L'azione crea emozione

Nell'estate del 1971, un gruppo di ricercatori guidati dal professore di psicologia Phillips Zimbardo divise a caso un gruppo di studenti universitari in due gruppi, prigionieri e guardie carcerarie, e fece in modo che essi recitassero i loro rispettivi ruoli in una finta prigione nel seminterrato del Edificio della psicologia di Stanford.

In pochi giorni, le guardie hanno iniziato a mostrare atteggiamenti autoritari, in ultima istanza sottoponendo alcuni dei prigionieri a un'umiliazione intenzionale. I prigionieri svilupparono atteggiamenti passivi, molti di essi affondarono in uno stato di depressione. L'esperimento dovette essere interrotto dopo solo sei giorni.

L'esperimento sulla prigione di Stanford viene spesso detto per illustrare il potere dei ruoli sociali nel modellare il comportamento, ma illustra anche il potere del comportamento di suscitare emozioni potenti. Le guardie negli esperimenti di Zimbardo non erano davvero guardie. E i prigionieri non erano prigionieri. Erano tutti volontari. Erano tutti studenti. Ma una volta che hanno iniziato a recitare la parte, hanno iniziato a sentire la parte.

Molte persone presumono che il legame tra emozione e comportamento sia a senso unico: le emozioni modellano il comportamento. Lo ami, quindi lo baci. Lo odi, quindi lo colpisci. Questa vista non è corretta. In realtà, la relazione è reciproca. Per la maggior parte del tempo, il comportamento in realtà dà forma alle emozioni.

Vi siete mai chiesti perché così spesso l'attore e l'attrice che interpretano una coppia in un film si innamorino sul set? Sono coinvolti più processi, per essere sicuri. Entrambi sono di solito giovani e attraenti. Hanno molto in comune. Si aggrappano molto l'un l'altro. Tutti questi sono noti predittori della selezione del compagno.

Ma amano anche le scene insieme. Devono comportarsi come persone che si prendono cura l'una dell'altra. Si guardano negli occhi, si toccano. Esse recitano i comportamenti dell'amore. Nessuna meraviglia che l'emozione dell'amore segua spesso.

Lo psicologo / filosofo William James fu uno dei primi teorici a notare questo processo contro-intuitivo. Credeva che le emozioni derivassero dalle azioni corporee che prendiamo in risposta a ciò che sta accadendo nelle nostre vite. Non è, ha teorizzato, che "perdiamo la nostra fortuna, siamo dispiaciuti e piangiamo; incontriamo un orso, siamo spaventati e corriamo; siamo insultati da un rivale, arrabbiati e colpiscono ". In realtà, sosteneva," questo ordine di sequenza non è corretto … l'affermazione più razionale è che ci dispiace perché piangiamo, arrabbiati perché colpiamo, abbiamo paura perché tremiamo ".

James sosteneva che senza una sorta di risposta fisica (piangendo, tremando, colpendo) non avremmo provato emozioni. "Potremmo quindi vedere l'orso e giudicarlo nel modo migliore per correre, ricevere l'insulto e ritenere giusto scioperare, ma in realtà non dovremmo sentirci spaventati o arrabbiati." Pur semplificando un po ', era ancora su una verità essenziale. Il comportamento può creare emozioni.

Recenti ricerche in psicologia clinica hanno dimostrato che il modo più veloce per cambiare un'emozione è cambiare il comportamento ad esso collegato. L'idea in sé non è nuova. Per esempio, i teorici del comportamento negli anni '70 credevano che la depressione fosse, indirettamente, un risultato di inattività: dopo molti insuccessi e delusioni, la gente smise di provare e si ritirò dal mondo; il ritiro e l'inattività, tuttavia, riducono la possibilità di interazioni o esperienze positive, quindi l'isolamento e la passività aumentano, quindi la depressione.

Gli esseri umani, inclini a preferire ricompense immediate, spesso rispondono al disagio con il ritiro e l'evitamento. Il ritiro e l'evitamento ci premiano nel breve periodo eliminando il disagio, ma ci penalizzano a lungo termine impedendoci di imparare come ottenere benefici nell'ambiente. La corretta reazione al fallimento non è quella di arrendersi e chiudersi, ma di imparare ad agire in modo più abile e deciso in modo da reintrodurre rinforzi positivi nella tua vita. Il trattamento comportamentale per la depressione, quindi, ruota attorno al portare il cliente a cambiare i comportamenti per sperimentare un cambiamento dell'umore, una nozione indicata come attivazione comportamentale .

Gli approcci comportamentali al trattamento della depressione furono messi da parte un po 'negli anni '80 da tecniche cognitive, che si concentrarono sull'alterazione delle "distorsioni cognitive" interne (pensieri catastrofici, pessimisti) e negativi "stili di attribuzione" (abitudini auto-punitive di assegnare significato agli eventi). Tuttavia, diversi studi negli anni '90, che dimostrano che un componente di attivazione comportamentale da solo ha eseguito così come il pacchetto di terapia cognitiva totale per la depressione, hanno creato un rinnovato interesse per le idee precedenti.

Il modello di attivazione comportamentale presuppone che la depressione abbia a che fare con le circostanze esterne del malato, non semplicemente con le caratteristiche interne del malato. I disturbi, in altre parole, sono "eventi nel contesto". Il modello di attivazione comportamentale rappresenta quindi una visione "contestualista" della malattia mentale. Anziché riflettere i difetti genetici o cognitivi interni dell'individuo, i disturbi sono visti come un'interazione tra caratteristiche individuali e condizioni ambientali.

Il principio che il comportamento modella l'emozione è applicato in questi giorni nel trattamento della depressione attraverso una tecnica chiamata "pianificazione dell'attività", in cui ai clienti viene chiesto di reintrodurre nelle loro attività la vita che è associata a sentimenti di realizzazione e piacere. Questo va oltre le raccomandazioni del passato per "fare una passeggiata" o "uscire in città". I terapeuti lavorano con i clienti per esaminare le specifiche contingenze comportamentali che esistono nelle loro vite, interrompere i compiti in piccoli passi facilmente raggiungibili e costruire catene di rinforzo per suscitare un comportamento di successo nel mondo. Lo psicologo agisce in modo analogo al modo in cui un terapeuta fisico suddivide il movimento in parti di piccole componenti che possono essere facilmente praticate per costruire forza e flessibilità.

Essere attivi nel mondo può portare a cambiamenti di umore attraverso diversi percorsi. L'attività fisica porta ad una sensazione di benessere rilasciando il dolore riducendo gli ormoni, per non parlare dell'aumento della capacità cardiaca e della forza muscolare, migliorando l'aspetto, ecc. I nostri corpi sono costruiti per il movimento e si sentono bene muovendosi.

Essere attivi nel mondo ti porta anche a stare vicino alle persone. Siamo animali sociali e l'interazione sociale ha effetti positivi sul nostro umore. Il singolo migliore predittore della felicità umana è la qualità delle relazioni sociali. Inoltre, l'attività spesso equivale alla pratica, che migliora l'abilità, che migliora la nostra capacità di ottenere ricompense nell'ambiente.

Il messaggio di fondo è utile non solo per le persone depresse, ma per chiunque sia interessato a mantenere una sana igiene mentale. Il modo più breve e più affidabile per cambiare il modo in cui ti senti è quello di cambiare quello che stai facendo. Quando ti senti male, non aspettare di sentirti bene per fare ciò che ami. Inizia a fare ciò che ami. I buoni sentimenti seguiranno probabilmente.

Solutions Collecting From Web of "L'azione crea emozione"