Le gioie di uscire dalla mappa

Volkan Olmez/Unsplash
Fonte: Volkan Olmez / Unsplash

In un atto eroico di altruismo, mia madre, che vive dall'altra parte del paese, si offrì di guardare le nostre due figlie affinché io e mio marito potessimo andare in crociera in Alaska. La sua unica richiesta antiquata: una mappa cartacea della nostra città. "Mi piace essere in grado di avere un senso del quadro generale quando sono in un posto nuovo", ha detto.

Non sapevo nemmeno dove trovare una mappa cartacea! Nell'era della navigazione GPS sempre presente, una mappa fisica sembrava antiquata come un cavallo e un calesse.

Poi è successa una cosa strana. Io e mio marito siamo partiti per l'Alaska, dove abbiamo usato-aspettiamo cartine cartacee.

Poiché eravamo fuori dalla nostra normale gamma di celle e ad un certo punto fuori dal paese, abbiamo tenuto spento il GPS. Quindi in ogni porto in cui la nave da crociera si è agganciata, abbiamo prelevato una mappa cartacea gratuita dal centro visitatori così da poter passare dal punto A al punto B.

I ricercatori sono da tempo interessati a come gli umani navigano. Un recente studio del neuroscienziato cognitivo Thackery Brown presso l'Università di Stanford suggerisce che il viaggio orientato agli obiettivi è abilitato dalle interazioni tra l'ippocampo e la corteccia prefrontale, mentre altre parti del cervello riconoscono e talvolta perseguono "sotto-obiettivi" o stimoli incontrati lungo la strada verso l'obiettivo originale.

È interessante notare che il cervello ha gestito entrambi gli obiettivi e i sotto-obiettivi spontanei in modo più efficace rispetto ai "non obiettivi". Mentre ci spostiamo in luoghi, vogliamo andare da qualche parte .

Non sono un neuroscienziato, ma so che c'è piacere nell'usare una mappa reale per capire il proprio modo di aggirare una nuova città – e un piacere ancora più profondo nel lasciare ogni tanto la rotta. Durante una sosta di quattro ore a Victoria, in Canada, mio ​​marito e io siamo andati a Dallas Road verso Cook Street, di cui gli aveva parlato un amico del vicinato. Mentre camminavamo, venivo costantemente deviato da sub-obiettivi impulsivi. Per esempio:

Sotto-obiettivo Uno: Ehi, c'è un sentiero lungo la costa qui. Prendiamolo.

Sotto-obiettivo Due: guarda quella cara casa in fondo alla strada. Voglio vederlo.

Sotto-obiettivo Tre: un roseto! Amo le rose!

E così via. Anche se apparentemente avevamo un obiettivo nel camminare intorno a Victoria, lasciarci temporaneamente svaligiare creava un senso del luogo migliore di quello che avrebbe dovuto seguire semplicemente la mappa. Ogni volta che siamo usciti dall'itinerario pianificato, abbiamo ampliato l'area di copertura della nostra mappa cognitiva, e lo abbiamo confermato anche perché avevamo bisogno di ritornare alla nostra rotta originale.

È stato dimostrato che camminare ha contribuito alla felicità, alla creatività, alla calma e alla chiarezza. Forse è quando ci avviciniamo ai nostri percorsi con un senso di apertura e fantasia che spostarsi dal punto A al punto B lo fa al meglio.

La prossima volta, opta per una distrazione a piedi. Partire con un obiettivo in mente, come il negozio o il parco (probabilmente non funziona, a meno che tu non abbia un capo molto comprensivo), e poi concediti almeno un'escursione laterale guidata dalla curiosità. Ammira una casa in un'altra strada. Visita un cane. Fotografa un uccello Gli obiettivi secondari di navigazione manterranno il tuo GPS interno nitido e ti aiuteranno a ricordare perché ami vivere dove lo fai.

Solutions Collecting From Web of "Le gioie di uscire dalla mappa"