Le emozioni ti stanno guidando al lavoro?

Ti sei mai chiesto quanto tempo trascorri in ufficio per problemi emotivi? È facile lasciare che le emozioni guidino ciò che fai – o ti spingono alla distrazione. Sono spesso innescati da chi ti circonda e possono creare un logjam tra te e il lavoro a portata di mano. Un compito semplice richiede molto più tempo a causa dello spreco di energia.

L'inaspettato sbaglio di un manager, un collaboratore che si prende il merito del tuo progetto, o anche qualcosa che hai detto di rimpiangere in seguito sono esempi comuni.

Solo perché siamo seduti su una sedia ergonomica contro un comodo divano della sala TV non cambia il fatto che siamo umani, che si occupano di sensibilità, istinti, ego, speranze e paure umane.

La nostra ricerca mostra costantemente che le questioni emotive, in particolare quelle relative a ciò che dice e fa il tuo capo, consumano un'enorme quantità di tempo. Potresti provare ad annullare immediatamente questi sentimenti, ma se sei analitico o benedetto dalla sensibilità umana, puoi anche "replicare" l'evento per te stesso (o altri) finché non riesci a comprenderlo, o sai come ottenere il controllo su di esso per la prossima volta il pattern riemerge.

Non sei tu

Ecco cosa devi sapere: non sei solo. I tossici al lavoro sono emotivamente svuotati e possono paralizzare il tuo lavoro. La chiave è essere in grado di individuarli e riconoscere la situazione per quello che è, piuttosto che cercare di costringersi a ignorare il comportamento, o immaginare che non esista.

Spesso, i datori di lavoro e i lavoratori in generale potrebbero utilizzare una maggiore formazione interpersonale, soprattutto quando raggiungono livelli manageriali. Bisogna fare molto di più per umanizzare il posto di lavoro, e così facendo otterrete sicuramente grandi benefici in termini di produttività. Anche le semplici cortesie e l'etichetta che ci è stata insegnata nella scuola elementare devono essere rispolverati e riapplicati sul posto di lavoro.

Ora ho delle ottime notizie. Puoi ribaltare i tavoli, immediatamente.

Girando la marea

Se c'è qualcosa in esso per l'altra persona, di solito puoi influire sul cambiamento. Se sembrano immutabili, puoi prendere le distanze e riconoscere che la persona tossica è chi è. Soprattutto, ricorda, questa è la tua carriera: devi fare le tue scelte su come gestisci la tua vita!

Ecco alcuni consigli da considerare per incanalare le tue emozioni in ufficio:

1. Spesso le persone tossiche, in particolare i capi cattivi o infantili si comportano in modo simile a molti. Potrebbe essere stato modellato questo comportamento in passato, e ha ottenuto risultati. Questo perché a volte si vede un esodo di massa aziendale o si sviluppa una reputazione riguardo a un manager. Fai il check-in con altri colleghi fidati per vedere se stanno vivendo un comportamento simile.

2. Questa NON è la tua immaginazione; quindi non sprecare un attimo a indovinare se è reale o meno.

3. Incanalare queste energie emotive per diventare un "genitore" – supponiamo che queste persone non abbiano sviluppato capacità interpersonali, indipendentemente dal loro livello di abilità intellettuale. IQ non è lo stesso di Emotional IQ!

4. Non sponsorizzare, ma lascia che la tua "genitorialità" strategica ti autorizzi a un modello di comportamento corretto.

5. Consenti a te stesso di diventare più assertivo e, se necessario, serio con coloro che hanno bisogno di "ottenere il messaggio" che intendi affari. Non resistere a un discorso professionale e deciso con chi va oltre i tuoi limiti.

6. Se tutto il resto fallisce, trova un alleato (o alleati) nella compagnia per supportarti nel parlare con i dirigenti di livello senior.

7. A volte il miglior supporto che troverai è il tuo quando si tratta di affrontare problemi di personalità o di "chimica", specialmente se si interfaccano solo occasionalmente con queste persone. Spesso è meglio mantenere le distanze in queste situazioni.

8. Ci sono alcuni che trovano una sfida impegnarsi in una politica di sandbox meschino o in rumoreggiamento. Lascia che sprechino quell'energia con gli altri, scoprendo presto che non stai "registrando" – indipendentemente dalla loro anzianità.

Scrivilo per Chiarezza

Se le emozioni guidano le tue azioni, puoi anche prendere decisioni che poi rimpiangerai. Il vecchio adagio di "contare fino a dieci" prima di reagire, vale il merito. Prendi in considerazione la possibilità di scrivere una breve nota che alla fine non invii. Può aiutarti a rispondere a domande così riflessive come: "Cosa spero di ottenere inviando questo?" E / o "Se fossi il suo destinatario, è davvero produttivo o basato sulle emozioni?" Non vuoi essere catturato giocando allo stesso gioco di "Terribile Office Tyrant (TOT)" o figlio cresciuto sul posto di lavoro. Vuoi alzarti sopra e fermare il ciclo – per il tuo bene.

Se, tuttavia, è necessario lavorare con una persona regolarmente al lavoro, si potrebbe semplicemente trarre un paragrafo aziendale dal memo non inviato, ad esempio: "Vorrei suggerire una riunione settimanale per garantire che i nostri progetti funzionino più agevolmente. C'è una buona pausa durante la settimana? "Quindi creerai almeno una linea aperta di comunicazioni e servirà come misura preventiva.

Ora prova a farti guidare dalle tue abili capacità lavorative . Guarda il tuo successo scatena il suo vero potenziale.

Solutions Collecting From Web of "Le emozioni ti stanno guidando al lavoro?"