Le nostre stranezze di memoria: sono per noi o contro di noi?

Random House
Fonte: Random House

C'è molto da digerire dalla più recente generazione di ricercatori della memoria. Il libro dello psicologo Julia Shaw, The Memory Illusion: Remembering, Forgetting, and Science of False Memory , cita molte di queste ricerche in una lettura veloce che potresti essere tentato di sfogliare.

Non farlo.

Ogni capitolo contiene elementi con implicazioni di vasta portata. Dobbiamo capire come funziona la nostra memoria, perché in un'epoca così piena di disinformazione, può facilmente indurci a credere a cose che non sono vere.

Blogger per Scientific American , Shaw insegna presso l'University College di Londra. Si concentra la propria ricerca sulla falsariga di falsi indicatori di memoria, pregiudizi dei testimoni oculari e accuse basate su incidenti "ricordati" che non si sono mai verificati.

Dedico due settimane a problemi di memoria nel mio corso di psicologia forense. Voglio che gli studenti che sperano di entrare nel sistema legale siano in grado di sapere in che modo la memoria centrale è rivolta a cose come le deliberazioni della giuria, le narrative delle vittime, gli stati mentali e le testimonianze oculari. Devono rendersi conto che l'accuratezza della memoria non è così semplice come potrebbe sembrare. Molte persone hanno difficoltà a cogliere questo. Di solito ripeto "la memoria non è come un videoregistratore" una dozzina di volte ogni semestre.

Come sottolinea Shaw, la memoria è più simile a una pagina di Wikipedia. Considerando quanto siano povere alcune di queste pagine e quanto siano aperte alla modifica da parte degli altri, questa è una metafora spaventosa. La ricerca sulla memoria falsa, in particolare, dovrebbe riguardarci in un'epoca in cui i leader mentono spesso e le notizie false hanno allagato i social media.

Dalle prime generazioni di ricercatori come Elizabeth Loftus, sappiamo che la memoria è un processo ricostruttivo. Durante uno degli stadi fondamentali della codifica, archiviazione e recupero, è soggetto a numerosi fattori che potrebbero potenzialmente alterarlo. Uno, ad esempio, è il semplice atto di dare un senso alla nostra esperienza. Logicamente "ricordiamo" come è avvenuto probabilmente un incidente, coerente con i nostri schemi personali, quindi le nostre inferenze si intrecciano con la codifica e il recupero. Allo stesso tempo, i dettagli che non si adattano rapidamente si corrodono (o non vengono elaborati affatto).

Nessun ricordo, una volta formato, è scolpito nella pietra. Piuttosto, la memoria è un processo fluido che può cambiare nel tempo. Problematicamente, il nostro cervello fornisce poche informazioni su questo cambiamento, quindi tendiamo a non notare. Tuttavia, una volta che il ricordo di un incidente cambia, non c'è nessun originale contro cui confrontare per la correzione.

Shaw copre molto di questo terreno e ne aggiunge altri. Confutando l'idea che alcune persone possano ricordare i dettagli della loro nascita per correggere nozioni su ricordi di flash, ricordi repressi e persino maghi della memoria, lei sostiene le sue affermazioni con la ricerca. Un capitolo che mi ha affascinato presenta esperimenti che hanno piantato falsi ricordi in api e topi.

Quindi, i ricordi non sono esattamente accurati, e dovremmo apparentemente abituarci ad esso. Inoltre non sono buoni come pensiamo che siano. Forti emozioni, un senso di certezza e molti dettagli non indicano che qualcosa che ricordiamo sia realmente accaduto nel modo in cui crediamo. La ricerca mostra che possiamo assorbire false narrazioni sulle nostre esperienze e poi riportarle indietro – con dettagli extra! E non possiamo dire la differenza tra questi falsi ricordi e ricordi di esperienze reali.

Le nostre stranezze, si scopre, possono funzionare sia per noi che contro di noi.

Alcune delle ricerche descritte da Shaw mi turbano anche per quanto riguarda l'impatto sull'educazione. Parla di quattro esperimenti incentrati su ciò che accade quando le persone credono di poter sempre trovare le informazioni di cui hanno bisogno in qualche database. Non lavorano per ricordarlo, quindi sviluppano l'amnesia digitale e la loro memoria per informazione è scarsa. Ad esempio, grazie alla memorizzazione digitale dei numeri di telefono di oggi, la maggior parte delle persone non conosce più a memoria il numero delle persone più vicine a loro.

Sebbene alcuni ricercatori suggeriscono che l'educazione potrebbe evolvere verso capacità di pensiero critico rispetto alla memorizzazione delle informazioni, in realtà, c'è bisogno di entrambi. Il ragionamento critico non funziona da solo.

Nel campo della psicologia criminale, abbiamo una serie di casi significativi che gli studenti che vogliono seguire questa disciplina dovrebbero sapere. Senza una certa memorizzazione dei dettagli, non saranno necessariamente in grado di cercare questi casi, o come distinguere le informazioni buone da quelle sbagliate (e ce ne sono molte di queste).

Stiamo perdendo qualcosa di prezioso quando permettiamo agli studenti di credere che tutte le informazioni di cui potrebbero aver bisogno siano su Internet. Come dice Shaw, "In un'epoca in cui l'informazione è quasi sempre disponibile per noi in seguito, questo può avere profonde implicazioni per come lo ricordiamo." Certamente può, e non in senso positivo.

The Memory Illusion offre molto da riflettere. Per lo meno, ogni avvocato processuale dovrebbe leggerlo in modo che riconoscano la necessità di istruire le giurie e di esaminare come sono stati gestiti i testimoni oculari. Shaw è ora nella mia lista, insieme a Loftus, come ricercatore da seguire.

Solutions Collecting From Web of "Le nostre stranezze di memoria: sono per noi o contro di noi?"