Le leggi per forzare il trattamento non sono la risposta agli omicidi di massa

Nella sua colonna illustrata in Sun-Sentinel, "System Failure: non curare le conseguenze mentali malate", il Rep. USA Timothy Murphy (R-PA) ha dei punti eccellenti. Il nostro sistema di salute mentale è un disastro: in questo paese c'è carenza di letti psichiatrici, è difficile accedere alle cure ambulatoriali e ci sono troppi pochi medici. Mentre il trattamento psichiatrico può alleviare o moderare il tormento psichico causato dalle malattie, vorrei suggerire che molti dei punti che Murphy ha fatto nel suo articolo sono o congetture o semplicemente imprecise. Non sappiamo ancora cosa sia successo con l'uomo che ha ucciso persone innocenti nell'aeroporto di Fort Lauderdale, e certamente non sappiamo che si trattava di una tragedia evitabile.

Murphy afferma che la famiglia non ha avuto alcuna comprensione della malattia mentale del tiratore o di come gestirlo, che ha "navigato" attraverso una valutazione ed è stato rilasciato, mentre la sua famiglia e la polizia erano impotenti a costringerlo a farsi curare. Eppure in realtà non sappiamo che tutto questo fosse vero: Murphy presenta un resoconto contraddittorio che implica che tutti volevano che quest'uomo rimanesse ricoverato in ospedale, ma che le leggi impedivano che ciò accadesse, e insinua che se la legislazione fosse diversa e la psichiatria potesse hanno costretto le sue cure, quindi un omicidio di massa sarebbe stato impedito.

Non sappiamo quali intuizioni abbia avuto la famiglia o se il paziente abbia resistito al trattamento. Non sappiamo che i medici volessero tenerlo in ospedale, o quali cure ambulatoriali (se ce ne fossero) fossero prontamente disponibili. La triste verità nel nostro paese è che gli assicuratori, non gli psichiatri, spesso prendono decisioni sul trattamento psichiatrico, e anche se un paziente in difficoltà desidera farsi curare in un ospedale, spesso non è un'opzione. È probabile che questa situazione peggiori, e non meglio, mentre il GOP si precipita a smantellare l'ACA.

Infine, semplicemente non è vero che per essere involontariamente ricoverato, "una persona deve sventolare una pistola e fare voto di omicidio". Sembra che Murphy crede che gli psichiatri possano identificare potenziali assassini di massa e prevenire questi atti se solo potessero costringere quelli con psicosi a ottenere trattamento, indefinitamente. Per quanto ne sappiamo (e come curioso psichiatra interessato alle cure involontarie, non ho informazioni privilegiate su questo caso), il tiratore potrebbe aver accettato un trattamento volontario, essere stato dimesso dall'ospedale senza problemi, e lasciato senza alcun posto per ottenere cure di follow-up o farmaci (presumendo che fossero prescritti). Se è andato via in uno stato migliore di quello in cui è entrato, è possibile che abbia fermato i farmaci o che si sia ammalato di nuovo nonostante abbia assunto medicinali.

La violenza ha poco a che fare con la malattia mentale, e il ricorso al trattamento come cura per il rarissimo evento di omicidio di massa è stigmatizzante per i pazienti. La malattia mentale rappresenta solo il 4% degli atti violenti in questo paese, e l'abuso di sostanze, la rabbia e i comportamenti violenti del passato sono molto meglio i predittori di future violenze. I disturbi psichiatrici sono comuni: uno su cinque soffre di un episodio in un dato anno; la metà di noi soddisferà i criteri per un disturbo mentale nel corso della vita, e circa 5 milioni di persone soffrono di una malattia mentale cronica grave, di cui solo la metà riceve un trattamento. Eppure così pochi di questi pazienti diventano assassini di massa che non è come cercare un ago in un pagliaio, è come cercare un pezzo specifico di fieno in quel pagliaio.

Fornire un facile accesso a cure psichiatriche di alta qualità e accessibili deve essere una priorità per alleviare la sofferenza e prevenire il suicidio e l'incarcerazione inoffensiva per i crimini fastidiosi. Il trattamento psichiatrico può essere prezioso per aiutare le persone a vivere vite più produttive e meno tormentate. Ma le leggi per consentire più cure forzate non sono la risposta, come insiste Murphy, a prevenire l'omicidio di massa.

Solutions Collecting From Web of "Le leggi per forzare il trattamento non sono la risposta agli omicidi di massa"