Le allergie alimentari auto-diagnosticate causano malnutrizione?

I test necessari per la conferma sono semplici …

Chiunque sia stato ospite di una cena o ospite negli ultimi anni riconoscerà il mangiatore che non può mangiare. O, più precisamente, chi deve scegliere e scegliere gli alimenti che possono essere mangiati con la cura di qualcuno che attraversa un campo di mucche. Una mia amica aveva come ospite una giovane donna con molteplici allergie alimentari reali (o immaginarie): glutine, latticini, pesce, tutti i tipi di frutta eccetto mandorle, frutta, cereali e patate. Secondo il mio amico, tutti gli ospiti si sono permessi di mangiare pollo, pollo e altro pollo.

“Spero che prendesse una pillola di vitamine,” fu la mia risposta, “e forse anche alcuni supplementi di calcio. La sua dieta sembra una tempesta perfetta per la malnutrizione. ”

Le carenze nutrizionali sono state rilevate da decenni tra le persone il cui stile di vita, lo status economico e (a volte) i limiti digestivi hanno gravemente limitato l’assunzione di cibo. La rivista del Sunday New York Times ha recentemente pubblicato un articolo su un paziente che ha sviluppato lo scorbuto per mancanza di vitamina C perché il reflusso gastrico gli ha causato l’eliminazione di tutti gli agrumi e altri frutti con un sostanziale contenuto di vitamina C. Le persone anziane possono perdere la capacità di assorbire la vitamina B12 nella loro circolazione e, di conseguenza nei casi più gravi, possono sviluppare deficit cognitivi. Altre carenze di vitamine come acido folico o folico, vitamina D e vitamina C possono anche essere inadeguate, specialmente tra coloro che vivono da soli e raramente preparano e mangiano pasti nutrizionalmente adeguati.

Possono anche verificarsi fattori di rischio per carenze nutrizionali (come l’invecchiamento o la chemioterapia prolungata con la conseguente incapacità di mangiare a causa di piaghe della bocca e nausea). Un amico che ha attraversato la chemioterapia ha sviluppato dolori alla bocca così gravi che ha avuto difficoltà a deglutire anche i pasti liquidi. Ha sviluppato un deficit di potassio e quasi morto. Ma solitamente si prevedono tali carenze nutrizionali. Ad esempio, i pazienti nei primi mesi dopo l’intervento chirurgico bariatrico che possono mangiare solo piccole quantità di cibo sono consigliati su come ottenere i nutrienti di cui hanno bisogno attraverso cibi liquidi fortificati e / o integratori.

La possibilità di carenze nutrizionali è anche probabile tra le persone che credono di avere allergie alimentari basate su ciò che leggono o sentono, piuttosto che i risultati di test standard di reazioni allergiche agli allergeni noti. Il domestico solo di pollo continuava ad aggiungere all’elenco di cibi che non avrebbe mangiato non a causa di allergie alimentari diagnosticate da un medico, ma basandosi sulle informazioni che aveva raccolto da Internet. Credeva di sentirsi meglio senza mangiare la lunga lista di cibi che lei chiamava “allergici”. Forse era vero; forse era un effetto placebo. Il modo standard per scoprirlo è testare le risposte allergiche e il test viene eseguito senza che il paziente sia a conoscenza di quale allergene viene testato.

La malnutrizione da allergie autodiagnostiche può sembrare fantasiosa, ma è una vera preoccupazione per i pediatri. I bambini possono sviluppare reazioni allergiche in giovane età, così come i bambini più grandi. Gli alimenti più comuni che provocano reazioni allergiche sono uova, latte, soia, frumento, arachidi, pesce e molluschi. Quando questi sono sospettati e confermati dai test, il medico è in grado di consigliare altre fonti dei nutrienti essenziali di cui il bambino ha bisogno. Per fortuna, ci sono prodotti nutrizionali sviluppati per garantire la normale crescita del bambino allergico. Ma secondo un articolo di Mehta, Groetch e Wang, i medici stanno assistendo ad un aumento dei casi di genitori che diagnosticano allergie nei loro figli stessi senza conferma da test allergenici. Le diete di questi bambini diventano carenti di nutrizione e causano il mancato sviluppo, insieme a malattie come il rachitismo, a causa della mancanza di vitamine e minerali essenziali.

Gli autori citano la loro preoccupazione, ad esempio, sul modo in cui i bambini assumono abbastanza calorie e vitamine essenziali se i genitori decidono che il loro bambino ha un’allergia al grano o al glutine. I carboidrati complessi dovrebbero fornire circa la metà delle calorie necessarie al bambino ogni giorno per l’energia. La rimozione di tutti i cereali non solo riduce l’apporto energetico, ma diminuisce anche l’apporto di sostanze nutritive essenziali come tiamina, niacina, riboflavina, ferro e acido folico. Ovviamente, se un medico rileva l’allergia, saranno raccomandate altre fonti di nutrienti e calorie. Ma i genitori decidono da soli di eliminare i cereali, ad esempio, abbastanza informati da assicurarsi che il loro bambino abbia abbastanza calorie e sostanze nutritive?

Fortunatamente, i bambini che vanno a scuola devono avere contatti con un medico su base annuale, o almeno prima di iniziare la scuola, quindi si possono notare carenze nutrizionali e il loro effetto sulla crescita in quel momento.

Ma qualcuno sta monitorando lo stato nutrizionale degli adulti giovani e anziani che diagnosticano autonomamente le loro allergie alimentari? Se questa giovane donna viene vista annualmente per un controllo di benessere, le si può chiedere cosa mangia e anche sulle sue allergie alimentari. Sarebbe quindi stata indirizzata a un dietologo per sviluppare una dieta nutrizionalmente adeguata intorno alle limitate scelte alimentari che il paziente si permette? Le conseguenze a lungo termine di evitare i cibi che ci viene detto di mangiare come fonte di una miriade di sostanze nutritive la richiesta del nostro corpo le sarà indicata? O potrebbe finire nelle pagine di un articolo medico della rivista della domenica a causa di una carenza nutrizionale interessante?

Per lo meno, a qualcuno che afferma di avere diverse allergie dovrebbe essere data l’opportunità di sottoporsi a test standard per le reazioni allergiche. Il test non solo rivelerà quali allergie ha, ma quali potrebbero essere pericolose e quali potrebbero essere tollerabili.

Riferimenti

(“Crescita e preoccupazioni nutrizionali nei bambini con allergia alimentare”, Mehta, H., Groetch, M., Wang, J., Curr Opin Allergy Clin Immunol 2013; 13: 275-279)

Solutions Collecting From Web of "Le allergie alimentari auto-diagnosticate causano malnutrizione?"