Le buone intenzioni non bastano

eyeidea/Shutterstock
Fonte: eyeidea / Shutterstock

Hai mai lavorato così duramente a qualcosa che più hai provato, più il compito è diventato difficile e più lontano il tuo obiettivo sembrava arrivare? In altre parole, un passo avanti, due passi indietro?

Ironia della sorte, allo stesso modo in cui la paura fa avverare ciò di cui si ha paura, allo stesso modo un'intenzione forzata rende impossibile ciò che si vuole forzatamente . 1

Per illustrare che le "buone intenzioni" non sono sufficienti, consideriamo il nostro lavoro. I nostri lavori sono sempre più dei nostri posti di lavoro. Rappresentano le relazioni: a noi stessi e agli altri; ai nostri clienti e consumatori; ai prodotti che stiamo progettando, creando e vendendo; ai servizi che offriamo; per l'ambiente; e al modo in cui ciò che facciamo ha un impatto sul mondo. Queste relazioni si intrecciano attraverso il nostro lavoro, hanno un significato individuale e collettivo. Quando ci concentriamo troppo sul risultato, queste relazioni soffrono. In altre parole, più duramente lavoriamo per il successo, più diventa elusivo.

Il significato si trova nella consapevolezza del momento e quando siamo troppo lontani dal momento in cui iniziamo a perdere la nostra efficacia. Anche quando la posta in gioco è alta e il nostro successo è essenziale, concentrarsi sui risultati piuttosto che sul processo può effettivamente ostacolare un esito positivo. Sappiamo tutti come funziona: il nostro nervosismo e l'ansia di "farcela" ci impediscono di farlo bene. Più elevate sono le nostre aspettative su qualcosa, più siamo disconnessi dall'effettiva realizzazione di esso e meno siamo in grado di partecipare al suo svolgimento positivo.

Lo psichiatra di fama mondiale e il filosofo esistenziale, Viktor Frankl, definirono questa intenzione paradossale . Le nostre buone intenzioni diventano effettivamente la causa del nostro fallimento. Quando uno specifico successo è così ferventemente cercato che trascuriamo e trascuriamo le relazioni che sono parte integrante del processo, gettiamo i semi perché qualcosa vada storto. Voliamo di fronte al nostro stesso successo. Trascuriamo il nostro significato , il significato degli altri e il significato del processo.

"Il mio capo è un idiota", "Il mio capo mi odia", "Il mio capo ruba tutto il credito." Quante volte hai fatto o sentito affermazioni come queste? Tempo scaduto. Pensa a cosa stai dicendo, cosa significa veramente e come potrebbe influire su di te o sui tuoi colleghi di lavoro. Abbastanza vero, i capi hanno difetti e molti di loro sono significativi. D'altra parte, la maggior parte dei capi non sono i personaggi dai capelli a punta raffigurati nei cartoni di Dilbert. 2 Il più delle volte, si sono trasferiti nell'organizzazione per qualche buona ragione. Quindi, se il tuo capo viene licenziato a causa di difetti, potresti davvero tradirti per una possibilità di imparare e crescere.

Quando trascuriamo l'opportunità di avere momenti rispettosi e significativi con gli altri – sia sul lavoro sia nelle nostre vite personali – indeboliamo le nostre possibilità di successo a lungo termine. E quando prendiamo il tempo di coltivare le nostre relazioni, la definizione di successo si espande esponenzialmente. Le nostre vite quotidiane, da un minuto all'altro, diventano un successo in sé e per sé; i nostri successi specifici orientati all'obiettivo diventano più accessibili.

Pochi di noi, naturalmente, riescono a passare le nostre vite senza danni. Divorziamo; perdiamo il nostro lavoro, a volte dopo molti anni di servizio dedicato; la nostra salute ci impedisce in qualche modo; i nostri ragazzi ci mancano; ci manciamo l'un l'altro. La vita può essere piena di "fallimenti" come di successi. Tuttavia, nei nostri fallimenti, possiamo trovare un significato tremendo, e solo nel significato i nostri fallimenti hanno un'eredità utile.

Quando i nostri fallimenti diventano utili, trionfiamo su di loro. Invece di guidare con la nostra delusione e amarezza per una perdita del lavoro o una relazione persa, guidiamo con la nostra capacità di avere compassione e comprensione – per noi stessi e per gli altri. Quindi, nella nostra ricerca del nostro prossimo lavoro, della nostra prossima relazione, proiettiamo saggezza ed esperienza. Il nostro appello è aumentato e le nostre possibilità aumentano.

Il significato riposa nell'apprezzamento del momento, nella gratitudine, nella consapevolezza e nelle relazioni. Quando la nostra consapevolezza si concentra solo sul futuro o sul passato, perdiamo ogni connessione con l' ora , dove siamo, dove sono gli altri e dove è il significato. Quando non apprezziamo il presente, non apprezziamo il processo. Quando non siamo grati per il significato della nostra vita, in questo momento, non onoriamo noi stessi o gli altri.

Le nostre vite sono inerenti al significato, indipendentemente da come misuriamo il nostro successo. E anche quando raggiungiamo l'apice del successo professionale in qualche impresa, i sentimenti che derivano da tale successo sono fugaci. L'obiettivo è raggiunto-missione compiuta, e adesso? Improvvisamente c'è una sensazione di affondamento, il vuoto si insinua e ci chiediamo cosa significhi veramente tutto ciò. È tutto? Se abbiamo abbandonato i mezzi per la fine, allora la fine è davvero la fine!

Quando rimaniamo fedeli ai nostri valori fondamentali nelle nostre vite personali e lavorative, gettiamo le fondamenta del significato. Quando viviamo e lavoriamo nella consapevolezza del momento, rimaniamo connessi al significato. La nostra esistenza e l'esistenza di tutta la vita è un significato. Sta semplicemente aspettando di essere scoperto, sia che lavoriamo in un cantiere, in una panetteria, in una scuola superiore, in un cinema, in una multinazionale, in una discarica, in un ristorante, in un ufficio a casa o nella Casa Bianca. Non essendo "prigionieri dei nostri pensieri" e non lavorando contro noi stessi, diamo senso alla vita e al lavoro. 3

Solutions Collecting From Web of "Le buone intenzioni non bastano"