Le leggi di attaccamento

Quando le relazioni intime iniziano a diventare problematiche – di solito nel secondo anno di convivenza – un partner tende a concentrarsi sul cambiamento dell'altro. Il risultato finale è che almeno uno si sente manipolato ed entrambi si sentono presi in giro.

Ho pubblicato altrove come questa sfortunata dinamica crea una continua lotta per l'autonomia e la connessione (Toddlers in Love). Questo post descrive come l'attenzione sul cambiamento del tuo partner, con il pretesto di "soddisfare i miei bisogni," viola le Regole di attaccamento.

Beh, non sono veramente leggi, ma sono dinamiche di relazione avvincenti. E hanno meno a che fare con la psicologia individuale che con la sopravvivenza della specie.

La maggior parte degli antropologi concorda sul fatto che i primi umani non sarebbero sopravvissuti senza forti legami emotivi che ci hanno fatto cooperare alla raccolta di cibo e alla difesa del territorio. Non sorprendentemente, abbiamo sviluppato reazioni emotive pre-verbali, pre-razionali e automatiche a comportamenti che minacciano i legami di attaccamento. Queste reazioni costituiscono la (sorta di) leggi di attaccamento, la cui forza dipende dal livello di impegno e profondità dell'interconnessione emotiva.

Legge di attaccamento n. 1
Ogni volta che minacciamo i legami di attaccamento, attraverso il ritiro dell'interesse, il fallimento della compassione, la violazione della fiducia, la mancanza di fiducia, la diminuzione dell'amore, l'evitamento dell'intimità o la mancata protezione, sperimentiamo un certo livello di colpa .

Il senso di colpa dell'attaccamento è una sorta di regolatore di distanza la cui funzione è quella di motivare un investimento più emotivo nel legame di attaccamento. Avvicinati (investi più interesse, fiducia, compassione, amore, protezione) e la colpa si placa; distanza ulteriore, e peggiora.

Allegato n. 2
Ogni volta che sentiamo che una figura di attaccamento perde interesse, trattiene la compassione, non si fida, si fida della fiducia, ritira l'amore, evita l'intimità o non riesce a proteggere, proviamo vergogna e qualche livello di colpa .

Si noti che le leggi di attaccamento hanno una motivazione autocorrettiva incorporata.

Come funziona il meccanismo di autocorrezione delle leggi di attaccamento

In una parola, la colpa .

Se senso di colpa e vergogna si sentono puniti, piuttosto che motivazioni, c'è un impulso infantile a biasimarli sulla persona che li stimola – "Mammina cattiva!"

La colpa produce rabbia o risentimento e un impulso a vendicarsi. "Prova" che i nostri partner sono ingiusti, ingiusti o offensivi e giustifica la richiesta che cambino per "soddisfare i nostri bisogni".

Ironia della sorte, in termini di emozioni di attaccamento, non importa chi ha ragione o torto, giusto o ingiusto, un molestatore o una vittima. Ogni volta che minacciamo legami di attaccamento o percepiamo una minaccia per loro, non importa quale sia la ragione, proviamo sensi di colpa e / o vergogna.

Quindi la colpa crea un terribile ciclo di feedback – più incolpiamo i nostri cari (minacciando il legame di attaccamento), più ci sentiamo colpevoli e vergognosi.

Ma aspetta, peggiora.

Senso di colpa e vergogna inducono stati di vulnerabilità che rendono il cervello ipersensibile a possibili minacce. L'ego minacciato si trasforma in risentimento o rabbia difensiva entro millisecondi, che è troppo veloce per la consapevolezza cosciente. Potremmo sapere che siamo risentiti o arrabbiati, ma è improbabile che capiremo (senza un'attenta introspezione) che siamo anche colpevoli e vergognosi. I nostri partner hanno ancora meno probabilità di vedere al di sotto del nostro risentimento e rabbia, e molto meno di essere solidali con la vulnerabilità che si nasconde lì. Sono troppo occupati a difendersi contro i margini più acuti della nostra rabbia e del nostro risentimento.

La colpa e la vergogna nascoste non possono funzionare come motivazioni per amare meglio. Invece, diventano una fonte di combustibile per la fiamma eterna del risentimento.

Alla fine il risentimento dei propri cari si irrigidisce, diventa amareggiato e si trasforma in disprezzo. A tempo debito, il disprezzo porta al distacco, uno stato in cui il pensiero dell'ex amato non suscita quasi nessuna emozione.

Sfortunatamente, quando è causato dal risentimento e dal disprezzo, il distacco richiede molti anni di sofferenza dopo la separazione, prima che sia completo.

Ora ecco le buone notizie.

Quando i partner sono risentiti, si preoccupano ancora molto di ciò che pensano e sentono l'uno dell'altro. Una volta accettato questo fatto, possono invertire il doloroso processo di distacco in qualsiasi fase semplicemente rispettando le Regole di attaccamento. E c'è solo un modo per farlo.

Devono seguire la naturale motivazione di attaccamento di colpa e vergogna per investire più interesse, compassione, fiducia, amore e protezione.

CompassionPower

Solutions Collecting From Web of "Le leggi di attaccamento"