Le lotte politiche del presidente Obama e la tua felicità

Mio figlio, come molti altri americani, ha recentemente espresso la sua delusione nel presidente Obama. "Pensavo che avrebbe fatto una tale differenza", ha detto. "Ma non lo è."

Peter Brown, vice direttore del Polling Institute dell'Università Quinnipiac e ex corrispondente della Casa Bianca, afferma che in questo modo il presidente Obama è "molto più simile al suo predecessore – George W. Bush, un repubblicano le cui opinioni e valori Obama ha speso più di 18 mesi denigrando da Boston a Bakersfield – rispetto all'ultimo presidente democratico, Bill Clinton ".

"Dalla sua volontà di forzare una massiccia revisione del sistema sanitario nazionale, nonostante la forte opposizione pubblica, alla sua autorizzazione di una causa per contestare una legge popolare dell'Arizona volta a frenare l'immigrazione clandestina", afferma Brown, "Mr. Obama non ha lasciato che i sondaggi di opinione pubblica guidassero la sua presidenza ".

Nella nostra cultura è spesso visto come vitale che rimaniamo fedeli ai nostri valori, indipendentemente da ciò che pensano gli altri. Ma allo stesso tempo apprezziamo il successo – e il successo spesso significa compromesso – accettando che per raggiungere una cosa potremmo dover lasciare andare un altro.

Questo non è solo un problema politico. Lo sento ripetere più e più volte nelle lotte dei clienti per dare un senso alle loro vite.

• Una donna vuole avere successo in una carriera impegnativa e anche essere una buona madre per i suoi bambini in crescita.
• Una coppia non si ama più, ma non vuole che il divorzio distrugga la vita dei loro figli.
• Un marito e una moglie hanno opinioni opposte sulla religione in cui vogliono allevare i loro figli, la città in cui vogliono vivere o il modo in cui vogliono spendere i loro soldi.
• Un dipendente non è d'accordo con le regole stabilite da un datore di lavoro, ma desidera molto per andare avanti in un determinato lavoro.
• Uno studente non è d'accordo con le prospettive di un insegnante, ma non vuole dispiacere a quell'insegnante.
• Un congregant non è d'accordo con le dichiarazioni di un leader religioso.
• Un individuo lotta con conflitti interni su ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.
• Un coniuge desidera essere fedele a un partner ma desidera anche un'esperienza sessuale più eccitante con qualcun altro.

L'elenco potrebbe andare avanti e avanti e avanti. I conflitti, sia interni che esterni, sono la fonte di molto dolore umano.

Il compromesso non è un termine popolare nel mondo di oggi. Sia nel campo della politica, del lavoro o della vita personale, sembra esserci la convinzione che "cedere" sia una debolezza. Devono essere vinte guerre psicologiche, personali e internazionali, ma quanto spesso accade? Tuttavia, come ha affermato Amos Oz, l'autore israeliano, il vero compromesso spesso non rende felice nessuno. Nessuno ottiene tutto ciò che vuole; a volte nessuno ottiene ciò che vuole. Ma come sottolinea Oz sul caso del conflitto israelo-palestinese, il compromesso salverebbe alcune vite.

La nota psicoanalista britannica Melanie Klein riteneva che la salute psicologica provenga direttamente dal paradosso descritto da Oz. La felicità, anche la contentezza, non sono gli obiettivi della terapia kleiniana; l'accettazione della responsabilità per le proprie scelte è. Klein ha definito questo risultato psicologico "la posizione depressiva", in contrasto con la "posizione paranoica" in cui gli altri sono incolpati di tutti i propri problemi. Non intendeva implicare che il benessere psicologico richiedesse a un individuo di essere depresso; ma semplicemente accettando che non c'è "purezza" nella vita e che il conflitto risolutivo, interno o esterno, non renderà "felice".

Non sono un kleiniano, anche se trovo che alcune delle sue idee siano estremamente utili. Assumersi la responsabilità delle proprie scelte è una di queste idee. La capacità di assumere la proprietà di decisioni difficili e di riconoscere che non saremo necessariamente soddisfatti di tutte le ricadute di queste scelte non è necessariamente un percorso verso la felicità o persino la soddisfazione; ma può portare a qualcosa che potrebbe essere più importante: un senso di autostima. Non posso dire di essere d'accordo con tutte le decisioni di Obama, specialmente perché sembrano portare a una perdita di forza politica che influenzerà non solo lui e la sua famiglia, ma questo paese e il mondo intero. Ma se è disposto ad accettare le conseguenze delle sue scelte, allora presumo che si allontanerà da questa esperienza con la sua autostima intatta – come sembra che anche Bush abbia fatto.

Solutions Collecting From Web of "Le lotte politiche del presidente Obama e la tua felicità"