Le cose che portiamo

Pensa globalmente agisci localmente. Il concetto ha appena celebrato il suo centenario. Quello che era iniziato come principio cardine della pianificazione urbanistica scozzese del XX secolo è oggi considerato un pilastro dell'ambientalismo di base e del consumismo illuminato. L'essenza del mantra è chiara: viviamo in un mondo interconnesso, la nostra condotta ha un impatto oltre la nostra esistenza locale e dovremmo agire in modo appropriato.

Il motivo per cui invochiamo la frase qui è che cattura il modo in cui molti consumatori e responsabili politici hanno formulato soluzioni al riscaldamento globale: dobbiamo tagliare le emissioni dove viviamo passando leggi, cambiando pratiche industriali e modificando il nostro uso delle risorse naturali entro i confini delle nostre comunità, stati e nazioni.

La maggior parte delle forme di cittadinanza verde sono legate a questo principio di dovere territoriale sovrano. Agiamo localmente per fare la nostra parte per il pianeta e speriamo che i cittadini di altri paesi facciano lo stesso. Comprende la struttura per la classificazione delle registrazioni delle emissioni di 195 (potenziali) nazioni firmatarie all'Accordo di Parigi sul cambiamento climatico del 2015. E riflette la prospettiva geografica della contabilità verde, che aggiunge il valore degli esaurimenti e dei recuperi degli ecosistemi all'interno dei confini nazionali per spiegare una definizione ampliata della produttività territoriale, tipicamente rappresentata in termini non verdi dal prodotto interno lordo (PIL).

Nell'ambito della logica del pensare globalmente e dell'agire localmente, ha senso porre l'onere di risolvere la nostra sfida climatica globale su progetti nazionali che valutino le emissioni e mitighino le cause del riscaldamento globale all'interno dei loro territori. L'accordo di Parigi aiuta questo fatto chiedendo alle nazioni più ricche di contribuire a costruire capacità nei paesi in via di sviluppo per raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni. La solidarietà internazionale di questo tipo sarà vitale per l'attuazione dell'accordo.

Ma pensiamo che potrebbe essere un errore basarsi solo su questa idea per guidare il modo in cui riduciamo i danni ecologici e altre responsabilità sociali delle nostre economie industriali ad alta tecnologia.

Cosa succede se il modello territoriale di un clima globale / molte nazioni separate divide la responsabilità per la mitigazione dei danni ingiustamente? Non intendiamo questo nel senso che è ingiusto chiedere alla Cina o all'India di rinunciare allo sviluppo nello stesso modo che hanno fatto le economie degli Stati Uniti o del Regno Unito. Mentre questo è certamente importante, e un dilemma chiave nella geopolitica dei cambiamenti climatici, abbiamo in mente un altro tipo di disuguaglianza.

La nostra preoccupazione deriva dalla necessità di collegare il consumo negli Stati Uniti al commercio globale di beni elettronici prodotti in una vasta catena di approvvigionamento globale. Abbiamo già analizzato questo processo in questa colonna, legandolo, tra le altre cose, alle condizioni di lavoro schiavitù in Cina e altrove, alle barriere consumistiche al pensiero compassionevole di questi lavoratori e all'aumento delle richieste di energia per far funzionare tutti i gadget digitali Gli americani ora possiedono. Abbiamo anche posto l'idea di una cultura della sostenibilità in opposizione al consumismo come strategia globale per la cittadinanza verde. Ma definire cosa significa questo non è facile, in particolare quando partiamo da un modello territoriale di produttività della ricchezza e, con un cenno alla contabilità verde, dell'inquinamento e di altre passività atmosferiche.

Considerare le emissioni di carbonio associate al consumo di elettronica importata e di altri beni digitali. Esiste una ricerca sulla domanda nazionale di elettricità nei paesi produttori e nei paesi consumatori consumatori di controparti in cui tutti i telefoni cellulari, i computer, l'elettronica di consumo e simili necessitano dell'elettricità per funzionare.

Ma non si spiega in che modo le emissioni di un paese produttore potrebbero essere attribuite alla domanda in un consumatore. L'anidride carbonica e gli altri gas a effetto serra (GHG) contenuti nei beni prodotti all'estero – ciò che viene portato con sé nei mercati di destinazione finale – non si trovano tipicamente nelle statistiche nazionali. E ci manca una ricerca che misura l'impatto ambientale della domanda di beni importati. Fino ad ora.

In un articolo pubblicato di recente su The Journal of Industrial Ecology , i ricercatori dell'Università norvegese di scienza e tecnologia hanno presentato un nuovo modo di affrontare questo problema. Mentre lo studio non separa i prodotti elettronici per l'analisi, offre un modello utile che potrebbe essere esteso alle importazioni digitali.

Gli autori riconoscono che un'attenzione nazionale all'attività industriale è adatta sia alla politica internazionale sia a quella nazionale, ma sostiene che non ci aiuta a capire esattamente come il consumo delle famiglie, lo stile di vita e altri "fattori sociali" contribuiscano a danneggiare l'ambiente.

Si azzerano sul consumo al fine di quantificare l'impronta ambientale (gas serra e terra esaurita, acqua e materie prime) che vengono scambiati insieme con i beni importati o, come dicono, la "parte delle emissioni e l'uso delle risorse … incarnato". in materie prime negoziate a livello internazionale. " 1

Gli autori dimostrano perché paesi come la Norvegia e gli Stati Uniti sono importatori netti di gas serra, emettendo circa il doppio di CO 2 come riportato nelle statistiche nazionali. E mentre gli impatti regionali variano a seconda delle categorie di consumo, le società di consumo più facoltose hanno dimostrato di avere il più alto impatto pro capite sull'ambiente, a causa dei loro alti tassi di beni e servizi importati.

Senza perdersi nei dettagli, basti dire che questa ricerca segna l'inizio di una svolta importante nel modo in cui possiamo identificare nuovi modi per rendere più verdi le nostre tecnologie multimediali all'interno di un quadro di consumo sostenibile.

Gli autori propongono che il comportamento dei consumatori nelle nazioni ricche debba cambiare. Ciò non sarà facile da attuare negli Stati Uniti, dal momento che la maggior parte degli americani considera il consumo dispendioso come un diritto dato da Dio. Ma lo studio illustra chiaramente la necessità di ripensare a come distribuiamo la responsabilità della riduzione delle emissioni di carbonio osservando i danni ambientali incarnati nei flussi commerciali di beni e servizi.

Anche se i paesi ricchi continuano a prendere l'iniziativa nella riduzione dei gas serra all'interno dei loro territori, la dipendenza dalle importazioni da regioni a basso reddito e ad alto potenziale potrebbe "compensare, o persino ripristinare, guadagni in efficienza e azioni di mitigazione dei cambiamenti climatici nei paesi sviluppati. "Questo è un diverso tipo di pensiero globale che potrebbe rimodellare non solo il modo in cui agiamo nel mondo, ma anche come i leader nazionali parlano di commercio, riscaldamento globale e occupazione.

1. Diana Ivanova, Konstantin Sadler, Kjartan Steen-Olsen, Richard Wood, Gibran Vita, Arnold Tucker e Edgar Hertwich. "Valutazione dell'impatto ambientale del consumo domestico". Rivista di ecologia industriale. 18 dicembre 2015. Np http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/jiec.12371/epd

Solutions Collecting From Web of "Le cose che portiamo"