Le donne che terminano ad Hollywood lo vogliono DAVVERO

Andreas Rentz/Getty Images
Fonte: Andreas Rentz / Getty Images

La notizia che Harvey Weinstein non è solo un urlatore ma un predatore seriale viene salutato con cenni di riconoscimento a Hollywood. Alcuni dei suoi collaboratori stellati pensavano che fosse un "cane", che colpiva donne giovani, attraenti e vulnerabili. Ora riconoscono di essere un "maiale". Alcune star stanno già litigando l'una con l'altra: Matt Damon ha deliberatamente ucciso una storia nel New York Times per proteggere l'uomo che l'ha scoperto? Rose McGowan, una delle presunte vittime di Weinstein, dovrebbe castigare su Twitter Ben Affleck per la sua apparente complicità? Per donne come McGowan, Asia Argento, e la modella Ambra Battilana Gutierrez – che supplica Weinstein in un audio nauseante che ha registrato per volere della polizia – deve esserci un sentimento di rivendicazione. Hanno accennato a questo comportamento grottesco per anni, anche (nel caso di Argento), facendo un film su di esso.

Che le loro carriere siano state schiacciate non è solo una testimonianza della precedente potenza di Weinstein, ma anche per la facilità con cui Hollywood crede alle donne peggiori, ma molto raramente agli uomini. O forse Hollywood era intimidita da una bestia più mostruosa di qualsiasi cattivone della Marvel. Persino il Dipartimento di Polizia di New York ammette di avere prove sufficienti per accusare Weinstein, ma si è dimesso.

In New Yorker di Ronan Farrow, questa settimana, la vincitrice dell'Oscar Mira Sorvino sostiene che la sua carriera ha avuto un successo dopo aver rimproverato le avances di Weinstein. Ma il danno alla carriera non è altro che "l'orrore, l'incredulità e la vergogna" che Argento dice di aver sofferto. Ognuna delle donne interviste a Farrow – inclusi i dipendenti che hanno contribuito a creare un "vaso di miele" in cui hanno attirato le vittime nella stanza con Weinstein, e poi a sinistra – si vergogna ancora della sua partecipazione. Molti usano la parola "stregata" per descrivere i postumi. Argento va oltre, definendo la sua esperienza con Weinstein un "trauma orribile".

Come sopravvissuta agli abusi sessuali, so cosa intende.

Qualcosa è preso dalle donne dalle azioni degradate di uomini come Harvey Weinstein, e non è facilmente ripristinato. Non è solo un senso di sicurezza, ma una sensazione di essere a casa nel proprio corpo. Così spesso i sopravvissuti parlano di sentirsi a disagio nella propria pelle. Anche a 40 anni di distanza dalla mia esperienza, a volte mi dissociano quando le sfide della vita sembrano travolgenti, anche se la "sfida" è solo un pezzo di posate sporca. Affrontare il PTSD è una lotta quotidiana – sentire che il mondo è tossico e nessuno si può fidare – ma il sentimento peggiore è non fidarsi di se stessi. Come Argento dice a Farrow: "Il fatto di essere una vittima è che mi sentivo responsabile. Perché, se fossi una donna forte, lo avrei preso a calci nelle palle e scappato. Ma non l'ho fatto. "

Ma le persone che mancavano di forza erano le persone che lo sapevano e non facevano nulla. Come un'infermiera che in precedenza lavorava con giovani vittime di stupro, "c'è sempre qualcuno – un genitore, un vicino – chissà". Nel frattempo, la notizia di violenti aggressioni è precipitata precipitosamente nelle comunità di immigrati da quando Trump è entrato in carica. A Houston, il numero di vittime latinoamericane che denunciano aggressioni sessuali è diminuito del 42%, nonostante gli arresti degli agenti di immigrazione e dogana statunitensi siano aumentati. Molte donne nelle comunità latine e asiatiche temono che un'interazione con la polizia o l'apparenza di un tribunale possa essere indirizzata verso la deportazione o, peggio. Come afferma il procuratore distrettuale di San Francisco George Gascon, "la sottostima della violenza potrebbe, in alcuni casi, portare a lesioni gravi o omicidi".

Questa storia ha condiviso la prima pagina del Los Angeles Times di lunedì con la storia di Weinstein, ma in tutti gli altri modi le due realtà sono distanti quanto Boyle Heights è di Malibu. Anche se Hollywood si interroga, le donne negli strati socioeconomici più bassi della città sono più vulnerabili che mai e hanno meno modi di cercare protezione, per se stessi e per i loro figli. Non possono dichiarare che non si sono mai fidati dell'uomo che li ha violentati. Non possono rifiutare le sue aperture e aspettare un altro lavoro. Non hanno accesso alle riparazioni fatte da persone famose. Hanno paura, non solo per la loro reputazione, ma per le loro vite.

Quando ho partecipato a una raccolta fondi lo scorso fine settimana per la Rape Foundation, un'organizzazione che offre trattamenti gratuiti e servizi legali alle vittime di tutte le età e dati demografici, Weinstein era presente per la sua stessa assenza: emcee David Schwimmer ha scherzato: "Questo evento è stato esaurito, e c'era persino una lista d'attesa. Fortunatamente, il tavolo aziendale di Weinstein è stato cancellato all'ultimo minuto. "Il pubblico degli addetti ai lavori di Hollywood ha riso a disagio.

Ma lo scherzo è su di noi è se non cogliamo questa opportunità per estendere la nostra portata ad altre donne, al di là delle luci klieg, che non hanno i privilegi di così tante donne. Dobbiamo aiutarli a trovare ripari, cure e giustizia. Non possiamo limitare il nostro oltraggio e la nostra compassione alle persone di cui già conosciamo i volti.

Non possiamo riposare finché TUTTI i tavoli sono vuoti, fino a quando non c'è più bisogno di raccolte di fondi, perché non c'è più bisogno di organizzazioni come la Rape Foundation e le sue strutture.

Potrebbe sembrare ancora più deludente delle avances di Weinstein.

Ma è un lieto fine (di tipo hollywoodiano) che tutti abbiamo il potere di scrivere.

Solutions Collecting From Web of "Le donne che terminano ad Hollywood lo vogliono DAVVERO"