Le cause dell'autismo (per esempio)

Nei primi anni '60, quando fui formato, la psicoanalisi ebbe una presa sulla morte della pratica della psichiatria. Tutti i disturbi psichiatrici sono stati spiegati come disturbi dell'esperienza infantile. Il disturbo ossessivo-compulsivo, ad esempio, è stato pensato per riflettere una sorta di difficoltà con l'addestramento del bagno. La schizofrenia, un disturbo ovviamente più grave, è stata attribuita a un disturbo ancora più precoce nel primo anno di vita. Freud affermò che tutte le nevrosi erano dovute a sentimenti irrisolti che risalivano all'età di quattro o cinque anni, lo stadio edipico. Sono stati scritti interi libri sul palcoscenico edipico in modo che non sia possibile riassumere la teoria in un modo che soddisfi uno psicoanalista. Ma, in poche parole: durante la fase edipica il bambino di cinque anni desidera possedere la madre sessualmente e, quindi, contempla la liberazione di suo padre, forse uccidendolo. Penso che questa fiaba avrebbe dovuto essere interpretata metaforicamente.

Durante i cinquanta anni in cui ho praticato la psichiatria, non ho mai incontrato nessuna famiglia o bambino in cui questa costellazione psicologica potesse essere rilevata. Mi sono imbattuto in alcuni ragazzini nel corso degli anni che volevano entrare di notte nel letto dei loro genitori, e uno o due che desideravano dormire tra i loro genitori, ma questo è quanto è andato. A giudicare dalla mia esperienza, il conflitto edipico non esiste affatto; e doveva essere universale. Durante gli anni della mia formazione, è stato considerato reale dai miei insegnanti, che erano tutti brillanti e molti dei quali erano stati istruiti. Come potrebbe essere?

Durante quegli anni, l'autismo infantile divenne una questione di interesse. Fu descritto per la prima volta nel 1943 da Leo Kanner. È una condizione, come tutti sanno ora, di blunt emotivo o esplosioni emotive e di difficoltà profonde che comunicano. Il bambino autistico può indulgere in comportamenti ripetitivi e compulsivi che sembrano privi di significato per gli osservatori e che sono molto resistenti ai cambiamenti. C'è bisogno di essere soli e di una sensibilità esagerata a una varietà di stimoli, inclusi suoni, visioni e tatto. C'è una tendenza a impegnarsi in comportamenti ostili che rendono difficile l'essere in normali situazioni sociali. Potrebbero esserci altri segni di disfunzione neurologica. Non è stato riconosciuto allora che esistessero forme più lievi di autismo che si presentavano in modi più sottili. O che alcuni individui particolarmente dotati erano anche autistici.

Nell'anno 1965, un bambino autistico arrivò all'attenzione del dipartimento di psichiatria infantile, dove ero un collega. Abbiamo presentato questo bambino in un caso studio clinico a un professore ospite della prestigiosa clinica che Anna Freud aveva avviato in Inghilterra. Questo istituto era dedicato al trattamento di bambini disturbati. Questo particolare bambino di sei anni si è aggirato durante la presentazione toccando brevemente gli oggetti e poi passando all'oggetto successivo. Gli esseri umani sono stati toccati nello stesso modo in cui ha toccato il tavolo e le sedie. E in questo modo è andato in giro per tutta la conferenza. Il bambino non ha guardato il volto di nessuno. Non ha reagito al suo nome. Ha fatto suoni ripetitivi, ma non ha potuto parlare. Sembrava ignaro di tutto quello che succedeva intorno a lui. Quando il professore ospite è stato chiesto per i suoi pensieri sulla causa di questa sindrome sorprendente, ha risposto: "Alcuni disturbi dell'alimentazione al seno".

Non so come caratterizzare questa risposta. È ignorante, certamente. In primo luogo, cosa poteva voler dire con "disturbo dell'alimentazione al seno"? Sarebbe un problema trovare il capezzolo? Un'interruzione nell'alimentazione prima che il bambino fosse soddisfatto? Latte inadeguato? Questi sono tutti eventi ricorrenti durante l'allattamento e, nel peggiore dei casi, portano al pianto del bambino. Se ripetuto, possono portare a un bambino irritabile, non di più. Il bambino autistico che stavamo guardando era così deviante dal modo normale in cui un bambino di quell'età si comportava, era impossibile distinguere esattamente quali fossero quelle deviazioni. Tutto il significato è stato perso. Era come un'automobile che emetteva rumori di schiamazzo, ma non si muoveva. Ed è stato come se questo professore in visita stessero dimostrando che questo difetto devastante derivava dall'uso del tipo sbagliato di olio per motori.

La parola scortese che mi sembra meglio descrivere questa opinione professionale è "stupida". Eppure questo professore esperto e colto non era semplicemente stupido. Ho un collega che mi è sembrato abbastanza brillante e che stava ancora insistendo fino a dieci anni fa (l'ultima volta che l'ho visto) che l'allattamento al seno disordinato era la causa di ogni autismo.

Probabilmente si può dire anche adesso che non conosciamo tutte le cause dell'autismo, ma sappiamo che includono influenze genetiche, influenze nell'utero, influenze alimentari, come carenze vitaminiche e, possibilmente, altre interruzioni da cause immunologiche. Sono associati a una varietà di anomalie cerebrali. La presentazione dell'autismo differisce notevolmente da un bambino all'altro e queste differenze riflettono diverse anomalie nel cervello. Le cause dell'autismo non comprendono i disturbi dell'allattamento al seno.

Nel periodo in cui sto parlando, gli psichiatri tendevano a incolpare le madri per le malattie emotive dei loro figli. Kanner pensava che le madri fredde e lontane fossero tra le cause dell'autismo. Altri hanno accusato le madri "schizofrenogeniche" della schizofrenia dei propri figli, un'altra idea stupida e distruttiva. Queste erano idee tradizionali.

Come si formano le convinzioni.

A tutti noi piace pensare di formare le nostre convinzioni sulla base delle prove presentate a noi, compreso ciò che ci viene detto da altri, specialmente da quelli che hanno autorità. Ci piace pensare che siamo ragionevoli e che quegli altri che non sono d'accordo con noi sono sbagliati e testardi. La verità è che siamo molto più influenzati da ciò che ci viene detto che dalle prove. E noi siamo tutti testardi.

Pensa alla religione. (Non la tua religione, la religione di qualcun altro.) Pensa ai vari dei indù che inghiottono il male e così via. O, meglio ancora, pensa alle religioni che erano. Pensa a Zeus trasformandosi in un cigno e violentando Leda. Difficile da credere, no? Ma si credeva. Perché?

Gli dei sono spesso raffigurati nella letteratura sacra come comportarsi in modi che non sono coerenti con i loro scopi; eppure questi comportamenti irragionevoli non sembrano irragionevoli. Dio non sarebbe stato in grado di garantire a Giosuè una vittoria a Gerico senza andare incontro alla difficoltà di fermare la terra dalla rivoluzione per dargli più tempo?

Perché un partito politico domina in certe aree del paese? Molte persone credono assolutamente che le loro idee politiche siano corrette e quelle nell'altra parte e in altre parti del paese non siano corrette. Perché? E perché queste idee sono condivise dalla maggior parte degli altri membri della loro famiglia?

Non c'è verità? Non c'è nulla che possa essere determinato in modo assoluto e che comandi il consenso di tutti? Si potrebbe pensare che la scienza possa dare tali risposte. Gli scienziati conducono esperimenti che, se ben progettati, cercano di contrastare i pregiudizi degli sperimentatori. Ma, anche così, alcune nuove idee scientifiche (come la relatività o la deriva dei continenti) non hanno mai convinto coloro che avevano precedentemente avuto credenze contrarie. Queste idee hanno acquisito influenza solo quando quegli scienziati conservatori sono morti e sono stati sostituiti da quelli più giovani.

Il fatto è che le nostre convinzioni crescono da quelle condivise dalle nostre famiglie e dalle nostre comunità. Le nostre convinzioni politiche sono confermate ogni giorno dalle notizie che ascoltiamo. Crediamo nelle nostre religioni perché è quello che ci è stato insegnato. Nella maggior parte delle religioni, sfidare le convinzioni fondamentali è un reato grave, a volte un reato capitale. Se abbiamo una visione particolare dell'economia, continuiamo a mantenere questa opinione di fronte a prove contrarie. L'evidenza dei nostri sensi e dell'esperienza non può reggere alle potenti influenze della cultura. Nessuno di noi può essere certo che ciò in cui crediamo sia vero. Se crediamo fortemente, vediamo cose che non ci sono. Ma penso che ci sia un motivo in più per la follia.

Quando ero un bambino psichiatra in formazione, ho presentato il caso di un bambino che aveva una paura esagerata di andare a scuola. Ho passato molto tempo a intervistare il paziente e, in altre occasioni, i suoi genitori. Ho scritto un rapporto di sei pagine che includeva una "formulazione psicodinamica", che è un tentativo di cercare di capire i sintomi del paziente in termini delle sue esperienze passate e delle sue predilezioni, qualunque esse siano. È un tentativo di spiegare il paziente.

Devo ammettere che c'era un'identità in queste spiegazioni da un paziente all'altro. C'era rivalità tra fratelli, un padre assente, una malattia fisica che si verificava nel momento sbagliato, e così via. Comunque, ho fatto del mio meglio. Tutti abbiamo fatto del nostro meglio.

Nel bel mezzo di questa presentazione Charlie, uno degli altri ragazzi, arrivò tardi, si sedette e cominciò immediatamente a esporre la sua teoria del caso. (Il suo nome non era Charlie.) Proseguì a lungo, speculando senza il vantaggio di aver sentito una qualsiasi delle discussioni precedenti. Nella pratica di quei giorni, le speculazioni selvagge venivano giudicate dal modo immaginativo in cui si trovavano e non da alcuna somiglianza con la realtà.

Charlie ha azzardato una teoria diversa dalla mia. Era articolato e avrebbe potuto essere più convincente, tranne che, in modo inusuale, aveva dato una ragione alla sua opinione. "Ritengo che ciò sia vero", ha detto, "a causa della relazione del paziente con sua sorella".

"Aspetta un secondo," dissi, "non ha una sorella."

Charlie non era imbarazzato, ma tornò a guardare la sua copia della mia presentazione. Alla fine, disse, "Beh, deve essere vero comunque, altrimenti non ci avrei pensato."

Come al solito, nessuno ha riso. Essendo più seccato del solito, anche io non ridevo.

Quindi, una causa dell'ignoranza è l'arroganza, la convinzione sicura di sé che qualsiasi cosa io pensi di sapere debba essere vera o che non avrei mai pensato in primo luogo. Segui il blog del Dr. Neuman all'indirizzo fredricneumanmd.com/blog/ ask Dr Il consiglio di Neuman su fredric Neumanmd.com/blog/ask-dr.-neuman-advice-column.

Solutions Collecting From Web of "Le cause dell'autismo (per esempio)"