Le nuove regole di lavoro – Seconda parte

Quindi hai rimuginato sull'idea che ho proposto la settimana scorsa – che, sotto le nuove regole del lavoro, sei un libero professionista. Nessun lavoro è sicuro e devi essere pronto, in qualsiasi momento, a fare qualcosa di nuovo. Avere un trambusto laterale, un piano B, un piano di riserva – tutto molto importante secondo le nuove regole del lavoro.

E c'è qualcos'altro che devi sapere per prosperare nel nuovo posto di lavoro: Givers vince, chi vince perde.

Le vecchie regole

Mangia quello che uccidi. L'avidità è buona. Con ogni mezzo necessario, otterrai il tuo e manderai qualcuno che si muove troppo lentamente. Il tuo slogan: sonnellino, perdi. Consideri le informazioni dalle persone con cui lavori, e persino dai tuoi clienti, perché l'informazione è potere e il potere è fondamentale. Il potere ti fa uccidere di più, quindi mangi di più. Di più, di più, di più è l'incessante ricerca. Perché c'è così tanto da fare. Solo un ragazzo in cima. E sarai tu.

Le nuove regole

La collaborazione sostituisce la concorrenza. Le informazioni sono condivise in modo aperto e trasparente. La collaborazione produce profonde connessioni personali con gli altri, che a loro volta offrono opportunità di crescita e nuovi posti di lavoro. Hai successo essendo di servizio. Costruisci un marchio personale forte con ogni persona trattata bene. Sai che c'è più di tutto per andare in giro, quindi lo stress è ridotto. Un giorno sarai il leader, il giorno dopo prenderai le indicazioni: tutto dipende dall'impe- gine in corso.

The Taking Culture crea enormi inefficienze. È come lo studio legale che ottiene un nuovo caso nell'ufficio di Los Angeles, ma l'avvocato con la migliore esperienza è a Washington – e lei non viene messa sul caso perché tutte le ore fatturabili devono rimanere a Los Angeles per poter fare i loro numeri e ottengono i loro bonus. Il cliente ha meno di un'assistenza stellare da parte dell'azienda, e un cattivo gusto in bocca quando perde il suo caso.

La cultura della presa crea cattiva volontà. È come un "esperto di marketing" il cui miglior marketing è davvero il suo personaggio. Lei vende programmi ed e-book e trucchi che promettono che farai crescere la tua attività per avere successo come la sua. Tuttavia, tutto ciò che vende è amatoriale, pronto all'uso, inutile. In realtà non ha mai fatto marketing professionale. Ehi, a lei non importa – dopotutto ha un mutuo da pagare – e abbastanza nuove persone vengono da lei attraverso la sua presenza online che non le importa niente delle legioni di clienti delusi che sta lasciando nella sua scia. I ventosi.

La cultura Giving trasforma tutto all'orecchio.

Quando si concentra su Giving, l'ufficio di Los Angeles collabora con l'ufficio DC per fornire al cliente la migliore rappresentazione possibile. Il cliente è così felice che continua a usare l'azienda per anni e li rimanda a molti clienti.

Il guru del marketing online che proviene da un luogo di Giving e si concentra sulla sua esperienza, offre materiali pratici di alta qualità a un pubblico in espansione di fan in delirio. Non si preoccupa mai di fare un mutuo. In realtà, quel pollone è ripagato.

Ed è per questo che i donatori vincono. Dare crea. Crea connessione, crea buon feeling, crea ricchezza.

Solo una nota a tutti i miei amici auto-disprezzanti, autoironici, gradevoli alla gente là fuori: non dai fino a quando non fa male. Non dai fino a quando non hai più niente. Non dai per ottenere l'approvazione degli altri. Non è questo il punto di queste nuove regole di lavoro.

Tu dai per creare legami e connessioni di apprezzamento tra te e altri donatori. Tu dai a collaborare. Tu dai per prepararti per il prossimo.

Tu dai perché è così giusto e produce ricompense così ricche.

Tu dai forza, perché sai – non è vero? – che c'è sempre molto da fare.

Solutions Collecting From Web of "Le nuove regole di lavoro – Seconda parte"