Le 3 parole che devi smettere di dire

L'affermazione "Non mi interessa" è diventata una comune non risposta a quasi ogni tipo di domanda: dove o cosa mangiare, cosa guardare in televisione o dove andare in vacanza. In molti casi, "Non mi interessa", significa davvero "Non ho un'opinione", con l'implicazione implicita, "Decidi tu."

"Non mi interessa" può anche significare: "Non ho interessi o investimenti nella domanda o nella situazione". E c'è tutta una serie di situazioni in cui sinceramente non mi interessa, e dove quell'atteggiamento è moralmente neutro. Non mi interessa, ad esempio, se la squadra locale di baseball faccia i playoff.

Tuttavia, sto iniziando a temere che la risposta "Non mi interessa" si stia espandendo in più aree della vita, specialmente dove dovremmo tutti avere una cura, preoccupazione o interesse morale. Quando gli individui e le istituzioni veramente non se ne preoccupano, i risultati possono essere apatia morale, insensibilità morale e infine indifferenza morale. L'apatia e l'insensibilità sono stadi sulla via dell'indifferenza, che è uno degli orientamenti più pericolosi e devastanti del mondo.

L'apatia morale è generalmente considerata una mancanza di motivazione o di grinta per realizzare determinati obiettivi. Qualcuno che dimostra apatia può essere considerato pigro o semplicemente disimpegnato, ma una persona può essere apatica nei confronti di una serie di obiettivi o circostanze mentre è completamente dedita agli altri. L'apatia tende ad essere localizzata e confinata ma può penetrare in altre aree della vita. Agire in modo apatico può diventare un'abitudine, come direbbe Aristotele, e si può passare dall'apaticarsi all'apatica.

La dipendenza, ad esempio, può essere sia una causa che una conseguenza dell'apatia. Molte persone le cui dipendenze diventano più gravi tendono a perdere le loro motivazioni in altre parti della loro vita, inclusa qualsiasi motivazione a smettere di usare.

L'insensibilità morale è una sorta di insensibilità alla cura, alla preoccupazione, ai bisogni o al benessere degli altri. L'insensibilità ha spesso un forte sottofondo di egoismo; uno mette il suo interesse personale davanti agli interessi degli altri. Anche qui, potrebbe esserci una progressione. Immanuel Kant (1724-1804) sostenne che tutte le persone hanno il dovere di aiutare alcuni altri in alcune occasioni. Quando la propria definizione di "alcuni altri" e "alcune volte" si restringe, una persona diventa più insensibile, più riluttante ad agire in modi che soddisfano i bisogni degli altri, pur riconoscendo quei bisogni. In una forma più estrema, una persona moralmente insensibile incolperà gli altri per avere bisogni o essere in circostanze che richiedono aiuto.

Alcune persone possono diventare moralmente insensibili a se stesse. Questi sono casi in cui una persona sottovaluta le proprie preoccupazioni e interessi che non si considera una posizione morale. Potrebbe pensare a se stessa che i suoi interessi non contano perché sono suoi . Oppure può ritenersi debole o dipendente, o qualche altro duro giudizio, per avere questi bisogni e richiedere l'aiuto degli altri. Questo è un tipo speciale di insensibilità morale.

Un'istituzione può essere moralmente insensibile. Le università, ad esempio, hanno da tempo riconosciuto l'ubiquità degli assalti sessuali nei campus. Assegnare poche risorse ai programmi di educazione alla prevenzione e ai servizi per i sopravvissuti; fare pressione sugli studenti per non andare alla polizia; e operando con sistemi di condotta studentesca terribilmente mal equipaggiati per affrontare casi di violenza sessuale tutti dimostrano insensibilità istituzionale . Una scuola può essere più preoccupata di evitare cattive pubblicità che con i diritti della vittima, o del caso, l'autore accusato. Alcuni individui all'interno di un college possono essere premurosi e compassionevoli, ma domina l'insensibilità dell'istituzione .

La cattiva notizia è che le persone possono diventare sempre più apatiche e insensibili. La buona notizia è che le persone possono anche diventare meno apatiche e insensibili. Per una serie di ragioni, si può essere motivati ​​a fare cambiamenti positivi; lo vediamo sempre quando qualcuno smette di usare alcol e droghe o ha qualche esperienza che trapassa il guscio indurito che l'insensibilità crea. E un'esperienza può creare una crepa che porta a più crepe. La compassione può sostituire l'insensibilità, che può motivare le persone ad agire in modi che tendono alla cura degli altri o di se stessi.

L'indifferenza morale, la combinazione potente e devastante delle peggiori forme di apatia morale e insensibilità morale, appartiene alla sua stessa categoria, perché a differenza degli altri, non ammette gradi. Questo è ciò che lo rende così pericoloso.

L'indifferenza morale è la completa assenza o il silenzio delle emozioni morali. Senza questi sentimenti o emozioni morali, i nostri sistemi morali non possono esistere. David Hume (1724-1776) afferma che la ragione da sola non può essere la base per i nostri sistemi morali. Non è contrario alla ragione, sottolinea Hume, preferire la distruzione di tutto il mondo per graffiarmi il dito. Ammette anche che la scelta della propria rovina totale non è contraria alla ragione. Quindi cosa lo rende moralmente preoccupante? Le nostre emozioni e sentimenti morali. Hume afferma che la ragione dovrebbe essere schiava dei sentimenti, ma io credo che l'influenza sia reciproca. Abbiamo bisogno che le nostre emozioni morali siano modellate dalla nostra ragione, e la nostra ragione deve essere mitigata dalle nostre emozioni morali.

Ma come ho scritto in un post precedente, il nostro palato di emozioni morali sembra ridursi e prestiamo scarsa attenzione allo sviluppo morale. Le emozioni che sono più altre che riguardano sono soppiantate da emozioni più ristrette e più egoistiche . Quando sempre più persone tendono a capire se stessi per non avere un investimento o una partecipazione al benessere degli altri, diventa più facile e più conveniente ignorare intenzionalmente intere categorie di persone – persone, animali, l'ambiente – con bisogni e aspettative legittime.

Quando una persona diventa incapace di coltivare emozioni morali e riconosce i bisogni degli altri, diventa moralmente indifferente. Non c'è motivazione per aiutare gli altri (apatia) e c'è un assoluto disprezzo degli interessi e delle preoccupazioni degli altri (insensibilità).

Monkey Business Images/Shutterstock
Fonte: Monkey Business Images / Shutterstock

L'indifferenza morale può anche esistere ai livelli delle organizzazioni e degli organismi sociali più ampi. Ad esempio, la National Football League dimostra indubbiamente l'indifferenza morale. Sembra abbastanza ovvio che la lega abbia conosciuto per anni gli effetti a lungo termine di ferite alla testa e commozioni cerebrali. Eppure, come l'industria del tabacco, ha rifiutato di ammettere qualsiasi colpevolezza o di assumere una responsabilità proattiva. Solo di fronte a molteplici azioni legali ha fatto qualsiasi tentativo di fornire un supporto adeguato ai suoi giocatori in pensione.

Sembra esserci più di un soffio di indifferenza nell'atteggiamento di "I giocatori conoscevano i rischi e hanno scelto liberamente di partecipare". In un certo senso, questo è vero. Ma quando i medici di squadra sembrano essere stati complici nel chiarire i giocatori che mostravano ancora i sintomi, l'accordo sembra fissato in anticipo e, a un certo livello, i giocatori non sono visti come persone ma piuttosto pezzi rotti di un gioco da tavolo.

Non è contrario alla ragione preferire miliardi di dollari di profitti alla prevenzione e al trattamento di gravi ferite alla testa. Ma è contrario a molti valori morali .

Il vincitore del premio Nobel e sopravvissuto all'olocausto Elie Wiesel ha detto, "L'opposto dell'amore non è l'odio, è l'indifferenza. L'opposto dell'arte non è la bruttezza, è l'indifferenza. L'opposto della fede non è l'eresia, è l'indifferenza. E il contrario della vita non è la morte, è l'indifferenza ".

L'indifferenza morale è l'evacuazione delle emozioni morali, che rende possibili le azioni più devastanti.

Solutions Collecting From Web of "Le 3 parole che devi smettere di dire"