Le mani di mia nonna

used with permission of author Resmaa Menakem
Fonte: usato con il permesso dell'autore Resmaa Menakem

L'America ha a che fare con problemi di razza da molto tempo. Forse fare ulteriori progressi richiede un approccio diverso, uno meno concettuale, più focalizzato sul corpo.

A che cosa si riferisce il titolo del libro?

Il titolo si riferisce alla mia nonna materna e al modo in cui sia il trauma che la resilienza sono stati espressi attraverso il suo corpo. Era una donna piccola, ma aveva dita molto tozze e tozze. Erano il risultato della raccolta del cotone come figlia di mezzadro, a partire da quando aveva quattro anni.

Le piante di cotone hanno delle sbavature che ti spalancano. Alla fine, le sue mani si adattarono al trauma ripetuto in un modo che la proteggeva. Ma le sue mani sembravano strane, quasi deformate, come risultato.

Mia nonna ci amava con tutto il cuore. Ma, come tanti americani, ha avuto un sacco di traumi nel suo corpo, e ha trasmesso parte di quel trauma – così come il suo amore e la sua capacità di recupero – ai suoi figli e nipoti.

Le mani di mia nonna riguardano i nostri corpi umani; su come il trauma li colpisce; su come questo trauma viene tramandato attraverso le generazioni; e su come interagiscono resilienza e trauma. Le stesse forze fisiche che ci rendono elastici possono anche incoraggiarci a farci del male a vicenda.

Cosa c'è di insolito nel modo in cui il tuo libro parla del razzismo?

Non uso molto spesso la parola razzismo. Invece, scrivo del privilegio della pelle bianca e della supremazia del corpo bianco. Così molti dei nostri sforzi per affrontare le ingiustizie, la violenza e l'odio e corpi morti e rotti nelle nostre strade sono stati concettuali e hanno fallito. Se faremo progressi, dobbiamo iniziare con il corpo.

In Between the World and Me, Ta-Nehisi Coates scrive che "il razzismo è un'esperienza viscerale, che allontana il cervello, blocca le vie respiratorie, strappa i muscoli …" Ecco dove inizia il mio libro – con il corpo umano.

E non solo con il corpo nero. Se studi la storia dell'Europa durante il Medioevo, vedrai che i medesimi cervelli di crudeltà, bloccando le vie respiratorie, e così via, erano ciò che i potenti corpi bianchi facevano a corpi bianchi meno potenti per molte centinaia di anni. Questo ha creato un profondo trauma in molti, molti corpi bianchi.

Quando alcuni di quei corpi vennero nel Nuovo Mondo, portarono quel trauma – e quelle pratiche crudeli – con loro. Oggi, noi americani, qualunque sia la tonalità della nostra pelle, abbiamo una grande capacità di recupero, ma continuiamo anche a portare quel trauma nei nostri corpi.

In che modo la tua opinione è diversa dalle opinioni degli altri sull'argomento e come sei arrivato alla tua attuale prospettiva?

Ho studiato con lo psichiatra Bessel van der Kolk, che ha scritto il libro fondamentale sul trauma, The Body Keeps the Score, e con lo psicologo David Schnarch, che ha scritto diversi libri sulla connessione umana, l'intimità e il desiderio. Gran parte delle Mani di Mia nonna si basa su quello che ho imparato da loro, così come sulla ricerca pionieristica della neuroscienziata Rachel Yehuda, che ha mostrato come il trauma viene trasmesso di generazione in generazione nell'espressione stessa dei nostri geni. Quindi My Grandmother's Hands si basa su una solida ricerca piuttosto che su "vecchi punti di vista" vecchi o nuovi.

Quello che ho fatto è stato mettere insieme pezzi – specialmente in termini di razza, trauma e biologia – che sono già ampiamente accettati ma che altri non avevano mai preparato prima. Le novità sono alcune delle strategie pratiche che individui e gruppi possono utilizzare per affrontare il loro trauma, giorno dopo giorno.

E molte altre pratiche nel libro non sono affatto nuove. Alcune sono pratiche che le persone hanno fatto intuitivamente per migliaia di anni. Nell'offrirli, ho attinto alla saggezza collettiva dei miei insegnanti, anziani, colleghi e altri attivisti.

Il mio libro riunisce molteplici percorsi tagliati da molte altre persone di tutto rispetto.

Quali percorsi apre il tuo libro per la guarigione o il superamento del divario razziale in America?

"Il divario razziale" non è come un fuso orario o la linea Mason-Dixon. Non possiamo guarire la supremazia del corpo bianco e il privilegio della pelle bianca senza affrontare e curare il trauma.

E non puoi guarire il trauma senza capire come il corpo umano lo elabora e lo vive. Ecco perché ho un intero capitolo sul nervo vagale – quello che io chiamo il nervo dell'anima – che è dove sentiamo speranza, terrore, paura, empatia, ansia, disgusto, disperazione e almeno una dozzina di altre emozioni. È per questo che ho un intero capitolo su come sistemare e salvaguardare il tuo corpo. E perché ho capitoli su come raggiungere altri corpi e armonizzarmi con loro.

Queste sono le opportunità per guarire. Non guarirai la linea Mason-Dixon, ma i corpi reali, respiranti, in carne e ossa possono guarire. Il mio libro aiuta a iniziare quella guarigione.

Non mettiamo la nostra attrezzatura da montagna e superiamo un divario razziale. Invece, individualmente e collettivamente, dobbiamo affrontare il nostro trauma e guarire i nostri corpi e i nostri cuori. Quello che tu chiami "il divario razziale" non è un ostacolo da conquistare; è una ferita che vive dentro i nostri corpi, una ferita che possiamo guarire.

Chi trarrebbe maggior beneficio leggendo il tuo libro?

Quasi tutti possono beneficiarne, perché quasi tutti noi abbiamo traumi – tra cui il trauma legato alla razza – incastrati nei nostri corpi. Se vogliamo sfruttare al meglio la nostra vita e rendere il mondo più sopportabile per gli altri esseri umani, allora dobbiamo tutti affrontare questo trauma. Il mio libro ci mostra come iniziare.

Detto questo, ho scritto diversi capitoli in particolare per i bianchi americani, alcuni principalmente per afroamericani e altre persone di colore, e diversi per i professionisti delle forze dell'ordine. Mentre spero che tutti leggeranno l'intero libro, questi capitoli contengono una varietà di semplici pratiche centrate sul corpo che aiuteranno le persone di ogni gruppo ad affrontare il loro trauma.

Informazioni su THE AUTHOR: Gli autori selezionati, con le loro stesse parole, rivelano la storia dietro la storia. Gli autori sono presenti grazie al posizionamento promozionale delle loro case editrici.

Per acquistare questo libro, visita:

Le mani di mia nonna

used with permission of author Resmaa Menakem
Fonte: usato con il permesso dell'autore Resmaa Menakem

Solutions Collecting From Web of "Le mani di mia nonna"