Le domande importanti sono senza risposta.

Le persone portano molte domande alla psicoterapia. Il processo stesso coinvolge il metodo socratico di Q & A. È compito del terapeuta formulare ulteriori domande, non nell'aspettativa di ricevere risposte definitive, ma nella speranza che la persona che cerca aiuto, nel tentativo di rispondere, penserà alla sua vita in modi che gli consentiranno di cambiarla per il meglio.
Sfortunatamente, nella mente del pubblico, i terapeuti dovrebbero fornire consigli. È facile capire da dove viene questo equivoco. Coloro che appaiono in televisione e scrivono libri di autoaiuto in genere si propongono in possesso di una speciale saggezza ed esperienza che li qualifica per dire agli altri come vivere le loro vite, crescere i loro figli e gestire le loro relazioni. Quindi non è insolito che i pazienti nelle prime fasi della terapia raccontino la loro storia e chiedano: "Cosa dovrei fare?" A volte la richiesta è ancora più specifica: "Pensi che dovrei divorziare da questo tizio?" In generale, i pazienti donano Non voglio che questa domanda sia rivolta a loro, come in "Cosa pensi che dovresti fare?". Suppongono che io lo sappia, ma per qualche oscuro motivo voglio che arrivino alla conclusione da soli. Il fatto è, ovviamente, che non lo so.
Assumere che ogni persona abbia in sé la capacità di decidere cosa è meglio per lei è un voto di fiducia. Questo è il mio problema con i terapeuti della televisione. Anche se il loro consiglio di solito sembra ragionevole, presuppone sia che conoscano la persona di fronte a loro, che di solito hanno appena incontrato, quanto basta per decidere cosa è nel loro migliore interesse e che questa persona non è riuscita a trovare una soluzione migliore su il loro. La difficoltà, naturalmente, è che la vera terapia richiede tempo e non è una buona televisione, mentre i consigli possono essere dati immediatamente. Se quello che dice il terapeuta ha senso per il pubblico, applaudono; la persona che cerca aiuto annuisce in accordo e il problema si conclude in pochi minuti. Raramente c'è molto seguito per vedere cosa è realmente successo.
C'è una gerarchia nelle domande che ci poniamo. Il banale implica decisioni quotidiane: quali commissioni devo eseguire? Di che colore dovrei dipingere la mia camera da letto? Carta o plastica? Le domande al livello successivo riguardano questioni più consequenziali: dove dovrei vivere? Chi dovrei sposare? Che lavoro mi va bene? Infine, le grandi domande sono in sottofondo: come posso ricavare significato dalla mia vita? Cosa succede a noi quando moriamo? Perché le cose brutte accadono alle brave persone?
Sono le domande di secondo livello che costituiscono la maggior parte della sostanza per il mulino terapeutico, anche se l'attenzione è generalmente sui sintomi: perché sono triste per la maggior parte del tempo? Perché certe situazioni mi rendono ansioso? Perché sono arrabbiato con la persona con cui sono sposato? Perché i miei figli si comportano male? È nel corso del tentativo di trovare risposte a queste domande che spesso ci troviamo a discutere del significato della vita, anche se queste domande più grandi sono tradizionalmente la filosofia e la religione e non affrontano direttamente le preoccupazioni più pratiche che la gente pensa quando vengono per il sollievo dal disagio emotivo.
Eppure le nostre vite e la nostra felicità si rivelano inestricabilmente intrecciate con le grandi domande di significato. Il fatto che non si possa rispondere in alcun modo definitivo applicabile a tutti è ciò che rende la ricerca di risposte così importante. La consapevolezza della nostra mortalità, per esempio, è ciò che dà al tempo la sua importanza e urgenza. Sappiamo che "vivere felici e contenti" è solo per le persone nelle fiabe. Il resto di noi ha un orario più ristretto e la nostra sfida è usare il nostro tempo limitato nel modo migliore possibile.
Vogliamo per noi stessi tutto ciò che immaginiamo ci renderà felici. L'accumulo di denaro risulta essere un obiettivo frequente, anche se non è chiaro che le persone che ne hanno una quantità siano misurabilmente più felici di quelle con meno. Trasportiamo anche fantasie di infinita eccitazione e siamo scontenti quando anche questo risulta sfuggente. Quando le persone si chiedono perché alcuni di noi scelgono di usare droghe che alla fine distruggono le loro vite, penso sempre che la risposta sia ovvia: queste sostanze fanno sì che le persone si sentano bene in un modo che è difficile da replicare altrove. (Avevo l'abitudine di portare post-it con me e, quando mi sono imbattuto in un'auto in un parcheggio con l'adesivo del paraurti "L'ENTRATA È MEGLIO CHE LE DROGHE", ho lasciato una nota sul parabrezza chiedendo, "Ma le hai provate? insieme?")
La fantasia più persistente è la ricerca dell'amore perfetto. Hollywood ha fatto la sua parte nel rifornire questa chimera, e le persone si impegnano in quella che nella maggior parte dei casi risulta essere una ricerca deludente per la persona che li salverà con l'approvazione e il sostegno senza riserve che è il nostro più profondo desiderio. Raramente questa ricerca prende la forma di porre la domanda veramente importante: cosa posso fare di me stesso che mi renderebbe degno di dare e ricevere tale amore? Vogliamo crogiolarci nel calore della devozione che trascura, anche indulge, i nostri fallimenti. A parte le nostre madri, questo piacere può essere un po 'difficile da trovare o da mantenere nel tempo.
Quello che sto suggerendo è che concentrare le nostre vite intorno alle domande di piccole o medie dimensioni e ignorare quelle grandi non è un percorso probabile per ottenere ciò che vogliamo. È come guardare (o dipingere) un'immagine e concentrarsi esclusivamente sul primo piano. È la spiritualità che serve da sfondo e cornice per la nostra esistenza. Possiamo fare un dogma religioso (qualcuno lo farà) e stare in giro con coloro che credono allo stesso modo, o possiamo cercare di trovare altre risposte provvisorie che ci permetteranno di dare un senso alle nostre vite e di viverle in accordo con i nostri valori più profondi . Se saremo o meno ricompensati in paradiso, avremo almeno qualcosa per guidarci attraverso il labirinto confuso che dobbiamo navigare quotidianamente. È solo quando siamo troppo ottusi, spaventati o distratti per chiedere alle domande importanti che siamo veramente persi.

Solutions Collecting From Web of "Le domande importanti sono senza risposta."