Le idee astratte portano alla resilienza del mondo reale

freeimages.com
Fonte: freeimages.com

Lo scorso fine settimana mia figlia ha fatto un forte nel garage. Usava gli ombrelli come tetto, un vecchio cestino come il muro sud e due dischi da slittino per tovagliette. Poi mi ha preparato un pasto con lo stufato di aghi di pino e ho iniziato subito a pianificare come avremmo vissuto nel futuro se l'intera casa avesse cominciato a fluttuare a valle in un diluvio. Viviamo in Oregon, quindi questo piano non è del tutto privo di valore.

Stava giocando con il pensiero astratto e divertendosi a farlo. Il fatto è che molti degli schemi elaborati che stava immaginando potevano, in un modo di back-door, avere un'applicazione del mondo reale. Tutti stavano testando le sue capacità di risoluzione dei problemi e questi tipi di giochi immaginativi e le associazioni e pensieri astratti coltivano anche creatività e capacità di recupero.

Cos'è il pensiero astratto?

Il pensiero astratto ci consente di concettualizzare, fare rappresentazioni simboliche o tracciare connessioni e schemi per cose che non sono necessariamente presenti o reali per noi ora. Questo ci consente di spostare, adattare, prevedere, pianificare e trarre conclusioni che ci muovono verso un luogo di coinvolgimento o un significato o una comprensione più profonda. Questo può anche aiutarci a gestire le avversità e le sfide.

Quando siamo in una modalità di pensiero concreto, stiamo attingendo ai fatti che abbiamo davanti. Siamo radicati in ciò che possiamo vedere e sentire in questo momento. Tendiamo ad essere più analitici in questo momento, più menti e scienze.

Il pensiero astratto ci consente di creare, sentire spirituale, trovare significato, pianificare cose che non abbiamo mai fatto prima, immaginare come si sentirà quando completeremo i nostri obiettivi e per capire come uscire da potenziali problemi.

Il pensiero concreto ci fa sedere e leggere un libro, prendere i provvedimenti necessari per cucinare un pasto, chiamare il medico, svolgere i compiti.

Sia le forme di pensiero concrete che quelle astratte sono essenziali per il nostro successo e il nostro benessere e sono indicatori della nostra capacità di recupero.

Quando siamo sotto pressione, tuttavia, quanto rimbalziamo tra schemi di pensiero astratti e concreti determinerà quanto bene gestiremo. E, spesso, usare la nostra immaginazione per pensare oltre le circostanze in cui ci troviamo può aiutarci a spostarci più facilmente.

Creazione di distanza psicologica

Il pensiero astratto può anche aiutarci a creare una distanza psicologica. Se immaginiamo di vivere nel futuro, o in uno scenario diverso da quello in cui siamo attualmente, o se guardiamo alle nostre circostanze dalla prospettiva di un osservatore distante, creiamo una distanza emotiva che ci aiuta a far fronte.

Diversi studi indicano che questo tipo di distanza psicologica rende più facile affrontare un compito difficile aiutandoci a prendere decisioni più sagge, aumentando la creatività e impedendoci di andare in fondo alla fine emotiva quando le cose vanno male.

Quando prendiamo una visione astratta e vediamo noi stessi come distanti o separati dal problema, diventiamo meno reattivi e più capaci di raccogliere intuizioni che dobbiamo affrontare.

Con questo tipo di approccio astratto siamo liberi di attingere ai nostri ricordi e creare associazioni e connessioni casuali per innovare, creare, risolvere i problemi attraverso le sfide.

Alla fine, stiamo facendo di più che costruire fortezze a ombrello sul pavimento del garage. Stiamo anche costruendo la nostra capacità di recupero.

Solutions Collecting From Web of "Le idee astratte portano alla resilienza del mondo reale"