Le carceri rendono davvero reato i criminali?

La prigione è stata a lungo descritta come "scuola per il crimine" o "terreno fertile per il crimine". L'idea centrale è che i detenuti in carcere li peggiorano perché apprendono nuovi "trucchi del mestiere". C'è una inevitabilità alla percezione che se tu terra in prigione, ti trasformerai in una persona ancora più corrotta o violenta quando esci.

Tra i detenuti, i principali argomenti delle conversazioni in carcere riguardano generalmente il crimine, le droghe e i pettegolezzi su chi farà cosa ea chi. I detenuti si vantano di quello che hanno fatto e fanno schiudere nuovi schemi. Alcuni commettono crimini mentre sono incarcerati e pianificano nuovi crimini che commetteranno una volta rilasciati. Alcuni crimini ingegneristici che, su loro ordini, altri commetteranno al di fuori dell'istituzione. Sono definiti "sparatutto" o capigruppo la cui influenza va oltre le mura della prigione.

Ho intervistato numerosi criminali in diverse istituzioni sul fatto che il carcere peggiori davvero la situazione. Le loro risposte possono essere sorprendenti! I detenuti sottolineano che vengono continuamente fatte delle scelte su come viene servito il tempo. Alcuni aspirano a diventare i re della prigione. Il confinamento è solo un'arena in più per condurre operazioni criminali. Altri, tuttavia, hanno una visione completamente diversa e fanno scelte in una decisione completamente diversa. Aderiscono alle regole e alle politiche della prigione pur restando fuori dall '"azione". Stufi di come sono vissuti, desiderano cambiare o, per lo meno, non rischiano di incorrere in nuove accuse che prolungheranno il loro tempo in prigione. Partecipano ai programmi e cercano di andare d'accordo con gli altri detenuti e con il personale istituzionale.

I detenuti che si astengono dalle attività criminali nella prigione rimangono cordiali, per gli altri detenuti. Non volendo essere etichettati come "spie" o informatori, partecipano a una varietà di attività che non violano le regole. E non hanno alcun interesse a commettere nuovi crimini. Alcuni sviluppano il disgusto (che non esprimono pubblicamente) con i loro compagni di reclusione che stanno continuamente elaborando nuovi schemi, giochi di ruolo e manovre manipolative. Riferiscono che altri li lasciano soli e non tentano di fare pressione su di loro per coinvolgere più violazioni e crimini. Hanno scoperto che, di solito, gli altri detenuti li rispettano.

In breve, proprio come ha fatto nel mondo libero, un detenuto sceglie le persone con cui sviluppa strette associazioni. Prende decisioni sul tipo di persona che vuole essere. Decide quali tentazioni resisterà. In nessun modo è inevitabile che diventerà un criminale più incallito o una persona più pericolosa perché sta scontando una pena in un'istituzione correttiva. In effetti, passare il tempo in prigione segna un punto di svolta verso una direzione positiva. Un'espressione carceraria serve a far sì che il tempo ti serva non solo per servire il tempo.

Solutions Collecting From Web of "Le carceri rendono davvero reato i criminali?"