Le banche vogliono davvero i clienti?

Di solito prendevamo le banche come luoghi in cui depositare i nostri soldi e talvolta prendevamo in prestito denaro da loro. Ma recentemente sembra che le banche si siano stancate di quei compiti noiosi e non redditizi.

I lugubri tassi d'interesse che offrivano per i nostri risparmi non offrivano molta eccitazione competitiva. Il ruolo crescente che gli sportelli automatici robotici svolgono nelle nostre vite quotidiane non ha fornito relazioni con i consumatori. O forse hai avuto un frustrante incontro con un "Relationship Manager", cercando di venderti un "prodotto finanziario" di cui non avevi bisogno o che non volevi? Tutto ciò è in netto contrasto con l'esuberanza con cui le banche offrivano denaro a chi non aveva attività pochi anni fa, prestiti e mutui che potevano quindi cartolarizzare e vendere agli investitori. Dovevi chiederti in che affari pensavano di essere.

Tali pensieri si sono verificati di recente a Richard X. Bove, un noto analista di banca, che riflette sul servizio scadente ricevuto presso la sua banca locale: "il catering per i clienti può effettivamente distrarre dalla ricerca di fare soldi nel nuovo mondo della finanza . Ciò che conta davvero, ora crede, sta spingendo i prodotti e gestendo il rischio ".

"Sono colpito dal fatto che il servizio è così brutto, eppure la società è così buona", ha detto Mr. Bove. In altre parole, potresti considerare di investire in una banca che non vorresti mai proteggere. Come riportato nel New York Times, "Mr. Bove ha aggiornato la sua raccomandazione sul titolo Wells Fargo ad un acquisto lo scorso anno all'incirca nello stesso periodo in cui ha iniziato a spostare i suoi conti bancari personali in un vicino JPMorgan Chase. "

Ha concluso: "Qualunque cosa spinga le persone a fare affari con una determinata banca, nella mia mente, ora deve essere ripensata". E sembra che il pubblico sia d'accordo. Solo il 21% degli americani ha avuto fiducia nelle banche, secondo un recente sondaggio Gallop, "in calo di 2 punti percentuali rispetto a un anno prima e lontano dal 41% nel 2007 prima della crisi." (Vedi, "L'analista della banca non vede il payoff in un Focus orientato al cliente. ")

Ma forse le banche stesse stanno iniziando a vedere il problema. JPMorgan Chase ha appena riferito un piano per separare le sue operazioni di investimento e dei consumatori. Viene considerato, in parte, come un modo per prevenire disastrosi errori di investimento sulla scia della sua recente perdita di trading da sei miliardi di dollari. Ma è anche un modo per rafforzare il business dei consumatori.

A un certo livello, la ristrutturazione è un modo per "dimostrare che le operazioni bancarie plain vanilla sono interamente isolate dagli investimenti potenzialmente rischiosi della banca". Ma su un altro, hanno bisogno del reddito. Come ha detto un analista, "Banche come JPMorgan. . . non può dipendere dai profitti del trading. "(Vedi," Dopo Enorme Perdita, JPMorgan Riorganizza i Top Official. ")

Forse Mr. Bove sarebbe lieto di trovare banche sull'orlo di un'inversione di tendenza, riscoprendo il valore delle loro operazioni al dettaglio. Un analista di Barclays, commentando il calo dei profitti degli investimenti, lo ha messo più drammaticamente: "Queste società vivranno e muoiono per la loro capacità di servire i clienti".

Solutions Collecting From Web of "Le banche vogliono davvero i clienti?"