

Abbiamo suggerito che i nostri primi, nove sentimenti innati – "affetti primari" – sono la chiave per la nostra comprensione dello sviluppo umano e della nostra vita emotiva. Il bambino ha pochissime prime espressioni di sentimenti. Quali sono? Come funzionano?

Tomkins (1981, in Demos, 1995) ci chiede di:

" Considera la natura del problema. Gli attivatori innati dovevano includere le unità come attivatori innati, ma non limitarsi alle unità come attivatori esclusivi. Il neonato, per esempio, deve rispondere con innata paura a qualsiasi difficoltà nel respirare ma anche avere paura di altri oggetti. Ogni affetto doveva essere in grado di essere attivato da una varietà di stimoli non appresi. Il bambino deve essere in grado di piangere a causa della fame o dei suoni forti, oltre che di una spilla da pannolino infilata nella sua carne. Ogni affetto doveva, quindi, essere attivato da alcune caratteristiche generali della stimolazione neurale, comuni sia agli stimoli interni che esterni, e non troppo specifici allo stimolo come un releaser "(Demos, 1995, p. 45, enfasi nell'originale).

La psicologia ha molti modi di cercare di comprendere la vita emotiva e le interazioni umane. Queste spaziano tra le teorie emotive e cognitive, la psicoanalisi classica, la psicologia dell'ego, le relazioni oggettuali, l'intersoggettività, l'auto-psicologia, la teoria dell'attaccamento e altre. Sembra che i nostri primi sentimenti siano alla base di tutti questi concetti. Gli affetti primari formano il fondamento dello sviluppo emotivo e le teorie e le terapie che ne derivano.

Si consideri, ad esempio, l'importanza dei primi problemi di attaccamento. Demos (1989) sostiene che gli affetti primari sono alla base delle idee di attaccamento:

"… teoria dell'attaccamento rappresentata nelle opere di Bowlby (1969); Ainsworth et al. (1978); Sroufe and Waters (1977) … sostiene che esiste un sistema preordinato comportamentale, emotivo, percettivo specializzato per l'attaccamento che è stato ereditato dai nostri antenati primati ed è progettato per diminuire la distanza fisica tra il bambino e il caregiver in caso di pericolo. Al contrario, la visione qui presentata [cioè, Tomkins e colleghi] parla di sistemi altamente organizzati e coordinati a un livello più basilare e generale, per esempio, i sistemi percettivi, cognitivi, affettivi, motori e omeostatici, che sono progettati per funzionano egualmente bene nel mondo inanimato o animato, e in momenti sicuri e pericolosi " (p 293).

Quindi, esaminiamo ora questi primi sentimenti: cosa sono e come funzionano.

Le origini della nostra vita emotiva: i nostri primi sentimenti

Nella nostra discussione dei sentimenti fino a questo punto, abbiamo brevemente esplorato come i sentimenti sono stati compresi e studiati fino ad oggi. Come abbiamo esaminato il mese scorso, c'è un'enorme letteratura in questo campo, in modo appropriato a causa dell'importanza delle nostre emozioni nell'influenzare le nostre azioni e la struttura dei personaggi.

Ora, siamo interessati ad esplorare l'embriologia delle nostre emozioni, quali sentimenti esistono all'inizio della nostra vita e come funzionano. Abbiamo descritto come gli umani hanno sentimenti innati e ereditati. Questi sono chiamati "affetti primari". Discuteremo dell'idea che queste prime sensazioni siano risposte incorporate a stimoli che poi diventano i nostri sentimenti più comunemente compresi.

I primi processi di caregiving sono cruciali per lo sviluppo emotivo che va bene o viene deragliato. Ci sono, naturalmente, gravi malattie mentali come la schizofrenia, il disturbo bipolare e la depressione maggiore che sembrano avere una forte componente biologica. Tuttavia, anche in queste malattie, studi gemelli e altri dati suggeriscono che c'è un elemento di "educazione" che è coinvolto. In ogni caso, ci stiamo concentrando qui sullo sviluppo emotivo nel circa il 95% della popolazione che non ha una tendenza biologica a queste gravi malattie.

Abbiamo discusso in precedenza degli enormi progressi nella comprensione dei sentimenti fatti specialmente nella seconda metà del XX secolo. Questi progressi includono aspetti sia psicologici che neurobiologici.

Per rivedere: perché concentrarsi sui sentimenti? Due ragioni in particolare. Innanzitutto, i sentimenti ci motivano. I sentimenti portano all'azione. I sentimenti si combinano con l'autoriflessione e la ragione per causare comportamenti. Secondo, i sentimenti sono cruciali perché consentono la comunicazione.

Ritorno a Darwin
Dobbiamo tornare a Darwin per un momento. Nel suo libro del 1872, L'espressione delle emozioni nell'uomo e negli animali , Darwin esplorò varie espressioni di emozioni e concluse che alcune erano innate e universali. Ha affermato che queste espressioni universali di emozioni erano presenti nell'Homo sapiens e si sono evolute dagli animali.

Come ha osservato Paul Ekman:

"Credo che molti scienziati considerino consolidata l'universalità delle espressioni facciali delle emozioni … Il punto centrale di Darwin è ben radicato: un certo numero di emozioni ha un'espressione universale. Questo avrebbe fatto piacere a Darwin, poiché ha riconosciuto che non tutte le emozioni hanno un'espressione, per non dire una universale. Ma trovare prove di universali da sei a otto emozioni è coerente con una visione evolutiva " (1998, pagine 390-391, enfasi nell'originale).

I dati che supportano espressioni universali e innate provengono da una varietà di fonti: sviluppo infantile, antropologia e studi interculturali e neurofisiologia. Quando i bambini si sviluppano, possono essere in grado di controllare le loro espressioni facciali in una certa misura, sebbene la pellicola ad alta velocità continui a documentare l'espressione originale. Inoltre, le differenze culturali possono influenzare la successiva espressione delle emozioni. Per i lettori interessati a queste problematiche relative alla natura e all'educazione, vale la pena di leggere il libro di Paul Ekman, Foreword and Afterword to Darwin del 1872.

Quali sentimenti ci sono? E come funzionano?

Quindi, ora ci rivolgiamo a Silvan Tomkins e ai suoi colleghi. Tomkins è stato particolarmente utile per far progredire la nostra comprensione dei sentimenti. Tomkins è nato nel 1911. Ha studiato e lavorato in vari centri educativi: University of Pennsylvania, Harvard, Princeton, City University di New York e Rutgers. Ha pubblicato estensivamente, con la maggior parte dei suoi scritti contenuti in un lavoro di quattro volumi intitolato Affect Imagery Consciousness (1962, 1963, 1991, 1992).

Gli fu diagnosticato un cancro nel 1990 e morì nel 1991, poco dopo il suo ottantesimo compleanno. I suoi collaboratori più giovani sono tutti importanti collaboratori a pieno titolo.

Includono: Virginia Demos, Paul Ekman, Carroll Izard e Don Nathanson.

Tomkins ha detto essenzialmente questo:

"Sembra che ci sia un piccolo numero di sentimenti incorporati, e voglio dirti cosa sono e come funzionano".

Oppure, nella versione estesa:

"Sono d'accordo con Darwin, i neurobiologi ei ricercatori infantili che suggeriscono che ci sia un discreto numero di sentimenti innati e innati con corrispondenti espressioni facciali e corporee. Questi sentimenti si collegano con l'esperienza e si combinano l'uno con l'altro per formare la nostra vita emotiva e personalità più complessa. Penso di poterti dire quali sono questi primi sentimenti e come funzionano ".

Tuttavia, alcuni avvertimenti prima di iniziare. Vi è una vivace controversia scientifica su quanti di questi primi sentimenti esistano, e persino su come concettualizzarli e pensarli. Quindi non abbiamo bisogno di rimanere troppo attaccati se ci sono sei o otto o dieci di questi primi sentimenti incorporati (ad esempio, vedi Panksepp, 1998, Panksepp and Bevin, 2012). È l'immagine più grande – vedere questi sentimenti e apprezzarli come l'embriologia della nostra vita emotiva – che è importante. Lo stesso Tomkins è passato da otto a nove nella sua vita (Tomkins, 1991).

Inoltre, Tomkins era ben consapevole della distinzione tra sentimenti consci e inconsci, tra processi cognitivi corticali e processi subcorticali, tra pulsioni e sentimenti. Ad esempio, in questo modello gli effetti sono visti come amplificatori di unità. Alcuni di questi sono importanti dal punto di vista tecnico e clinico e sono discussi altrove (ad es. Izard, 1977; Holinger, 2008). Ma, per i nostri scopi qui, dobbiamo concentrarci su questi sentimenti incorporati, su come possono funzionare e su come motivano il comportamento umano.

Quindi, tornando alla domanda: quali sono i primi sentimenti ("affetti primari") degli esseri umani?

Tomkins e altri (eg vedi Gedo, 2005, e Basch, 1988) definirono questi primi sentimenti, o influenze, come risposte biologiche agli stimoli. Queste risposte sono visibili nella pelle, nell'apparato vocale, nella muscolatura, nel sistema nervoso autonomo e in particolare nel viso.

La faccia

Il volto si rivela essere un notevole sistema di segnalazione. Ha molti muscoli che creano sfumature di espressione, e più tardi nella sua vita Tomkins ha sottolineato l'importanza della pelle del viso nella comunicazione. I bambini tendono a concentrarsi soprattutto sugli occhi e sulla bocca della persona a cui stanno guardando. Questo ha senso, in quanto molti dei sentimenti sono comunicati attraverso i piccoli muscoli che circondano gli occhi e la bocca. [Vedi le illustrazioni dell'anatomia facciale da: Darwin C (1872). L'espressione delle emozioni nell'uomo e negli animali. Terza Edizione (P. Ekman, ndr), New York: Oxford University Press, 1998, pagg . 29-30 .]

Darwin e Tomkins erano entrambi affascinati dall'evoluzione del volto, dall'espressione dei sentimenti e dalla comunicazione (Ekman, 1973). Anche Tomkins divenne particolarmente interessato al ruolo svolto dai sentimenti nella motivazione del comportamento umano (1991).

I primi sentimenti

Alla fine, Tomkins suggerì che la ricerca mostrava che gli umani avevano nove sentimenti così innati e universali:

  1. Interesse
  2. Godimento
  3. Sorpresa
  4. angoscia
  5. Rabbia
  6. Paura
  7. Vergogna
  8. Disgusto (una reazione ai gusti nocivi)
  9. Dissemellare (una reazione agli odori nocivi)

Ci sono anche livelli sempre più bassi di questi sentimenti. Pertanto, i sentimenti tendono a variare da basso ad alto come segue:

  • Interesse – Eccitazione
  • Piacere – Gioia
  • Sorpresa – Startle
  • Distress – Angoscia
  • Rabbia – rabbia
  • Paura – Terrore
  • Vergogna – umiliazione
  • e maggiori livelli di Disgusto e Dissell

Come vengono espressi questi sentimenti?

Che aspetto hanno questi "sentimenti"? Ricorda, a questo punto dell'infanzia, vengono chiamate reazioni biologiche a vari tipi di stimoli. Solo più tardi la persona sarà in grado di esprimere a parole il suo senso soggettivo di ciò che sta accadendo all'interno e collegarlo con un'espressione facciale.

Quindi quali sono queste manifestazioni facciali, corporee e vocali?

L'interesse è mostrato con le sopracciglia leggermente abbassate o alzate; c'è concentrato guardando e ascoltando; la bocca potrebbe essere un po 'aperta.

Il godimento suscita un sorriso, con le labbra allargate.

La sorpresa è associata con le sopracciglia in su, gli occhi spalancati e lampeggianti e la bocca a forma di "O". Poiché gli affetti si verificano rapidamente – in millisecondi – la caratteristica espressione sorpresa è spesso vista con, per esempio, l'espressione di angoscia o paura o divertimento.

L'angoscia è rivelata dal pianto, dalle sopracciglia arcuate, dagli angoli della bocca rivolti verso il basso, dalle lacrime e dai singhiozzi ritmici.

La rabbia è mostrata da un cipiglio, gli occhi socchiusi, una mascella serrata e una faccia rossa.

La paura è segnalata dagli occhi congelati; pelle pallida, fredda e sudata; tremante facciale e capelli eretti.

La vergogna è rivelata dall'abbassamento delle palpebre e dalla perdita di tono muscolare del viso e del collo che fa cadere la testa.

Il disgusto (una reazione ai gusti nocivi) suscita labbra e lingua sporgenti.

Dissemellare (una reazione agli odori nocivi) fa alzare il labbro superiore e il naso e la testa deve essere allontanata.

Questi sono i nostri primi sentimenti. Sono l'embriologia della nostra vita emotiva. Ora dobbiamo discutere su ciò che scatena questi sentimenti, cioè come funzionano.

RIFERIMENTI PER I LETTORI INTERESSATI

Basch MF (1988). Comprendere la psicoterapia: la scienza dietro l'arte. New York: libri di base.

Browne J (2002). Charles Darwin: The Power of Place. Princeton, NJ: Princeton University Press.

Darwin C (1872). L'espressione delle emozioni nell'uomo e negli animali. Terza Edizione, P. Ekman, ed., New York: Oxford University Press, 1998.

Demos EV (1989). Una prospettiva prospettivista di sviluppo. Annual Psychoanalysis 17: 287-308.

Demos EV (1995). Exploring Affect: The Selected Writings di Silvan S. Tomkins. Cambridge, Inghilterra: Cambridge University Press.

Ekman P (a cura di) (1973). Darwin e espressione facciale: un secolo di ricerca in esame. New York: Academic Press.

Ekman P (a cura di) (1998). L'espressione delle emozioni nell'uomo e negli animali (C. Darwin, 3a edizione). New York: Oxford University Press. (Opera originale pubblicata nel 1872).

Gedo JE (2005). La psicoanalisi come scienza biologica: una teoria completa. Baltimora: The Johns Hopkins University Press.

Holinger PC (2008). Ulteriori questioni nella psicologia dell'affetto e della motivazione: una prospettiva di sviluppo. Psicologia psicoanalitica 25: 425-442.

Izard CE (1977). Emozioni umane. New York: Plenum Press.

Izard CE, Kagan J, Zajonc RB, eds (1984). Emozioni, cognizione e comportamento. Cambridge: Cambridge University Press.

Knapp PH (1987). Alcuni contributi contemporanei allo studio dell'affetto. Journal American Psychoanalytic Association 55: 205-248.

Lichtenberg J (1988). Una teoria dei sistemi motivazionali-funzionali come struttura psichica. Journal American Psychoanalytic Association 365: 57-72.

Mayr E (2001). Che cos'è l'evoluzione. New York: libri di base.

Nathanson DL (1992). Vergogna e orgoglio: affetto, sesso e nascita di sé. New York: WW Norton & Company.

Panksepp J (1998). Affective Neuroscience: The Foundation of Human and Animal Emotions. New York: Oxford University Press.

Panksepp J, Bevin L (2012). L'archeologia della mente: origini neurovoluzionarie delle emozioni umane. New York: WW Norton.

Piaget J, Inhelder B (1969). La psicologia del bambino. New York: Basic Books (Originariamente in francese, 1966).

Plutchik R (1962). Le emozioni: fatti, teoria e un nuovo modello. New York: Random House.

Tomkins SS (1962). Affect Imagery Consciousness (Volume I): The Positive Affects. New York: Springer.

Tomkins SS (1963). Affect Imagery Consciousness (Volume II): The Negative Affects. New York: Springer.

Tomkins SS (1981). La ricerca di motivazioni primarie: biografia e autobiografia di un'idea. Journal of Personality and Social Psychology 41: 306-329.

Tomkins SS (1991). Affect Imagery Consciousness (Volume III): The Negative Affects: Anger and Fear. New York: Springer.

Tomkins SS (1992). Affect Imagery Consciousness (Volume IV): Cognizione: duplicazione e trasformazione delle informazioni. New York: Springer.

BUONE NOTIZIE!

Recentemente e formalmente i centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno emesso una politica che afferma che le punizioni corporali sono abusi sui minori e dovrebbero essere bandite (2016) . Questa posizione è in risposta a dati coerenti che mostrano punizioni fisiche associate a violenze aumentate e disturbi emotivi.

*****
Finora, 49 paesi hanno bandito la punizione fisica in tutti i contesti e più di 100 paesi l'hanno vietato nelle scuole.
*****

Fortson BL et al (2016). Prevenire l'abuso e la negligenza dei minori: un pacchetto tecnico per politiche, norme e attività programmatiche . Atlanta, GA: Centro nazionale per i centri di prevenzione e controllo delle lesioni per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Libro del mese

Titolo: No Bad Kids: Toddler Discipline Without Shame
Autore: Janet Lansbury | JLML Press, 2014

Questo è un libro meraviglioso per i genitori. Parla in modo approfondito di sentimenti, comportamenti, disciplina e socializzazione.

A proposito di Dr. Paul C. Holinger

Il Dr. Holinger è l'ex preside del Chicago Institute for Psychoanalysis, professore di psichiatria al Rush University Medical Center e fondatore del Center for Child and Adolescent Psychotherapy. Il suo obiettivo è lo sviluppo del bambino e del bambino. Il Dr. Holinger è anche l'autore del libro What Babies Say Before They Can Talk .

Solutions Collecting From Web of "Le origini della nostra vita emotiva: i nostri primi sentimenti"