Le coraggiose donne che hanno salvato gli uccelli da “modisteria assassina”

Un’intervista con Tessa Boase, autrice di “Purple Feather della signora Pankhurst”.

“La Purple Feather della signora Pankhurst è un viaggio unico attraverso una società in trasformazione … una storia molto originale di donne che entrano nella sfera pubblica, agitano per il cambiamento – e finalmente trovano una voce.”

Le penne degli uccelli appartengono agli uccelli, non ai cappelli

Qualche settimana fa ho ricevuto un libro meraviglioso di Tessa Boase chiamato Purple Feather della signora Pankhurst: Fashion, Fury and Feminism – Women’s Fight for Change . Il titolo attirò immediatamente la mia attenzione e cominciai a sfogliarlo. Qualche ora dopo, mi sono reso conto che non solo si era fatto buio, ma che ero totalmente assorbito dal libro incredibilmente interessante e importante della signora Boase su una donna straordinaria di nome Etta Lemon, che, a quanto pare, era anti- moda, anti-femminista – e anti-suffragio. Volevo davvero sapere di più su come il libro è nato e dare la parola a un vasto pubblico che sapevo sarebbe interessato al lavoro della signora Lemon e di altre donne che volevano eliminare l’uso delle piume per la moda . Ho chiesto alla signora Boase se poteva rispondere ad alcune domande e con piacere ha accettato. Di seguito la nostra intervista, e spero che stimolerà gli altri a leggere l’intero libro e a pensare ai molti messaggi importanti che offre.

“Quando la signora Pankhurst prese d’assalto la Camera dei Comuni con la sua schiera di suffragette militanti nel 1908, indossò sul suo cappello una voluttuosa piuma viola. Questa è la storia intrigante dietro quella piuma. “

Perché hai scritto la Purple Feather di Mrs Pankhurst ? e come hai scelto questo titolo?

Tre anni fa stavo pranzando con il mio vecchio editore, un appassionato birder, e stavamo parlando in modo indiretto della storia della storia naturale. È “caldo” al momento, disse. ‘ H is for Hawk’ , ecc. Ecc. Posso scrivere quel tipo di libro? Confesso che il mio cuore è leggermente affondato, poiché il mio interesse per la narrazione è negli esseri umani piuttosto che nelle creature. Ma quando ha menzionato, di passaggio, che la Royal Society per la protezione degli uccelli – la RSPB – è stata fondata da donne vittoriane che si battevano contro la moda per le piume in cappelli, sono stato subito incuriosito. Sono rimasto anche stupito. Perché nessuno lo sa?

Courtesy Tessa Boase

Fonte: cortesia Tessa Boase

La RSPB è la nostra più grande organizzazione benefica per la conservazione, ma la associo (non del tutto ingiustamente) agli uomini. Celebrità come Bill Oddie – con la barba, vestiti in Goretex, un binocolo appeso al collo, piuttosto possessivo degli uccelli. Eppure qui c’era qualcuno che mi diceva che era nato a causa delle donne. Che è stata una campagna anti-moda!

Una ricerca di una settimana è stata sufficiente per dirmi che questo era il libro che dovevo scrivere. Questa storia avrebbe tutto: donne invisibili, moda, politica, estremi sociali, commercio, creature vivi e morti. Volevo portare alla vita ogni anello di questa catena di merci, come ogni cosa mi affascinava: dal cacciatore, ai pennarelli, alle modiste, alle ragazze di negozio, alle fashioniste e a quelle donne che combattevano contro il commercio di piumaggio e senza cuore portatori di “modisteria assassina”, su entrambi i lati dell’Atlantico.

Tuttavia, dopo molti mesi di duro lavoro e ricerca, la mia proposta è stata respinta da innumerevoli editori perché (come hanno detto) “gli uccelli sono molto difficili da vendere ai libri”. Veramente? Penso che fosse perché questo libro non era semplice: non un libro di uccelli per i ragazzi; non proprio un libro di storia naturale; non rigorosamente un libro di moda …

Etta Lemon; Courtesy Tessa Boase

Fonte: Etta Lemon; Per gentile concessione di Tessa Boase

Sono tornato negli archivi. E poi sono incappato in qualcosa che sembrava cambiare tutto. Era una lettera scritta allo Surrey Mirror dalla principale dinamo della RSPB, Etta Lemon, sul suo ruolo nella Women’s Anti Suffrage League. Stava sollecitando il supporto per combattere questa “minaccia” alla società. Poi ho visto che dovevo raccontare la storia dell’attivismo politico delle donne edoardiane in modo più ampio, senza concentrarmi solo sugli uccelli.

Mentre guardavo un’immagine dopo l’immagine dei suffragisti e dei suffragette, i miei occhi erano disegnati ancora e ancora sulla cima delle loro teste. Queste donne magnificamente vestite erano decorate con parti di uccelli. Il cappello elaboratamente piumato era il fiorire della donna emancipata. Eppure, come scrisse un giornalista americano, “chi darebbe il voto a una giovane donna che sfoggia un intero gabbiano reale?”

Ecco una storia molto più complessa, più drammatica e forse più gradita agli editori. Avevo ragione. Ho rapidamente ottenuto un accordo per un libro che ha contorto le due storie insieme, ma la mia intenzione era sempre quella di mettere la storia di RSPB in prima linea, e per la mia eroina Etta Lemon di ottenere il suo legittimo posto nel canone delle donne che hanno modellato il 20 °- secolo. Il titolo mi è venuto quando ho visitato il Museo di Londra, e ho scoperto un copricapo sontuoso indossato dal capo delle suffragette, conservato in un armadietto di vetro illuminato da punti. Era un oggetto simbolico: non solo per la femminilità e il potere della signora Pankhurst, ma anche (ironicamente) per l’abuso femminile.

Budgerigar Hat; Courtesy Tessa Boase

Fonte: cappello Budgerigar; Per gentile concessione di Tessa Boase

La piuma di struzzo viola sarebbe stata “finita” dalle “mani di piuma” sfruttate che lavoravano vicino a dove ora sorge il Museo, nella City di Londra. Questo museo ha ben collegato la mia storia ad un’altra raccolta di penne che avevo scoperto, in una scatola sepolta negli archivi della RSPB, etichettata come “contrabbando”. Garzetta, svasso, uccello del paradiso … Questi erano stati presi da modellisti, esaminati, autenticati e tenuti da Mrs Lemon come prova di un commercio spregevole.

Avrei preferito che il libro si chiamasse “Mrs Lemon and the Birds” – ma il nome di Pankhurst vende libri … e gli scrittori, alla fine, devono piegarsi alla saggezza dei loro editori.

Come segue il tuo lavoro precedente?

Il mio precedente libro The Housekeep’s Tale parlava anche di donne invisibili: governanti di grandi case di campagna inglesi; una manciata di donne che erano (per la maggior parte) cadute in fallo dai loro datori di lavoro, tra il 1830 e il 1970. Volevo raccontare la loro versione della storia, e riportare il loro contributo nella narrativa. Questo mi ha insegnato che amo il processo di ricerca e mi piace regalare un momento della storia alla vita in grande dettaglio. Sono un laureato in letteratura inglese e un giornalista specializzato, non uno storico. Il mio interesse giornalistico è nella società, l’ambiente, la sostenibilità e la catena alimentare. Non faccio celebrità, ma persone vere, e amo scoprire storie nascoste.

“Il recente matrimonio reale mi ha fatto chiedere se tutta la moda fosse davvero ciclica, in quanto c’erano molte penne in mostra – e quindi un turbinio di preoccupazione nella stampa sulla loro provenienza. Indossa le piume crudele? “

Quali sono i tuoi messaggi principali?

Non è un libro polemico; Non l’ho scritto con un messaggio in mente. Ma la negligenza di queste donne è davvero vergognosa, e mi è piaciuto il leggero contorcimento di alcuni di quegli uomini più anziani storicamente responsabili di questa negligenza (che sono stati molto gentili a riguardo!). “Una lettura scomoda per gli uomini”, ha detto Mark Avery nel suo blog “Standing Up For Nature” (è un ex datore di lavoro RSPB da lungo tempo); “o almeno, quest’uomo. Ma sono abbastanza sicuro che leggere questo libro mi abbia fatto molto bene “.

Il recente matrimonio reale mi ha fatto domandare se tutta la moda sia davvero ciclica, visto che c’erano molte penne in mostra – e quindi un turbinio di preoccupazione nella stampa sulla loro provenienza. Indossa le piume crudele? Spero che questi dibattiti non andranno mai via.

Mi piacerebbe anche educare le persone, in modo che siano consapevoli che il loro istintivo rinculo o disagio sull’uso delle piume nella moda riconduce direttamente ai fondatori di RSPB, che hanno cambiato la nostra sensibilità.

E infine: ricorda, tutta la moda ha un costo. Lo ha fatto (vado in questo, in dettaglio, nel mio libro – dagli uccelli ai pennarelli impoveriti e ai minatori) – e lo fa oggi. Va bene indossare abiti economici? La pelliccia allevata è davvero etica?

Puoi dire ai lettori perché Etta Lemon è stata “dimenticata dalla storia” anche se lei ei suoi “segretari locali” stavano combattendo contro “modisteria assassina”?

“Penso che le donne siano state trascurate dalla storia a causa della scienza che sostituisce il sentimento nella protezione degli uccelli, tra le guerre; e poi a causa del sessismo nei decenni successivi. “

Mi è stato chiesto di rispondere alla stessa domanda dal BBC Wildlife Magazine , quindi riprodurrò qui di seguito alcuni di ciò che ho detto. Penso che le donne siano state trascurate dalla storia a causa della scienza che sostituisce il sentimento nella protezione degli uccelli, tra le guerre; e poi a causa del sessismo negli ultimi decenni. C’era anche il problema della mancanza di fotografie: niente per il fondatore di Manchester della Society for the Protection of Birds, Emily Williamson, né per il fondatore di Croydon del Fur, Fin and Feather Folk, Eliza Phillips. Dal 1891 (quando i due gruppi si fusero) fu un collettivo collaborativo, la cui forza risiede nei suoi segretari locali. Nessuna donna si spinse in avanti, o cercò la fama personale (nel modo Emmeline Pankhurst). Etta era la dinamo che portò avanti la società, ma senza farsi un capo, o attirando un’indebita attenzione su se stessa. Ha solo lavorato molto, molto duramente.

Estratto dal pezzo della rivista della BBC qui:

Etta Lemon non è mai stata una grande ornitologa scientifica, scrisse James Fisher negli anni ’60, ma una donna con una spinta tremenda e un’umorosa spietatezza e coraggio. A quel punto era passata al folklore, un fanatico vittoriano considerato fair play per i colpi di scena. Non era attraente con “una bocca come una trappola per topi”, pensò un vecchio membro del personale della RSPB del suo ritratto. Nella storia ufficiale della RSPB pubblicata per il suo centenario del 1989, For Love of Birds (noto in-house come ‘FLOB’), Tony Samstag la soprannominò il ‘Fulminator in Chief’ – ‘uno di quelli il cui nome di battesimo era una volta per sempre “Sig.ra”.’

Mi chiedevo quando esattamente gli uomini di scienza si erano rivoltati contro le donne, in un riflesso che sembrava poi radicato. Questo momento è arrivato, per quanto ho potuto dire, tra le guerre. Nel 1926, il giovane osservatore di uccelli rigorosamente scientifico Max Nicholson attaccò il nucleo dell’RSPB come “un gruppo di dilettanti anziani e passivi” che “diceva troppo e fa troppo poco” nel suo libro Birds in England. Le donne fondatrici della RSPB, con la loro politica iniziale di appartenenza solo alle donne, avevano purtroppo avuto l’effetto (così pensava) di dividere nettamente il crescente movimento di protezione degli uccelli dalla sua “base scientifica naturale”.

L’ornitologo principale Julian Huxley fu vicino a criticare la Società nei primi anni ’30 per la sua “cecità intellettuale, al contrario del lato emotivo delle attività degli amanti degli uccelli”. Etta Lemon era ben nota per il suo sospetto sulle moderne pratiche di birdwatching: il suono dei nidiacei, il censimento, l’intrusione di lunghi obiettivi fotografici nei nidi. Sentiva che queste pratiche erano umane, piuttosto che l’interesse degli uccelli a cuore.

L’estrazione della vedova Mrs Lemon dalla sua stessa carità è stata dolorosa da testimoniare. Ho trovato lettere molto personali negli archivi che raccontavano la storia – in che modo è stata “relegata in una posizione molto inferiore nell’ufficio della Società”, poi “agitata” durante una riunione della commissione – “non c’è altra parola per questo”. Nel maggio 1939, subito dopo le celebrazioni per il 50 ° anniversario dell’RSPB, fu informata, per posta, che i suoi servizi non sarebbero più necessari. Aveva ottant’anni. Che insensibile, ma anche, forse, quanto necessario. Era la Margaret Thatcher del mondo degli uccelli: visionaria, schietta, divisiva e, alla fine, fuori dal mondo. Per far sì che la sua società crescesse e si evolvesse, Mrs Lemon dovette lasciar andare.

Ma a causa della natura spiacevole della sua estrazione, di fronte alla sua ostinata ostinazione, la signora Lemon si è trattenuta nella memoria collettiva come un cattivo odore da allora, piuttosto che ottenere l’eroica terapia di Hudson. [un ritratto di WH Hudson, il naturalista, occupa una posizione privilegiata nella sede centrale.]

Mike Clarke, attuale amministratore delegato della RSPB, descrive la situazione di Etta come “sindrome dei fondatori”. “Quando una società inizia in piccolo, gli individui hanno una grande influenza sulla cultura antica”, mi ha detto. ‘Ma la cultura deve cambiare con i tempi.’ Nel 1939 il cappio piumato era finito da tempo. La legge sull’importazione del piumaggio (proibizione) era stata approvata nel 1922 e c’erano battaglie per la conservazione della natura più pressanti da combattere. Fuoriuscite di petrolio, sbattere le uova, la persecuzione degli uccelli da preda – nessuno di loro semplice, alcuni altamente divisivi. Se la tattica e il personale non fossero cambiati, la carità avrebbe alienato i suoi membri.

Ho chiesto a Clarke perché pensava che la sua prima storia della carità non fosse mai stata celebrata. Come “storico della poltrona”, disse che aveva sempre immaginato di dedicare il suo ritiro a indagare sulle storie di Emily, Eliza ed Etta. “Non ho davvero avuto il tempo ora. Ma mi addolora che non abbiamo dedicato le nostre risorse di beneficenza per celebrare la nostra storia. Il tempo per scriverlo avrebbe dovuto essere il centenario, nel 1989; questo è stato un momento in cui avremmo potuto investire un sacco di sforzi per metterlo insieme “. Ma con così tante affermazioni sul tempo e sul denaro della RSPB, non lo fecero e il momento passò. Il libro ‘FLOB’ ha un capitolo snello su ‘Quelle donne formidabili’ – donne che “in tempi diversi avrebbero dato da mangiare a giganti” – scritto in una sorta di tono leggermente sciovinistico che avrebbe potuto suscitare risate negli anni ’80, ma non trovare molta trazione oggi.

Sorprendentemente, quando una targa fu eretta nella casa di Emily Williamson a Didsbury nel 1989, non riuscì nemmeno a nominarla per nome. ‘Action for Birds – 100 Years’, si legge. “L’inaugurazione è stata perfezionata dal presidente della società MAGNUSS MAGNUSSON.”

Clarke sottolinea che “la storia è sempre scritta attraverso l’obiettivo culturale che abbiamo in quel momento”. Fortunatamente quella lente ora sta venendo a sopportare le donne; tirandoli lentamente a fuoco. Sono lieto di riferire che dalla pubblicazione del mio libro, la gente di Didsbury ha finanziato una nuova bella targa che ha riportato Emily Williamson nella narrazione. La sua immagine ora è di proprietà pubblica. Mi è stata inviata una vecchia fotografia di famiglia dall’antenata di Emily, la professoressa Melissa Bateson (etologa e specialista dello storno). L’eroina dei primi animalisti di Manchester ora ha un volto.

E presso la sede RSPB a Sandy, un vecchio dipinto ad olio di Etta Lemon è stato portato alla luce dagli attici ed è attualmente in fase di restauro. È destinato ad appendere di fronte il ritratto di WH Hudson: l’uomo che ha dato alle donne il coraggio di andare avanti con la loro lotta. Ottant’anni dopo essere stata eliminata dalla sua stessa società, la signora Lemon sta tornando a casa.

Chi sono alcune delle altre donne lungimiranti che erano importanti nella formazione dell’RSPB?

Altre tre donne:

Emily Williamson di Didsbury, una moglie di avvocato della borghesia che nel 1889 invitò le signore a prendere il tè a casa sua e le esortò a firmare un impegno a non indossare piume. “Le donne sono per lo più timide nell’inaugurare qualsiasi cosa”, disse Emily, “ma sono molto pronte a dare il loro aiuto a una buona causa quando viene loro indicata la strada”.

Mrs Eliza Phillips, anziana vedova fondatrice di Fur, Fin e Feather Folk di Croydon. Il folk tutto femminile si è fuso con la campagna di Emily nel 1891 per creare l’SPB, mantenendo il nome del gruppo di Didsbury, mentre attingeva l’energia delle donne di Croydon. Come capo delle pubblicazioni, la voce tagliente di Eliza sgorga dalla pagina in numerosi opuscoli e articoli: “Questa è soprattutto una questione femminile”, scrive nel 1891. “È la vanità delle donne che stimola l’avidità del commercio e il denaro delle donne che tenta i macellatori di uccelli continuano il loro crudele lavoro in patria e all’estero ».

Winifred, Duchessa di Portland – Presidente della RSPB dal 1891 fino alla sua morte nel 1954. La sua voce aristocratica risuona dalle lettere di istruzione scarabocchiate a quelle donne che stanno facendo il castoro in ufficio. “La letteratura sull’argomento potrebbe fare bene a Lady Drummond! Le manderai un po ‘- per il mio espresso desiderio!

Spera che la signora Lemon e i suoi colleghi saranno adottati come modelli di riferimento tra le persone che attualmente stanno lavorando alla protezione degli animali?

C’è stato un grande ed incoraggiante interesse tra le giovani generazioni in queste eroine non celebrate, dagli appassionati di birdwatching, dalle femministe e soprattutto dalle donne in conservazione. Forse le donne del passato parlano più facilmente alle persone di oggi rispetto alle loro controparti maschili. Possiamo entrare in empatia con i loro sentimenti più facilmente. Ora c’è, ancora una volta, una vibrazione più emotiva e meno scientifica intorno alla protezione degli animali; le emozioni non sono più derise come una volta. Come disse la grande pioniera dei filosofi e dei diritti animali Mary Midgley nel 1983 ( Animals and Why They Matter ) – “Che cosa significa dire che scrupoli a nome degli animali sono puramente emotivi, emotivi o sentimentali? Cos’altro dovrebbero essere?

Mi piacerebbe vedere Etta Lemon maturare come follower e una reputazione. Vedo che ora è su Wikipedia, dal rilascio del mio libro. Questo è un inizio.

Quali sono alcuni dei tuoi progetti attuali e futuri?

In questo momento sto uscendo per strada e pubblico il libro. Adoro tenere lezioni illustrate, e questo è un argomento estremamente visivo. Quando mostro alle persone le foto dei cappelli, le loro mascelle cadono.

Sto tornando al giornalismo, scrivendo il più possibile intorno a questo argomento per sensibilizzare su questa storia dimenticata, mentre faccio collegamenti con argomenti di discussione attuali (come i cappelli di nozze reali!).

Ma a lungo termine spero di scrivere un altro libro. Edwardian classe superiore e il loro debole per gli animali domestici esotici trovo un argomento affascinante. Ho avuto una grande, grande (grande?) Zia che teneva un ghepardo. Mi piacerebbe forse esplorare di cosa si trattasse e riportare in vita alcune di quelle strane relazioni.

C’è qualcos’altro che vorresti dire ai tuoi lettori?

Mi ha fatto molto piacere che i critici abbiano affinato l’umorismo inaspettato nella Purple Feather di Mrs Pankhurst. Umorismo nero, o ironico umorismo, forse, ma non si può scrivere di un modo così assurdo – o di un tale maniaco dell’ego come l’onorevole Pankhurst – o del movimento anti-suffragio e delle sue leader femminili fatte per fare politica – senza umorismo.

Grazie mille, Tessa, per un’intervista dettagliata sul tuo libro affascinante e più importante. Sono sicuro che gli uccelli sarebbero anche molto grati per il tuo libro e per il duro lavoro di Etta Lemon e dei suoi colleghi. Spero che Purple Feather della Mrs Pankhurst godrà di un vasto pubblico globale perché gli animali non umani hanno bisogno di tutto l’aiuto che possono ottenere, ed è essenziale informare le persone di chi ha fatto il duro lavoro in passato e far loro conoscere il potere delle donne coraggiose che ha assunto grandi progetti e formidabili avversari.

Solutions Collecting From Web of "Le coraggiose donne che hanno salvato gli uccelli da “modisteria assassina”"