Le 12 disfunzioni di un imprenditore

1. Mancata evoluzione.

I mercati cambiano nel tempo. Le esigenze delle persone cambiano nel tempo. Uno dei maggiori problemi che vedo con gli imprenditori e le piccole imprese è che avviano il business basandosi su un'unica soluzione, o una serie di soluzioni, prodotti o servizi, che soddisfano una particolare necessità o punto critico in un mercato, e possono essere farlo molto bene in quel momento.

Ma nel tempo i mercati evolvono, le esigenze evolvono, i punti di dolore si evolvono e tutto cambia. Troppo spesso, le persone che forniscono soluzioni per quei mercati non continuano ad evolversi con i mercati e rimangono un divario sempre più grande tra la necessità e il punto dolente del mercato e il prodotto, il servizio o la soluzione che stai fornendo. Aggiungi un drastico cambiamento nell'economia più grande e la velocità con cui queste aperture si aprono cresce esponenzialmente, così come la larghezza e la profondità degli spazi vuoti.

La risposta qui è di tenere il dito molto vicino al punto in cui i punti di dolore sono attualmente sul mercato e in che modo sono cambiati da quando hai iniziato la tua attività. Crea meccanismi di check-in regolari per vedere se le tue soluzioni attuali sono guidate più dall'ego o dal desiderio di non sopportare l'ansia del cambiamento o un bisogno continuo nel mercato. Quindi usa queste informazioni per cambiare la natura delle soluzioni che stai fornendo, se necessario, per mantenerle pertinenti e potenti quanto umanamente possibili.

2. Percepire ricerca e sviluppo e marketing come funzioni separate.

Molto spesso le persone iniziano un'attività creando una sorta di prodotto, servizio o soluzione e poi si girano e fanno la domanda: "Come posso commercializzare questo?" La verità è che la creazione e il marketing di prodotti sono due punti sullo stesso continuum. Più è notevole, più è potente, più efficace è la tua soluzione, meno devi poi girarti e dire "Che cosa devo fare per pubblicizzare questo?"

Costruire su rimarcabilità e piacere è il modo più potente per commercializzare un prodotto.

Perché, quando li abbassi, le persone non possono tacere su come ciò che hai creato spazzi le loro menti su base giornaliera. Il fatto è che questi elementi vengono coltivati ​​al momento della creazione, non come un ripensamento per il prodotto. Concentra le tue energie su come rendere qualcosa di straordinario e deliziare i potenziali acquirenti al momento della creazione e renderà il tuo marketing molto più semplice. In effetti, potrebbe persino trasformarlo in un ripensamento.

    3. Mancata comprensione dell'importanza della cultura.

    Molte aziende continuano a pensare: "Se creo una soluzione che prende completamente a calci il culo, che risolve un problema nel mercato, è tutto ciò che devo fare". Se la tua soluzione è in grado di essere fornita solo da una persona o completamente prodotto e realizzato come un business scaricabile online, che potrebbe in realtà essere vero.

    Ma se pensi di far crescere un'azienda – una società con persone – le interrelazioni tra te e quelle persone e tra loro, diventa fondamentale. Devi concentrarti su quale tipo di cultura vuoi costruire all'interno della tua organizzazione. Allo stesso modo Tony Hsieh si è concentrato sulla cultura come forza trainante nella costruzione di Zappos. La cultura diventa il motore principale del successo della tua azienda e, se non è costruita correttamente, fallisce.

    4. Over-working e under-thinking.

    Molto spesso c'è un'etica negli affari che dice che devi impiegare un sacco di ore per portare a termine il lavoro. In effetti, lavorare duramente è praticamente una parte importante di qualsiasi impresa importante, soprattutto nei primissimi giorni del lancio e dei primi due anni.

    Ma molte volte le soluzioni più grandi, le più grandi scoperte, le innovazioni più rilevanti e d'impatto non arrivano quando lavori, ma quando lavori duramente e poi ti allontani e concedi tempo per la contemplazione e per le scoperte. Quando costruisci un'impresa, piuttosto che concentrarti su quante ore puoi mettere, fai un passo indietro e incoraggia davvero – non solo nel modo in cui ti comporti ma nel modo in cui i tuoi dipendenti si comportano – tempo per il pensiero puro, tempo per la contemplazione , tempo di rimuoverti dall'ambientazione e dalla natura del lavoro e lasciare che le rivelazioni più grandi semplicemente si gonfino.

    5. Continuando a farlo per troppo tempo.

    Molto spesso un'azienda inizia in base alla forza di volontà pura e alla forza e all'energia di una persona o di un piccolo gruppo di persone. Finché tutte le attività che devono essere eseguite possono essere gestite da quella persona o squadra, l'azienda continua ad andare avanti. Ma inevitabilmente, mentre scala, raggiungi un punto in cui quelle persone non possono più umanamente lavorare.

    E se la società continuerà a crescere nel modo in cui è in grado di crescere, dovrà basarsi su un insieme più ampio e più sistematico di linee guida a cui altre persone possono quindi essere esposte, adottare e quindi toccare, al fine di far crescere il business in modo più sistematico. Una volta raggiunto il punto critico critico in cui la forza di volontà non porterà più il business, diventa di fondamentale importanza disporre di sistemi ben congegnati per costruire la propria attività da quel momento in avanti.

    6. Giocare prevenire offesa.

    Una delle cose più importanti che tende ad accadere negli affari è che iniziano in una sorta di approccio visionario, aggressivo, innovativo e poi, una volta che l'azienda inizia a entrare, la mentalità si sposta a pensare a come preservare le vittorie oi guadagni che sono già stati realizzati, piuttosto che concentrarsi su innovare e deliziare costantemente i clienti esistenti e nuovi al livello che non si sarebbero mai aspettati.

    Questo è chiamato "giocare il gioco con un attacco di prevenzione". Invece di cercare di vincere e deliziare costantemente, stai costantemente cercando di non rinunciare a ciò che hai già guadagnato. E, nel mondo degli affari e dell'imprenditoria, è praticamente la via più veloce per fallire.

    Le attività imprenditoriali non possono sopravvivere con l'obiettivo principale di mantenere ciò che hai. L'attenzione deve essere consistente nel continuare a deliziare e sorprendere i clienti che hai già mantenuto, ma anche avanzare in modo aggressivo, innovare e spingere per portare quel livello di servizio al livello successivo e continuare a guidare il mercato. A volte questo significa che è un posto scomodo in cui stare, ma è un posto molto migliore in cui starsene seduti e sperare e pregare di non perdere un cliente.

    7. Controllo dell'accaparramento.

    Questo mi colpisce vicino a casa perché sono un po 'un maniaco del controllo. Come imprenditore, e la maggior parte degli imprenditori che conosco sono maniaci del controllo, abbiamo molti problemi a dare via il controllo e il potere. Ma quando accumuli controllo non limiti solo la capacità di scalare la tua attività, ma inavvertitamente sminuisci le persone che hai portato nella tua organizzazione perché anche se non è evidente, quello che stai dicendo è "Ti ho portato qui , Ti ho detto che mi fido di te. Ti ho detto che ti riterrò responsabile della mia visione e dei miei obiettivi di crescita, ma non mi fido di pensare, di creare, di innovare e di eseguire ".

    Quando invii quel messaggio alle persone che lavorano intorno a te e con te, uccidi la loro volontà e crei una cultura di antipatia e sfiducia. Pertanto, diventa davvero importante fare un controllo regolare e prendere dei rischi. Consenti a te stesso di sentirti a disagio come leader in una piccola impresa. Assumi persone straordinarie e dale controllo. Tenerli responsabili di un particolare risultato, ma dare loro la capacità di agire, di eseguire, di creare e mostrarti di cosa sono capaci.

    8. Incentivare l'innovazione con una carota e un bastone.

    Nel recente libro di Dan Pink, Drive, rivela alcune ricerche affascinanti che hanno dimostrato che per compiti meccanici molto semplici, rogue, la tradizionale carota e il bastone – nel senso che, se fai X, ti darò Y e se lo farai anche X meglio ti darò ancora di più Tendi a lavorare abbastanza bene come sistema motivazionale.

    Ma non appena si introducono attività più complesse, più creative o orientate all'innovazione, la tradizionale motivazione alla carota e al bastone non solo non funziona, ma disincentiva letteralmente il comportamento che naturalmente sarebbe stato incentivato semplicemente dall'opportunità fare qualcosa di molto bello Quindi, quando arriva il momento di capire come motivare quei tipi di attività nella tua organizzazione, fai un passo indietro e invece di offrire denaro o particolari cose tangibili come motivazione, pensa a come puoi facilitare la padronanza. Come puoi consentire alle persone di muoversi in modo più aggressivo verso la padronanza di qualcosa a cui sono già intrinsecamente attratti e che diventa il fattore di motivazione più potente che puoi avere per le persone all'interno della tua organizzazione.

    9. Concentrarsi sulle ore sui risultati .

    Una delle più grandi lamentele di molte persone che conosco che lavorano per i capi, è un focus su ciò che si chiamava "face time". Dovevi stare in un posto per un determinato periodo di tempo, dovevi partecipare incontri perché è proprio così. Dovevi spingere una certa quantità di documenti, perché così era – questi erano i processi. Nel frattempo, tutte queste azioni venivano intraprese, venivano organizzate riunioni e gli orologi venivano punzonati, ma i risultati non venivano raggiunti.

    Un modo molto più efficace per far crescere un'organizzazione è permettere alle persone una certa libertà. Consenti tempo flessibile. Essere in ufficio per un determinato numero di ore, essere visti in un ufficio, non è rilevante se i risultati non arrivano. Concentrati sui risultati. Incarica le persone con obiettivi significativi per loro. Fornisci loro le risorse necessarie per raggiungere questi obiettivi e poi, fai un passo indietro e come abbiamo già detto al punto 4, dì alla gente "Mi fido che tu lo faccia per questa data specifica. Come e quando lo fai dipende da te. "

    Non solo le persone si sentiranno autorizzate da quel livello di libertà e fiducia, ma le troverai a lavorarci su in diverse parti del giorno in modi diversi che meglio si adattano alla loro vita. Diventeranno dipendenti molto più felici perché hanno una situazione lavorativa in cui possono avvolgere in modo più efficace le loro vite e il loro stile di vita. Alla fine, non ci interessa davvero se qualcosa è in determinate ore. Quello che ci interessa davvero è che è fatto bene e in tempo.

    10. Sottovalutare il margine di piacere.

    Le persone sono creature abitudinarie. Ci vuole un cambiamento quasi sismico per farli cambiare routine. Anche se la routine in cui si trovano o la soluzione che stanno attualmente utilizzando è sub-par. Anche se ne lamentano ogni volta che lo usano. "Meglio il diavolo che conoscono", immaginano. Ciò significa che se speri di trasferire qualcuno da un concorrente a te, il tuo prodotto, servizio o soluzione non deve essere migliore del 5% o del 10%, ma da 5 a 10 volte migliore.

    Ci vuole tanta energia, molta differenza per far muovere qualcuno a fare realmente qualcosa. Il fatto è che, se hanno già intrapreso un'azione e si sono impegnati in una soluzione competitiva, probabilmente è necessario dilagare da 5 a 10 volte fino a un valore compreso tra 20 e 30 volte meglio per allontanarli da una soluzione competitiva a lungo termine.

    11. Dimenticare il divertimento.

    La maggior parte delle piccole imprese viene lanciata, almeno in parte, in una ricerca per scoprire poi il mio punto debole tra una nicchia economica praticabile e alcuni prodotti, servizi, attività o soluzioni che in qualche modo generano gioia nel fondatore. Quindi, persone come Tony Hawk costruiscono un impero economico attorno alla gioia dell'attività che amano. All'inizio è divertente. C'è energia per il lancio che fa sentire tutti. Ma, spesso, nel tempo, quel senso di divertimento inizia ad evaporare e l'attenzione si concentra su efficienza, produzione, sistematizzazione, ridimensionamento e crescita.

    Questi sono tutti elementi critici. Ma succede una cosa divertente quando invece di essere "aggiunti" a un senso di divertimento, scopo e gioia, "sostituiscono" quelle cose … l'energia della compagnia inizia a tankare, crash di umore, cadute di produttività, crateri del morale e insieme a quello va crescita e successo.

    Nel mondo degli affari e nella vita, il divertimento conta!

    La vera gioia in quello che stai facendo è importante. Infonde e influenza ogni aspetto della tua attività. Forse non può essere lì ogni momento di ogni ora lavorativa. Non mi piaceva particolarmente pulire i bagni nei primi tempi di possedere uno studio di yoga. Ma è stato un piccolo sbaglio su uno schermo radar più grande e più gioioso. Fai quello che puoi per preservare il più senso di gioia e gioia possibile per coloro che aiutano a costruire il tuo business. Quando lo fai, non solo avrai un momento migliore, lo saranno anche i tuoi dipendenti. E questo si diffonderà anche in tutti i punti di contatto con i tuoi clienti.

    12. Liberare il tuo corpo e la tua mente. Anche se ami quello che fai, iniziare e far crescere un'attività include un sacco di stress e incertezza. Non c'è modo di eliminarli. Ma è fondamentale che tu sviluppi pratiche che ti consentano di muoverle senza perdere la testa e guardare il tuo corpo decomporsi. Ciò significa, che piaccia o no, una sorta di movimento quotidiano o esercizio fisico e qualche forma di allenamento attitudinale / mentale non sono importanti solo nella tua ricerca per rimanere concentrato, in forma e capace di sopportare lo stress dell'imprenditorialità, sono obbligatori.

    Jonathan Fields è l'autore di Career Renegade: Come fare una grande vita facendo ciò che ami. Scrive e parla di un lavoro significativo, essendo un imprenditore dello stile di vita e della creatività presso JonathanFields.com ed è un utente esperto di Twitter all'indirizzo @jonathanfields

    Solutions Collecting From Web of "Le 12 disfunzioni di un imprenditore"