Le distinzioni tra ♂ e ♀ detenuti in Art Therapy

L'agenda di ricerca che i precedenti tre post hanno presentato è culminata in un riesame delle differenze tra detenuti maschi e femmine (questi post possono essere trovati qui, qui e qui).

Ciò che è emerso è stato eccitante. Le statistiche hanno rivelato che le detenute sembravano dimostrare un miglioramento maggiore rispetto agli uomini nell'umore e nel Locus of Control interno (LOC) attraverso l'arteterapia. Ad un esame più approfondito, sebbene i sintomi delle donne fossero sensibilmente migliorati, le donne iniziarono con punteggi peggiori nelle valutazioni, cioè, mostrarono una maggiore depressione e il loro LOC era più esterno rispetto ai detenuti maschili per cominciare. Questo ha portato ulteriori esami:

1) Le detenute hanno mostrato livelli più alti di depressione rispetto alle loro controparti maschili all'inizio dello studio  

La letteratura sostiene che sebbene entrambi i sessi sperimentino la depressione, le donne riportano sintomi più gravi (Butterfield, 2003). A causa delle difficoltà sociali e della maternità, le carceri delle detenute di sesso femminile – più di quanto si pensi agli uomini – possono sviluppare livelli più elevati di depressione, ansia e disturbi somatici rispetto agli uomini, che possono mostrare più tendenze antisociali. Mentre uomini e donne si trovano in un ambiente in cui l'ammissione alla debolezza viene sfruttata, le donne sembrano meno riluttanti ad ammettere i problemi; infatti, spesso lavorano insieme l'un l'altro attraverso l'empatia e il sostegno familiare.

2) I detenuti hanno mostrato un luogo di controllo più esterno rispetto ai loro colleghi maschi all'inizio dello studio  

La letteratura indicava che le detenute possono essere più reattive verso le interazioni con gli altri – possono essere più influenzate da fattori esterni (Zingraf, 1980) e che i detenuti maschi sono considerati avere più di un interno LOC rispetto ai detenuti femminili (DeWolfe, Jackson & Winterberger , 1988). Questo può riflettersi nei loro crimini. Le donne possono essere provocate attraverso abusi domestici e sessuali che possono risultare in crimini contro i loro partner o i loro violentatori. Possono anche essere stati spinti a commettere un crimine da parte di un "amato" o sentirsi obbligati a farlo per proteggere la propria famiglia.

I crimini degli uomini, sebbene riflettano decisioni sbagliate, possono essere più "auto-motivati". Ciò non significa che i crimini degli uomini non siano il risultato dell'interazione sociale, ma forse meno delle donne. La letteratura sottolinea anche che le detenute sembrano più dipendenti dal personale carcerario, emergendo come una LOC esterna.

3) Gli uomini e le donne si sono conclusi con punteggi simili in depressione e luogo di controllo. I detenuti erano più suscettibili agli interventi di arteterapia?  

Non era chiaro se le donne mostrassero un cambiamento maggiore perché i loro punteggi iniziarono a scendere, e bisognava un miglioramento maggiore per salire allo stesso livello. Potrebbe essere che i detenuti di sesso femminile rispondessero meglio alla terapia artistica, poiché alcuni suggeriscono che le donne preferiscono terapie alternative (Risberg, et al, 2004). Possono anche rispondere meglio al supporto del gruppo come indicato da Day & Onorato (1997) e Zingraff (1980).

men's group sculpture

scultura di gruppo maschile

Sebbene gli uomini rispondessero bene ai gruppi di arteterapia, si concentrarono sui prodotti finali; la loro naturale competitività li "obbligava" a "fare arte". Le donne sembravano contente di creare un pezzo d'arte, ma non si concentrarono su un risultato finale. Mentre le donne si complimentavano a vicenda, non si focalizzavano su come la loro arte fosse paragonabile a quella di qualcun altro. Le donne hanno usato il processo artistico per discutere ed empatizzare.

Mentre gli uomini si rendevano conto che avevano bisogno di interagire l'uno con l'altro per creare un prodotto di gruppo, le donne sembravano contente semplicemente interagendo; il pezzo finale era di secondaria importanza.

Indipendentemente dal fatto che uomini e donne possano aver aumentato i loro punteggi vicini l'un l'altro, il modo in cui hanno risposto alla terapia artistica sembrava differire. Sebbene gli uomini possano aver indicato quanto fossero grati di essere stati sostenuti individualmente nelle sessioni d'arte, le donne mostravano più empatia.

Differenze personificate

All'inizio in un gruppo femminile, diversi partecipanti hanno fatto commenti autoironici. Una donna ha indicato:

"Sono stanco e stufo del mutevole umore di tutti, dall'odio alla pietà. Non c'è coerenza. Ho colorato tutto il mio quadro perché mi sento incatenato, soffocato dall'ansia. "

Mentre il gruppo progrediva, iniziò a capire la sua relazione all'interno del gruppo. Ha aiutato gli altri; rifletté su quanto fosse importante per lei sviluppare la propria identità pur essendo ancora in grado di lavorare con gli altri. Come stagista di terapia artistica indicato:

" Il gruppo è maturato; erano in grado di entrare in empatia l'uno con l'altro. "

L'arte terapia ha fornito loro un terreno comune di espressione per riconoscere il loro contributo individuale a un processo di gruppo, rafforzando il proprio senso di identità. Ciò a sua volta potrebbe aver migliorato il loro umore e rafforzato il controllo interno; hanno assistito ai loro preziosi contributi e quindi hanno avuto fiducia nel loro giudizio.

Queste reazioni sembravano diverse da quelle degli uomini.

Quando gli uomini si arrabbiano o si sentono disgustati nel gruppo, incoraggiano la calma, si lanciano l'un l'altro o ignorano e osservano silenziosamente le reazioni. A volte, gli uomini parlavano l'un l'altro, piuttosto che l'uno con l'altro. Anche quando gli uomini esprimevano empatia, sembrava superficiale, riflettendo di più su come le preoccupazioni degli altri riguardassero le loro difficoltà e questioni personali.

Eppure gli uomini sapevano che per completare un prodotto di gruppo avevano bisogno di lavorare insieme, di collaborare. Hanno frenato le frustrazioni per comunicare; alla fine gli altri all'interno del gruppo – e gli estranei che hanno visto quello che hanno fatto – si sono complimentati con i loro prodotti finali. Il loro stato d'animo è migliorato in quanto potrebbero esprimersi in un modo che non è stato condannato, e hanno sviluppato una maggiore LOC interna attraverso la loro capacità di comprendere quanto fosse importante il loro processo decisionale nel successo del prodotto.

Queste differenze su come i detenuti maschi e femmine hanno risposto agli interventi di arteterapia hanno forzato una rivalutazione di alcuni dei costrutti teorici di come l'arteterapia benefici le carceri.

[Come nei post precedenti, l'articolo che ha documentato questi risultati è disponibile per il download immediato. Per leggere questo articolo, puoi trovare questo articolo su The Arts in Psychotherapy qui . È anche disponibile sul sito Web www.arttherapyinprison.com .]

woman's self-box

auto-scatola della donna

Riferimenti

Blitz, CL, Wolff, N., Pan, K. e Pogorzelski, W. (2005). Modelli comportamentali di salute comportamentale e di rilascio di comunità tra i detenuti del New Jersey: implicazioni per il trattamento e il rientro in comunità. American Journal of Public Health, 95 (10), 1741-1746.

Butterfield, F. (2003, 22 ottobre). Lo studio trova centinaia di migliaia di detenuti malati di mente. New York Times. Recuperato il 21 aprile 2008, da http://query.nytimes.com.

Day, ES & Onorato, GT (1997). Sopravvivere alla frase: Arteterapia con sopravvissuti a traumi incarcerati. In D. Author ed E. Virshup (Eds.), Drawing Time: Art Therapy In Prisons e altre impostazioni di correzione. (Pp.127-152). Chicago, IL: Magnolia Street Publishers.

DeWolfe, TE, Jackson, LE & Winterberger, P. (1988). Un confronto tra ragionamento morale e carattere morale nei criminali maschi e femmine incarcerati. Ruoli sessuali, 18, (9/10) 583-593.

Gussak, D. (2009). Confrontando l'efficacia della terapia artistica sulla depressione e il luogo di controllo dei detenuti di sesso maschile e femminile, The Arts in Psychotherapy, 36 (4), 202-207

Love, GD (1991) .Considerazione del locus of control dello studente detenuto per una leadership istruttiva efficace. Journal of Correctional Education, 42 (1), 36-41.

Risberg, T., Kolstad, A., Bremnes, Y., Holte, H., Wist, EA, Mella, O., Klepp, O, Wilsgaard, T. e Cassileth, BR (2004). Conoscenza e atteggiamenti verso terapie complementari e alternative: uno studio multicentrico nazionale di professionisti di oncologia in Norvegia. European Journal of Cancer, 40 , 529-535

Zingraff, MT (1980). Assimilazione dei detenuti: un confronto tra delinquenti maschili e femminili. Giustizia e comportamento criminale, 7, 275-292.

Solutions Collecting From Web of "Le distinzioni tra ♂ e ♀ detenuti in Art Therapy"