Le chiavi per le relazioni premurose: allegato sicuro

Se solo noi e tutti quelli che incontriamo potremmo leggere le situazioni sociali in modo accurato, non essere sommerse o dirottate da forti emozioni, e rispondere in modo gentile, empatico, non difensivo e costruttivo, il mondo sarebbe un luogo più accettabile e prevedibile. Naturalmente, tutti noi abbiamo momenti in cui le situazioni scatenano forti emozioni e comportamenti che non producono i migliori risultati. Detto questo, ci sono tratti di personalità che consentono ad alcune persone di affrontare gli stressors in modo più adattivo rispetto ad altri. Il tratto di personalità della messa a fuoco nel presente articolo è noto come "stile di attaccamento sicuro".

Circa il 55% delle persone emerge dall'infanzia con stili di attaccamento sicuri. Gli stili di attaccamento sono gli elementi costitutivi delle nostre personalità. Sono come una tabella di marcia mentale che ci aiuta a capire e prevedere come l'ambiente e le altre persone potrebbero reagire a noi in diverse situazioni. Aiutando a prevedere in che modo le persone e l'ambiente possono reagire, ci aiutano anche a prepararci mentalmente ed emotivamente a far fronte a qualsiasi cosa si presenti sulla nostra strada. Poiché questi modelli di percezione, comprensione e adattamento all'ambiente sono praticati così tante volte nella nostra prima infanzia e nell'età adulta, diventano processi automatici che sono radicati, non solo nei nostri pensieri e comportamenti, ma nelle strutture stesse del nostro cervelli e sistemi emotivi.

Indipendentemente dal fatto che tu abbia o meno uno stile di allegato sicuro, le informazioni presenti ti aiuteranno a capire te stesso e le persone con cui interagisci. Comprendere come e perché le persone si comportano come dovrebbero dovrebbero consentire di scegliere comportamenti che funzioneranno nell'interesse di interazioni interpersonali positive (o almeno non di quelle orribilmente negative). Poiché questi stili non smettono mai di svilupparsi, puoi anche imparare a scegliere e modellare i tuoi attuali ambienti sociali in un modo che funzioni per te. E, naturalmente, se sei un genitore, o hai intenzione di diventarlo, queste informazioni ti aiuteranno a massimizzare le possibilità di promuovere la sicurezza degli attaccamenti nei tuoi figli.

Tutto inizia con il modo in cui i genitori rispondono ai bisogni dei loro figli e leniscono (o meno) i bambini quando sono spaventati o angosciati. Quando i genitori sono costantemente disponibili, calorosi e reattivi (quando i bambini hanno paura o sono angosciati) i bambini sviluppano stili di attaccamento sicuri. Un modo in cui i genitori possono rispondere in modo coerente è essere sensibilmente in sintonia con i segnali emotivi dei loro figli. Ciò significa che i genitori sono precisi nel valutare il livello e il tipo di disagio che i loro figli si sentono. Quando i genitori percepiscono i sentimenti dei loro figli in modo accurato e mostrano ai bambini che loro (i genitori) "ottengono", insegnano ai loro figli che le loro emozioni sono valide e meritevoli di riconoscimento (indipendentemente dal fatto che il genitore sia d'accordo con la prospettiva del bambino) . I genitori che possono riconoscere e convalidare le emozioni dei loro figli forniscono gli specchi attraverso i quali i bambini imparano che ciò che sentono dentro corrisponde agli eventi nel mondo esterno reale. Il dott. Edward Tronic, dell'Università del Massachusetts a Boston, ha dimostrato come le madri ei loro bambini vanno avanti e indietro in un intricato gioco di espressioni facciali ed emotive che calibrano i sistemi emotivi del bambino. Considera un esempio della tua vita; basti pensare al gioco del peek-a-boo e di come l'adulto e il bambino rispecchiano i comportamenti e le azioni degli altri.

I genitori reattivi non rispecchiano e riflettono solo le esperienze emotive dei loro figli. Fanno un ulteriore passo avanti per calmare e calmare i bambini quando sono arrabbiati. Questo processo è noto come "up-regolazione" delle emozioni del bambino. Ad esempio, se hai mai visto un bambino cadere e sbattere il ginocchio; la prima cosa che il bambino farà tipicamente prima di piangere è guardare il viso di sua madre o di suo padre per un segnale non verbale su quanto sia grave la ferita. È come se il bambino stesse chiedendo "Che cosa sto provando?" Se il bambino vede un'espressione intensa e dolorosa che dice "ahi, che male!", Il pianto inizia immediatamente. Il bambino impara che ciò che vede espresso sul volto del genitore è ciò che sente dentro. Una volta che il genitore rispecchia esattamente la sensazione del bambino, il genitore astuto altererà la sua espressione facciale in un sottile sorriso, abbraccio ed espressione di compassione che dice "quella ferita. Ma ora starai meglio e starai bene. "E così il bambino impara che lui / lei può farsi male, ma che passerà e lui / lei si sentirà di nuovo meglio.

Riconoscendo l'importanza di questo processo di regolazione delle emozioni, il padre della moderna teoria dell'attaccamento, John Bowlby, definì la madre "l'organizzatore psichico". In altre parole, i nostri genitori ci aiutano a organizzare le nostre emozioni finché non sviluppiamo la capacità di fare questo per noi stessi Poiché il bambino impara che lui / lei può sentirsi spaventato o in difficoltà, e quindi ottenere conforto e essere aiutato a sentirsi meglio, apprendono che le emozioni negative possono essere tollerate e gestite in modo efficace. Per estensione, una volta cresciute nell'età adulta, non si preoccupano troppo delle altre persone che le lasciano o di farsi male nelle relazioni. Sanno che possono tollerare un tale dolore se vengono, quindi sono liberi di essere se stessi e non si comportano in modo eccessivamente bisognoso, aggressivo o esigente.

Poiché le emozioni dei bambini sicuri vengono rispecchiate in modo accurato, i bambini stessi acquisiscono l'abilità, non solo per regolare, ma per identificare ed etichettare accuratamente le proprie esperienze emotive. La capacità di riconoscere ed etichettare le proprie esperienze emotive personali, a sua volta, è un pre-requisito per poter riconoscere e comprendere accuratamente le esperienze emotive degli altri … un'abilità che comunemente chiamiamo empatia. Per estensione, le persone con elevata consapevolezza delle emozioni in se stesse e che sono empatiche, sono in grado di sostenere relazioni interpersonali più gratificanti.

Perché da bambini, sono fiduciosi nella disponibilità di badante, i bambini sicuri sono liberi di concentrare le loro energie sul gioco ed esplorare i loro ambienti interpersonali e naturali. Avendo basi sicure per tornare a quando si incontrano con inevitabili blocchi obiettivo o spaventati, questi bambini esploreranno in circoli sempre più ampi. Per estensione, dovrebbero avere sempre più successo nel raggiungere i loro obiettivi e sviluppare modi di pensare fiduciosi. A quest'ultimo proposito, quando i bambini cercano conforto dopo i fallimenti, i genitori vanno oltre il disagio calmante e forniscono ai bambini nuove strategie da utilizzare in obiettivi successivi.

Poiché questo processo viene ripetuto continuamente e i bambini iniziano a interiorizzare le funzioni di base sicure dei genitori (vale a dire, convalidare le emozioni, auto-calmare, risolvere nuove strategie o adottare nuovi obiettivi) sviluppano la sicurezza di agire in modo indipendente. Di conseguenza, mentre maturano attraverso l'adolescenza fino all'età adulta, i bambini sicuri diventano individui sempre più efficaci che lo credono; (a) sono amabili e degni di supporto, (b) altri disponibili e reattivi e (c) il mondo è un luogo sicuro e prevedibile. Per estensione, hanno una forte tolleranza alla frustrazione, possono tollerare l'ambiguità nelle relazioni e sul lavoro, possono trattare efficacemente con gli altri (senza essere troppo o meno reattivi), e possono superare le sfide che la vita getta nel modo.

A partire dal post del mese prossimo, illustrerò cosa succede quando i genitori non rispondono ai loro figli in modo da favorire un attaccamento sicuro. La genitorialità nel modo descritto in questo articolo, non è tanto un processo naturale come si potrebbe pensare, e tutti noi tendiamo a essere genitori come parenti genitoriali. Per questo motivo, c'è una probabilità del 70% che tu abbia lo stesso stile di attaccamento di tua madre. Ma stai sicuro che se sei uno del 45% della popolazione che ha uno degli stili di attaccamento "insicuri", puoi imparare a capitalizzare i tuoi punti di forza specifici e utilizzare i processi coinvolti in un allegato sicuro per superare la problematica emozioni o comportamenti che intralciano le relazioni gratificanti.

Solutions Collecting From Web of "Le chiavi per le relazioni premurose: allegato sicuro"