Le corse per cani della Moralità della Maratona

Dallas Seavey, vincitore del Iditarod 2014

Alle 5:30 di questa mattina (12 marzo 2014), Dallas Seavey e la sua squadra di cani hanno tagliato il traguardo a Nome, in Alaska, e hanno vinto l'Iditarod, l'estenuante corsa annuale di cani da corsa di 1.000 miglia. Seavey e i suoi cani hanno completato la gara a tempo di record: 8 giorni, 14, ore e 9 minuti. L'Iditarod è controverso. Gruppi di animalisti come PETA pensano che sia crudele, mentre gli aficionados del cane da slitta lo chiamano "The Last Great Race".

Recentemente, The Dodo, un nuovo eccellente sito per gli amanti degli animali, ha chiesto a un gruppo di persone che hanno scritto su questioni animali (inclusi i blogger PT Marc Bekoff, Jessica Pierce e Mark Derr) di discutere l'etica della razza canina. Puoi leggere le loro risposte qui. Questo è quello che mi è venuto in mente. (A proposito, nessun cane è morto durante la gara di quest'anno.)

• * * * * *

Trascorrere due settimane a 10 sotto zero a caccia di un branco di Husky attraverso la natura selvaggia dell'Alaska non è la mia idea di un buon momento. Presumo, tuttavia, che i mushers godano di questo esercizio nel masochismo. Ma dal punto di vista di un cane da slitta, una gara di 1.000 miglia nella neve artica è una forma di crudeltà sugli animali o è semplicemente divertente?

Non conosco la risposta a questa domanda, ma è utile mettere in prospettiva i pericoli dell'Iditarod. Tra il 2007 e il 2013, esattamente un cane è morto durante l'Iditarod, un cane da slitta chiamato Dorado che è stato asfittico dopo essere stato coperto dalla neve soffiata. Mentre la morte di Dorado è stata tragica, la scala delle morti canine associate alla corsa della slitta impallidisce in confronto alla carneficina causata da un'altra forma di competizione animale – corse di cavalli purosangue.

Le statistiche sono scioccanti. Tra il 2009 e il 2012, 2.300 cavalli sono morti nelle piste regolamentate dallo stato negli Stati Uniti. E, in media, 24 cavalli muoiono ogni settimana sulle piste americane. Sono quasi quattro i morti al giorno associati all'ippica, rispetto a un decesso in sette anni per l'Iditarod. (Vedere qui.)

Data la sproporzionata crudeltà associata alle corse di cavalli contro le corse di cani da slitta, perché una volta all'anno una razza di cani tende a generare più indignazione dagli amanti degli animali rispetto alla carneficina quotidiana sulle tracce di cavallo dell'America? Posso pensare a diversi motivi. Uno è che i cani sono i nostri animali domestici e hanno uno status speciale nei nostri cuori, mentre i cavalli hanno più probabilità di essere considerati come animali da lavoro. Un altro è che semplicemente essere all'aperto nell'inverno artico sembra insopportabilmente crudele con quelli di noi che vivono in climi più ospitali. Infine, c'è un problema di classe sociale. I funghi tendono ad essere contadini della classe operaia (il 24% dei 69 concorrenti nell'evento di quest'anno sono donne). Al contrario, le corse di cavalli – "lo sport dei re" – sono una forma di ricreazione per i ricchi e famosi, la classe del tempo libero.

Ma anche se un cavallo ha mille volte più probabilità di morire in pista di un cane da slitta, nella prossima vita preferirei tornare come puledro purosangue nel Kentucky bluegrass country piuttosto che come cucciolo Husky in Alaska destinato all'Iditarod .

Odio il freddo.

* * * * * *

Hal Herzog è professore di psicologia alla Western Carolina University e autore di Some We Love, Some we Hate, Some We Eat, Why It's So Hard To Think Straight About Animals.

Solutions Collecting From Web of "Le corse per cani della Moralità della Maratona"