Le due cose gen-I ha bisogno di più

Questo è un post di Gary Robinson, LMHC, NCC. È direttore del counseling presso l'Hartwick College di Oneonta, NY e consulente per la salute mentale di diversi programmi di formazione annuale / esperienziale come co-fondatore di P3 Mental Health Advisors.

Mentre molto è stato scritto, teorizzato e postulato sui modi in cui facoltà, personale e datori di lavoro universitari possono interfacciarsi più produttivamente con la "generazione millenaria", relativamente poco è stato offerto un orientamento quando si tratta dell'ultima generazione di giovani persone che si diplomano alla scuola superiore: "Generation I" o "Gen-I", in breve. Gen-I si distingue per essere stato esposto a smartphone, tablet e laptop e il conseguente accesso immediato alle informazioni sin dagli anni della scuola materna o prima.

Quello che fa da sfondo a Gen-I è che molti di questa generazione sono stati o sono cresciuti da genitori che sono stati attivi quasi minuto per minuto nelle loro vite fino agli anni dell'università inclusi. In alcuni casi, questo ha comportato un comportamento di "genitorialità dell'elicottero": uno stile generale sospeso e sovraffollato che consente una scarsa autonomia decisionale e libertà di pensiero da parte dei giovani. Questo è probabilmente uno dei molti fattori per cui così tanti studenti Gen-I lottano con minore capacità di recupero e capacità di coping meno sviluppate rispetto alle generazioni precedenti.

Tutto ciò non significa che la situazione sia senza speranza. Gli studenti Gen-I sono stati più esposti alle informazioni e quindi sono più mondani in molti modi rispetto ai loro omologhi più anziani. Tendono ad essere più consapevoli di sé e schietti quando si tratta di far fronte alle loro esigenze. La maggior parte di noi che lavora a stretto contatto con gli studenti Gen-I concorda sul fatto che questo è il gruppo più interessante e allo stesso tempo stimolante che abbiamo visto arrivare attraverso le nostre porte. I centri di consulenza per gli studi universitari stanno segnalando l'utilizzo record dei servizi; Gen-I sperimenta pochissimo stigma per quanto riguarda la ricerca di aiuto e sono abbastanza disponibili nella maggior parte dei casi a discutere apertamente i loro problemi con gli adulti premurosi. Quando si considera l'educazione di molti studenti Gen-I, tutto ha un senso: li abbiamo cresciuti per sentirci a nostro agio con gli adulti e li abbiamo allenati praticamente per tutta la vita a trovare la maggior parte del loro divertimento attraverso attività supervisionate da adulti. Ma ogni vantaggio ha un lato negativo. Gli studenti Gen-I riportano anche, in generale, livelli più elevati di ansia, depressione e pensieri suicidi che in qualsiasi momento da quando questi problemi sono stati studiati.

Come qualcuno che è stato direttore e terapeuta del centro di counseling del college per 30 anni, ho avuto una visione d'insieme del cambiamento culturale che ha avuto luogo. Quando sono entrato per la prima volta nel campo del counseling universitario, la sfida consisteva nel convincere gli studenti a usufruire dei servizi offerti. Lo stigma per quanto riguarda i disturbi mentali è aumentato, e la maggior parte dei campus ha avuto personale di consulenza molto piccolo; era difficile valutare la necessità in quanto così pochi studenti venivano in consulenza. In 30 anni corti, la situazione si è praticamente invertita. I centri di consulenza per gli studi universitari faticano a tenere il passo con l'alta richiesta di sessioni, nonostante i coraggiosi sforzi di molti campus per aumentare le dimensioni del loro staff di consulenza. Mentre trent'anni fa c'erano ancora le testimonianze del motto degli anni '60 "Non fidarti di nessuno oltre i 30 anni" sussurrato tra gli studenti, ora la maggior parte degli studenti preferisce cercare un aiuto professionale da adulti più anziani e confidenziali che dai loro coetanei. Ciò può essere in parte dovuto al timore di avere i loro problemi esposti sui social media se osano dire a un pari sui loro problemi. Ma, il più delle volte, è perché sono stati abituati a chiudere relazioni amichevoli con gli adulti sin dai loro anni di formazione.

Il mio lavoro presso i centri di consulenza per il college e un consulente di salute mentale in diversi Gap Year e programmi di educazione esperienziale per i giovani mi ha portato a concludere che ci sono due compiti fondamentali che la maggior parte degli studenti Gen-I deve realizzare per aumentare le probabilità di successo nel costruire vite sane e indipendenti mentre si avvicinano agli anni del college e oltre:

  1. Coinvolgimento – Come affermato sopra, Gen-I è stato per lo più allevato da adulti benintenzionati ma a volte eccessivamente coinvolti che non hanno sempre permesso loro di "divertirsi da soli". Supporre che una volta fuori casa, possono gestire il totale la libertà è ingenua nel migliore dei casi e pericolosa nel peggiore dei casi. Hanno bisogno di attività positive come sport, hobby, club, lavori part-time, volontariato, routine di esercizi, ecc. Con cui strutturare il loro tempo libero. Forse nessuna generazione ha gestito il proprio tempo libero in modo ottimale, ma Gen-I sembra particolarmente a rischio se ha un tempo troppo poco strutturato.
  2. Il mentoring – Gen-I, a differenza di alcune generazioni precedenti, spesso si diverte (leggi: "brama") l'interazione con gli adulti premurosi. La maggior parte degli studenti Gen-I vive con un mentore o mentori nella propria vita per una ragione ovvia: è quello a cui sono abituati. Questo potrebbe essere uno studente più anziano in una posizione di leadership, un allenatore, un consulente / consulente, un insegnante / professore, ecc. Ma questo compito non dovrebbe essere ignorato. Sono finiti i giorni in cui ai giovani veniva detto: "Swim or Sink"; Gen-I ha bisogno di mentori per sostenere il loro successo. Se non trovano un / i mentore / i dopo la scuola superiore, sono a maggior rischio di difficoltà.

In breve, come coloro che lavorano con i giovani in una varietà di contesti, dobbiamo fornire loro il giusto mix di sfida e supporto. Nel caso di Gen-I, dobbiamo capire come "incontrarli a metà strada" per vedere come sono stati sollevati e mescolarli con quello che dovranno fare per affrontare le sfide future. Se Gen-I è meno "maturo" di altre generazioni quando avevano la stessa età è un problema che lascerò ai ricercatori. Quello che so per certo è che sono diversi, sia in modi incoraggianti che riguardo. Tuttavia, l'ottimismo abbonda: con il giusto livello di coinvolgimento e di mentoring nella vita di tutti i giorni, ho assistito a un'enorme crescita in tempi relativamente brevi.

I programmi di Gap Year e altri programmi di formazione esperienziale "hands-on" possono essere la risposta per quegli studenti Gen-I che mostrano segni di non essere pronti emotivamente o che non sono motivati ​​per gli studi universitari tradizionali direttamente al liceo. Un altro anno di "maturazione" prima di affrontare lo stress della vita universitaria potrebbe essere la strada giusta da seguire per alcuni. Molti genitori hanno giustamente abbracciato l'idea che "l'università non è per tutti" e hanno aiutato i loro figli ad assicurarsi altre opzioni tra cui formazione tecnica, tirocini, ecc. Con l'aumento dei costi universitari, l'aumento dei debiti studenteschi e un'economia globale molto competitiva, pensare fuori dagli schemi potrebbe essere un buon approccio per alcuni. Ma, anche se l'esperienza universitaria di quattro anni è la strada scelta, dovremmo ricordare a noi stessi che Gen-I ha bisogno di mentoring e coinvolgimento una volta usciti di casa.

Solutions Collecting From Web of "Le due cose gen-I ha bisogno di più"