Le fasi del dolore – Il tempo per un nuovo modello

Di nuovo, è apparso in stampa – le fasi del dolore. Questa volta era in un articolo di Austin American Statesman su un bar vicino a breve vicino al campus della University of Texas. Un giovane che è un protettore del bar ha dichiarato che stava attraversando le sette fasi del dolore, ma era bloccato dalla rabbia. Ignorando per ora la possibilità di un lutto sulla chiusura di un bar, mi chiedo perché il mito che il lutto (il lutto) avviene in fasi o fasi sia ancora così prevalente nella nostra società. Dopo tutto, ci sono altri modelli più descrittivi che descrivono meglio il processo. Quindi cosa c'è di sbagliato nei modelli di lutto basati sul palcoscenico? Ce ne sono diversi:

C'è una moltitudine di teorie sul palcoscenico, quindi qual è quella corretta? Ci sono teorie che riguardano tre, quattro, cinque, sei, sette, dieci e dodici diversi stadi. Il modello più famoso è una falsa applicazione delle cinque fasi di Elizabeth Kubler-Ross di far fronte alla morte: negazione, rabbia, contrattazione, depressione e accettazione (DABDA in breve). Questo modello di lutto è il più eclatante in quanto è un'applicazione totalmente errata del suo lavoro.
Indipendentemente da quale si è scelto, ogni teoria dello stadio tenta di ritrarre un processo complesso che coinvolge le facce emotive, comportamentali, cognitive, spirituali e sociali di una persona con pochi termini semplicistici. Mentre la semplicità può aiutare a descrivere qualcosa, può anche essere molto fuorviante.
Non c'è alcuna prova empirica che qualsiasi modello basato sul palcoscenico descriva l'esperienza del lutto di tutti. I modelli sono stati basati su osservazioni di popolazioni selezionate e non, fino a poco tempo fa, sottoposti a studio empirico. Nell'edizione del febbraio 2007 del Journal of American Medical Association (Vol. 297, n. 7), Maciejewski, Zhang, Block e Prigerson riportarono sul loro studio che apparentemente confermavano un modello di lutto a cinque stadi adattato da Kubler-Ross modello. Tuttavia, molte recensioni critiche riguardanti la metodologia dei ricercatori, compreso il loro campione di studio altamente selezionato, gettano seri dubbi sulla validità delle loro conclusioni.
Le fasi implicano che il lutto è passivo. Una buona analogia è un autolavaggio. Il primo è il palcoscenico "vacuuming the floor", seguito dal palco "clean the bugs from the parabrezza", seguito dal palco "wash e risciacquo", seguito dall'ultimo stadio – il palco "asciugatura". L'auto non fa altro che essere lì, e tutto ciò che accade ad esso viene fuori dal processo luminoso e lucido. Il lutto non è un processo passivo come un autolavaggio; è molto attivo.
I modelli di scena creano aspettative su come dovrebbe essere il lutto. Per me, questo è un grosso problema a causa dell'effetto potenzialmente dannoso sul lutto. Un elenco di stadi ampiamente pubblicato consente alle persone di aspettarsi determinate reazioni dopo la morte di una persona cara. Quando quelle aspettative non accadono o non accadono nell'ordine "corretto", gli individui in lutto possono pensare che ci sia qualcosa di sbagliato in loro. Ho avuto diversi clienti che vengono da me affermando di non aver mai provato uno stadio o l'altro, e hanno paura che non siano in lutto come dovrebbero. Una volta che ho spiegato loro che le fasi sono un costrutto artificiale, erano decisamente sollevate. Ci sono in genere abbastanza shouldas, wouldas e couldas per una persona in lutto a cui lavorare senza aggiungere se ha affrontato adeguatamente tutte le fasi del lutto o se gli stadi si sono verificati nella sequenza corretta.

Credo che sia giunto il momento di smettere di cercare di distillare le complessità interpersonali e intrapersonali del lutto in una serie semplicistica di passi dogmatici. Il lutto è un processo altamente individualistico basato su molti fattori nella vita della persona in lutto. È un processo per trovare il significato in un angosciante tempo di perdita, creando un nuovo rapporto con il defunto, reintegrando il defunto nell'essere della persona in lutto e imparando come vivere nel mondo sotto una nuova serie di condizioni e presupposti. NON è una lista di controllo.

Solutions Collecting From Web of "Le fasi del dolore – Il tempo per un nuovo modello"