Le leggi antibullismo rendono davvero le cose peggiori?

The Pothole of Liability (come mostrato in 13 motivi per cui, stagione 2).

Ancora una volta, Izzy Kalman ci sta portando ad occuparci delle risposte scolastiche al bullismo. Uso del popolare libro / serie Netflix 13 Motivi Perché come trampolino di lancio, l’ultima offerta di Kalman mostra una città fittizia (Crestmont) e il suo dramma legale (sviluppato nella trama della seconda stagione, non nel romanzo di Jay Asher) per illustrare il conflitto, la divisione, e la devastazione finanziaria che seguirà sulla scia di erroneamente attribuendo responsabilità alle scuole (per aver sorvegliato la lotta sociale che è parte integrante della costruzione dell’identità degli adolescenti).

Kalman avverte che le leggi sul bullismo codificano presunte capacità e risultati delle iniziative anti-bullismo scolastiche, e in tal modo rendono possibili (devastanti) azioni legali . La responsabilità legale causerà il caos (specialmente nelle piccole comunità) perché le aspettative legate alla programmazione scolastica o ai codici di comportamento sono completamente irrealistiche.

Mentre è perfettamente legittimo – e persino esperto – usare una narrativa culturale popolare come trampolino di lancio per la critica, quella narrativa non può essere usata come referente principale per le conclusioni. Racconti prudenti, non importa quanto possano sembrare precisi i loro intuizioni, non possono essere sostituiti ai dati: valutazioni, interviste e casi giudiziari effettivi.

Anche in assenza di questi, vale la pena dare un’occhiata più da vicino alle pronostici di Kalman.

Nel dicembre del 2015, ho scritto un post intitolato “Il bullismo dovrebbe essere reso illegale?” In esso, ho citato una nuova ordinanza della città a Plover, nel Wisconsin, che sembrava tenere i genitori responsabili dei recidivi.
Un’ordinanza, non una legge penale. Tenere i genitori, piuttosto che la scuola, responsabili (e aumentare gradualmente la loro responsabilità attraverso multe più elevate, servizio alla comunità e carcere).

Sembra che ciò che Plover ha fatto (come altre città, come Monona, Shawano e North Towananda), preveda i terribili avvertimenti che sono la sostanza dell’ultimo post di Kalman.

Poiché ho evidenziato l’ordinanza di Plover in quel primo blog, mi è sembrato opportuno contattare il capo della polizia di Plover, Dan Ault, (autore dell’autorità) e vedere come sta andando.
Ault è stato generoso con il suo tempo, spiegando la necessità per la comunità nel suo insieme di rispondere al bullismo – e in particolare per i genitori, i principali agenti della socializzazione, di essere coinvolti quando c’è un’accusa di comportamento socialmente aggressivo.

Quello che Ault mi ha detto dopo è stato sorprendente: “L’ordinanza di Plover non era stata emanata in concomitanza con la scuola locale.” Non importa che i semi non possano essere rivolti alle scuole. Le scuole non erano nemmeno co-soci in questa legislazione. Piuttosto, è stata una risposta comunitaria, uno che ha cercato di incentivare i genitori a continuare a essere coinvolti nella vita dei loro figli (e persino ad offrire a quei genitori il sostegno e il sostegno della comunità nei loro sforzi).

Quando gli ho fatto pressione sul successo di questo programma, Ault mi ha detto che non sono state emesse citazioni da quando questa ordinanza è stata approvata nel 2015.
E nessun respingimento negativo dalla comunità. “Zero conseguenze negative”.

Ault poi ha continuato a dirmi che oltre a un’ordinanza che attribuisce la responsabilità primaria ai guardiani, la sua ex comunità (Oconto Wisconsin) ha sovvenzionato un programma di tutoraggio multistrato che coinvolge adulti (ad es. Impiegati cittadini), studenti di successo e giovani che mostrano segni premonitori di essere turbati (ad esempio, assenteismo). Anche questo programma ha avuto successo.

Certo, Plover è una città con meno di 13.000 abitanti, una città abbastanza piccola da contenere valori e definizioni che sono abbastanza ambigui da sostenere tale ordinanza. Ma la presunta preoccupazione di Kalman è il modo in cui la criminalizzazione del bullismo distruggerà una piccola città. Contrariamente a questo pronostico, le piccole città sembrano capaci di risposte comunitarie al di là di quelle delle grandi città, risposte che potrebbero non solo precludere l’azione legale, ma integrare i cittadini attorno a questioni che contribuiscono al bullismo. Plover (e altre città) hanno messo i genitori e le risorse della comunità dietro ad affrontare in modo proattivo un comportamento problematico piuttosto che risolvere la responsabilità delle scuole (posizionandole quindi come responsabili per negligenza). E forse questo esempio positivo, che mette in evidenza il potenziale dei legami comuni piuttosto che il fittizio collasso delle relazioni sociali, dovrebbe almeno essere citato come alternativa.

Questo non vuol dire che le osservazioni di Kalman dovrebbero semplicemente essere liquidate in modo inavvertito. La Stagione 2 funziona come una ammonizione, ma non giustifica le conclusioni di Kalman. I dati possono confermare le sue affermazioni e / o porre ulteriori domande:

  • Su quali basi vengono valutati i programmi di bullismo e quali sono i loro risultati che ci dicono?
  • Le leggi e la legislazione sono in sintonia con i risultati dimostrabili di antibullismo e le parti hanno la responsabilità di tali risultati?
  • È realistico aspettarsi che le scuole controveranno le norme del campus, come quelle promulgate in videogiochi come Vtech Rampage o Active Shooter ?
  • È realistico aspettarsi che i nostri figli sappiano come negoziare forti correnti sociali (o videogiochi di allettamento emotivo) quando non imponiamo l’apprendimento socio-emotivo accanto a lezioni di nuoto, lingue straniere, matematica avanzata e guida difensiva?
  • È realistico aspettarsi che le azioni legali di bullismo (specialmente di fronte al suicidio) siano qualcosa di meno del normale, addirittura previsto (e culturalmente obbligatorio) nella nostra litigiosa “cultura della colpa”? (Terence Centner ha sostenuto che il nostro sistema legale funziona meno come un contratto sociale che “come una lotteria: archivia una causa e spera che tu sia un vincitore. Puoi vincere il jackpot e vincere un’enorme quantità di denaro … Milioni di dollari stanno aspettando il fortunato attore di successo “). Nel contesto di 13 motivi per cui la madre di Hannah Baker afferma di ” farne causa a Hannah” per denunciare. (Leggi: “quanto più grande è l’accordo, tanto più” significativa “è la morte di Hannah?” O, “più grande è il premio in denaro, minore è la colpevolezza che sentono i suoi genitori”?)

Non sono le domande di Kalman tanto quanto il suo rimprovero, basato sulla finzione, è problematico. Siamo ancora molto impegnati nel tentativo di capire tutto, e in questo momento una delle nostre risorse relativamente non sfruttate (“armi”?) Sono i giovani che sono stati loro stessi vittime della violenza scolastica.

Chi è meglio raggiungere i giovani che i giovani?
Chi meglio sapere “cosa si potrebbe fare di più” e lavorare per influenzare il cambiamento? (Dove sono le riflessioni proattive di Kalman su come 13 motivi per cui il protagonista, Clay, ha il potenziale per incentivare significativamente gli astanti?)

L’insoddisfazione nei confronti della responsabilità scolastica per il bullismo è, ne sono sicuro, condivisa da molti insegnanti e presidi. Ma questa frustrazione può essere produttivamente piegata a promuovere idee e creare partnership attorno a soluzioni alternative. Mostra le ordinanze di Plover in modo che altre piccole comunità possano elaborare risposte simili, lavorare per approvare leggi che limitano la responsabilità finanziaria, pallavolo per ulteriore sostegno scolastico e comunitario (che sarà più conveniente rispetto al pagamento di leggi multi milionarie a una manciata di querelanti) e, infine, costruire una programmazione intorno alla ricerca neurologica che fornisca intuizioni cruciali nel cervello adolescente in via di sviluppo: “maturazione precoce di alcune regioni del cervello sensibili alla ricompensa (es. regioni subcorticali del cervello) e successiva maturazione delle regioni cerebrali coinvolte nel controllo ponderato e il comportamento (ad es. corteccia prefrontale) è pensato per sostenere la ricerca, l’esplorazione e l’assunzione di rischi per adolescenti migliorati. “(Stephanie Burnett Heyes e Chii Fen Hiu)

La burocrazia è macchinosa, specialmente nelle grandi comunità eterogenee e litigiose. Le scuole sono il punto zero per il bullismo, quindi collocare le politiche antibullismo al loro interno ha senso. Emergeranno inevitabilmente difficoltà nell’attuazione di nuove norme e saranno apportati cambiamenti di conseguenza. Forse uno di questi cambiamenti sarà lontano dalla criminalizzazione del bullismo e dalla responsabilità scolastica. Certamente ci sono problemi con questa formula, ma i dati suggeriscono che i problemi sono in qualche modo diversi da quelli che guidano la seconda stagione di 13 motivi .

Riferimenti

Centner, Terence J. “America’s Blame Culture: Pointing Fingers and Shunning Restitution”.

Burnett, Stephanie e Heyes e Chii Fen Hiu, “The Adolescent Brain: Vulnerability and Opportunity”.

Solutions Collecting From Web of "Le leggi antibullismo rendono davvero le cose peggiori?"