Le 3 principali sfide alla leadership per il 2016 e oltre

Mentre partecipavo alla conferenza della International Leadership Association, ho ascoltato un breve discorso di Larraine Matusak, che ha ricevuto il premio alla carriera della ILA per il suo lavoro alla Fondazione Kellogg e una vita di promozione di una buona leadership. Ha menzionato 3 principali sfide di leadership che non sono attualmente affrontate dagli studiosi di leadership, né dai leader mondiali. Mentre ascoltavo, mi resi conto che aveva colpito il chiodo sulla testa. Queste tre cose ci stanno trattenendo dal realizzare un mondo migliore e una vita migliore per tutti.

Avidità. Non penso che ci rendiamo conto di quanto sia perenne l'avidità o di come ci impedisca di ottenere cose buone. Ad esempio, Larraine ha detto: "Non ci sono catene che ci legano e ci impediscono di mantenere la pace più che l'avidità". E ha ragione. L'avidità associata alla lussuria del mondo per il petrolio, ha portato a guerre e disordini in Medio Oriente e altrove. L'avidità che ha portato all'accumulo di grandi ricchezze e profitti a spese della classe operaia e dell'ambiente ha portato all'enorme divario di reddito tra ricchi e poveri e ha contribuito alla nostra più grande minaccia: il riscaldamento globale.

Questa è un'importante sfida alla leadership: come combattere l'avidità quando è parte così radicata della nostra natura umana? Non vedo studiosi di leadership o leader mondiali che prestino molta attenzione a combattere l'avidità.

Rabbia e odio. Matusak ha citato il superamento della rabbia e dell'odio come seconda sfida alla leadership, ma vorrei aggiungere paura. Questi tre: rabbia, odio e paura sono pericolose emozioni umane e devono essere tenuti sotto controllo. È fondamentale per i nostri leader aiutare a controllare la rabbia, l'odio e la paura. Ma quello che vedo sono i leader mondiali e gli aspiranti leader, che usano la rabbia, l'odio e la paura in un modo molto pericoloso. Ho scritto prima del processo psicologico di base dell'effetto noi-loro. I leader mondiali, nel tentativo di promuovere l'unità e di motivare i loro seguaci, usano gli altri – altre nazioni, etnie, religioni – per stimolare emozioni di rabbia e paura. Considera i candidati presidenziali repubblicani che promuovono la rabbia e la paura nei confronti dei rifugiati siriani, o dei musulmani, o di nome-tuo, nel tentativo di innescare il sentimento di noi stessi, che ottiene loro la lealtà e il sostegno emotivo dei seguaci, ma al prezzo di odio, discriminazione e potenziale violenza contro persone che sono diverse da "noi".

Come possono i leader superare queste pericolose emozioni negative? Ci vuole l'uso di altre emozioni: empatia, compassione e gentilezza. La sfida della leadership non è quella di intraprendere il facile percorso di "divisione e conquista" attraverso la rabbia, l'odio e la paura, ma intraprendere il percorso positivo di accettare le differenze e realizzare la nostra comune umanità.

Ignoranza. Larraine Matusak ha menzionato l'ignoranza come la terza sfida della leadership, ed è la crescente ignoranza di gran parte della popolazione mondiale che ci impedisce di realizzare i pericolosi effetti dell'avidità e dell'odio. Quando i regimi oppressivi salgono al potere, la prima cosa che fanno è attaccare l'educazione e promuovere l'ignoranza. I leader malvagi cercano di mantenere i loro elettori ignoranti e disinformati, attraverso la censura e gli attacchi all'intellettualismo e all'istruzione aperta. Una stampa libera e aperta, ad esempio, si sforza di verificare i fatti, non accetta ciecamente ciò che i dirigenti ci dicono. La comunità scientifica utilizza i dati per cercare di trovare soluzioni a problemi globali. I buoni leader promuovono l'educazione, l'illuminazione e si impegnano in una comunicazione aperta e autentica. I cattivi leader attaccano l'istruzione, la scienza e si sforzano di tenere la popolazione al buio.

Insomma, la natura umana ha sia il bene che il male. Il nostro desiderio di ottenere risorse può portare ad avidità sfrenata, ma possiamo anche essere compassionevoli e aiutare gli altri condividendo risorse. Possiamo cedere alle emozioni negative che ci causano odiare e attaccare gli altri che sono diversi, oppure possiamo abbracciare le differenze e i nostri simili. Possiamo crogiolarvi in ​​un'ignoranza "beata", o prendere la dura strada di educare noi stessi nello sforzo di migliorare la nostra condizione umana. Larraine Matusak ha ragione. Le sfide che i nostri leader (e noi) affrontano sono formidabili, ma fanno parte della nostra natura umana profondamente radicata.

Seguimi su Twitter:

http://twitter.com/#!/ronriggio

Ascolta il discorso di accettazione di Larraine qui.

Ecco di più sulla psicologia della leadership buona e cattiva.

Solutions Collecting From Web of "Le 3 principali sfide alla leadership per il 2016 e oltre"