Le 10 domande che possono aiutare a identificare i bevitori problematici

VGstockstudio/Shutterstock
Fonte: VGstockstudio / Shutterstock

Circa la metà di coloro che si trovano nel pronto soccorso a seguito di un incidente o infortunio hanno qualcosa in comune: l'alcol è nel loro sistema. Di quel gruppo, circa il 10% tornerà nello stesso ospedale entro l'anno che soffre di più traumi.

Ciò che il dottore dell'ER che tratta la persona ferita non sempre sa, tuttavia, è se l'uso di alcol è regolare ed eccessivo, un segnale che c'è un serio problema di alcol.

Questo è fondamentale per scoprirlo. La ricerca mostra che identificare i bevitori ad alto rischio e passare il tempo a spiegare loro i pericoli dell'uso di alcol, la loro responsabilità per il cambiamento e le opzioni di trattamento disponibili possono ridurre le visite future ai traumi di quasi la metà.

I team ER hanno tradizionalmente fatto affidamento su analisi del sangue per dire loro quali pazienti hanno alcol nei loro sistemi e potrebbero aver bisogno di tale intervento. L'alcol viene suddiviso rapidamente dall'organismo, quindi un singolo test alcolico eseguito ore dopo un incidente spesso lo mancherà. Inoltre, non è possibile distinguere tra chi ha bevuto due birre a un picnic da qualcuno che è intossicato per tutto il tempo. L'alcol nel sangue mette alla prova la corda in alcuni che non hanno bisogno di aiuto e sbaglia gli altri che lo fanno. Un'alternativa è del 20% più efficace, secondo un nuovo studio dei ricercatori del Loyola University Medical Center: un semplice questionario in 10 punti sviluppato decenni fa dall'Organizzazione Mondiale della Sanità ma che è stato perfezionato più volte nel corso degli anni.

Il test dell'alcolismo

Il questionario chiamato Alcohol Use Disorders Identification Test, o AUDIT, il questionario si azzera rapidamente non solo sulla frequenza del consumo di alcolici di una persona, ma sui suoi sentimenti in merito, ed è stato dimostrato essere una misura accurata del rischio di bere attraverso le età, i sessi, e culture.

Mi chiedo come faresti con questo test? Porsi le 10 domande AUDIT e sommare i numeri accanto alle tue risposte:

1. Quanto spesso hai un drink contenente alcol?

(0) Mai

(1) Mensile o meno

(2) da 2 a 4 volte al mese

(3) 2 o 3 volte a settimana

(4) 4 o più volte a settimana

2. Quante bevande contengono alcool in un giorno tipico quando bevi?

(0) 1 o 2

(1) 3 o 4

(2) 5 o 6

(3) 7, 8 o 9

(4) 10 o più

3. Quante volte hai sei o più drink in una occasione?

(0) Mai

(1) Meno del mensile

(2) Mensile

(3) Settimanale

(4) Quotidiano o quasi giornaliero

Nota: se il totale delle domande 2 e 3 è pari a zero, passa alle domande 9 e 10.

4. Quanto spesso durante l'ultimo anno hai scoperto che non sei riuscito a smettere di bere una volta iniziato?

(0) Mai

(1) Meno del mensile

(2) Mensile

(3) Settimanale

(4) Quotidiano o quasi giornaliero

5. Quanto spesso durante l'ultimo anno hai mancato di fare ciò che normalmente ti aspettavi a causa del bere?

(0) Mai

(1) Meno del mensile

(2) Mensile

(3) Settimanale

(4) Quotidiano o quasi giornaliero

6. Con quale frequenza durante l'ultimo anno hai avuto bisogno di un primo drink al mattino per farti andare dopo una sessione di bevute pesanti?

(0) Mai

(1) Meno del mensile

(2) Mensile

(3) Settimanale

(4) Quotidiano o quasi giornaliero

7. Quante volte nell'ultimo anno hai avuto un senso di colpa o rimorso dopo aver bevuto?

(0) Mai

(1) Meno del mensile

(2) Mensile

(3) Settimanale

(4) Quotidiano o quasi giornaliero

8. Quanto spesso durante l'ultimo anno non sei stato in grado di ricordare cosa è successo la sera prima perché hai bevuto?

(0) Mai

(1) Meno del mensile

(2) Mensile

(3) Settimanale

(4) Quotidiano o quasi giornaliero

9. Sei tu o qualcun altro stato ferito a causa del tuo bere?

(0) No

(2) Sì, ma non nell'ultimo anno

(4) Sì, durante l'ultimo anno

10. Un parente o un amico o un dottore o un altro operatore sanitario sono preoccupati per il tuo consumo o ti hanno suggerito di abbatterlo?

(0) No

(2) Sì, ma non nell'ultimo anno

(4) Sì, durante l'ultimo anno

Che cosa significa il tuo punteggio

Un punteggio di otto o superiore indica il rischio di bere pericoloso e dannoso, e più alto è il punteggio, maggiore è il potenziale pericolo. È importante ricordare, tuttavia, che un singolo numero non può raccontare l'intera storia. Il sesso, l'età, il peso e il metabolismo di una persona hanno un ruolo nel modo in cui il corpo gestisce l'alcol. Devono essere considerate anche le norme culturali riguardanti il ​​bere. Anche così, la scala AUDIT è stata utilizzata in tutto il mondo per studiare e trattare i disturbi dell'alcol, ed è corretta molto più spesso che no.

Riconoscendo tali limiti, AUDIT raccomanda queste linee guida:

  • Coloro che ottengono un punteggio di 8-15 devono essere considerati con un livello medio di problemi di alcol. In ambito clinico, sarebbe opportuno un semplice intervento che offra consigli sulla riduzione del consumo di bevande pericolose.
  • Coloro che totalizzano 16-19 hanno un alto livello di problemi di alcol. Beneficerebbero della consulenza e del monitoraggio continuo.
  • Coloro che ottengono un punteggio uguale o superiore a 20 non dovrebbero ritardare l'ottenimento di una valutazione diagnostica completa da parte di uno specialista che possa raccomandare un trattamento per la possibile dipendenza da alcol.

I ricercatori che hanno studiato l'uso dell'audit nelle stanze di emergenza vedono l'intervento che ispira come vitale per ottenere alle persone l'aiuto di cui hanno bisogno e nel ridurre i costi dell'assistenza sanitaria che riguardano le visite ripetute in ospedale. Tutti noi, tuttavia, possiamo beneficiare della conoscenza del nostro numero di AUDIT. È lontano da una scienza esatta, ma può mostrarci dove siamo ed essere un motivatore per un comportamento più sano. In una società in cui il bere svolge un ruolo così importante, può essere facile dimenticare che le linee guida raccomandate sono solo un drink al giorno per le donne e due per gli uomini.

Se il tuo conto ti preoccupa, tieni a mente alcune cose:

  • L'aiuto è disponibile
  • Il cambiamento è possibile
  • Ponendoti le domande difficili ora, rendi meno probabile che ti troverai a farlo in un pronto soccorso un giorno.

David Sack, MD, è uno psichiatra, blogger di dipendenze e CEO di Elements Behavioral Health, una rete nazionale di programmi di trattamento della tossicodipendenza che include i centri di guarigione degli alcol negli Utah e il centro per il trattamento dell'alcol di Clarity Way in Pennsylvania.

Solutions Collecting From Web of "Le 10 domande che possono aiutare a identificare i bevitori problematici"