L’AZ delle strane e bizzarre dipendenze (parte 2)

Le persone possono davvero essere dipendenti da uccisioni, arrampicate e notizie?

Il post di oggi è la seconda parte di un articolo in tre parti che esamina alcune delle dipendenze straniere che sono state scritte nella letteratura accademica (o accademici che hanno cercato di argomentare questi comportamenti può creare dipendenza) – La prima parte può essere trovata qui. Alcune di queste “dipendenze” elencate non dipendono dai miei stessi criteri, ma altri hanno sostenuto che lo sono. I documenti o i libri che hanno sostenuto il caso in cui il comportamento citato è un tipo di dipendenza si trovano nella sezione “Riferimenti”.

Dipendenza da uccisione: l’idea che il serial killing sia concettualizzato come una dipendenza nella cultura popolare non è nuova. Ad esempio, il libro di Brian Masters sul serial killer inglese Dennis Nilsen (che ha ucciso almeno 12 giovani uomini) si intitolava Killing for Company: La storia di un uomo dipendente da Murde , e il libro di Mikaela Sitford su Harold Shipman, il GP britannico che uccise oltre 200 persone, era intitolato Addicted to Murder: The True Story del Dr. Harold Shipman . Nel libro di Eric Hickey Serial Murderers and Their Victims del 2010, Hickey fa riferimento a una monografia inedita del 1990 del Dr. Victor Cline che delineava una sindrome da dipendenza a quattro fattori in relazione a serial serial killer che (i cosiddetti “assassini della lussuria” che esaminai) in un precedente articolo). Una delle cose che ho sempre sostenuto durante la mia carriera, è che qualcuno non può diventare dipendente da un’attività o da una sostanza a meno che non vengano costantemente ricompensati (sia con un rinforzo positivo e / o negativo). Dato che l’omicidio seriale è un’attività discontinua (cioè, accade relativamente di rado piuttosto che ogni ora o giorno) come potrebbe uccidere essere una dipendenza? Una risposta è che l’atto di uccidere è parte di un comportamento più ampio in quanto la preoccupazione di uccidere può anche includere la rievocazione di uccisioni passate e il mantenimento di “trofei” dalle vittime (che ho visto in un precedente articolo).

Dipendenza d’amore: nella letteratura psicologica, il concetto di dipendenza d’amore è in circolazione da qualche tempo e risale ai lavori di Sigmund Freud. Probabilmente il lavoro più citato in questo campo è il libro Love and Addiction del 1975 di Stanton Peele e Archie Brodsky. Il loro libro ha suggerito che alcune forme di amore sono in realtà forme di dipendenza e hanno cercato di dimostrare che alcune forme di dipendenza da amore potrebbero essere potenzialmente più distruttive e prevalenti rispetto a farmaci oppiacei ampiamente riconosciuti. Ci sono stati anche diversi strumenti sviluppati per valutare la dipendenza dall’amore, tra cui Love Addiction Scale (sviluppato da Hunter, Nitschke e Hogan, 1981) e la Passionate Love Scale (sviluppata da Hatfield e Sprecher, 1986).

La dismorfia muscolare come una dipendenza: in un articolo che ho pubblicato con Andrew Foster e Gillian Shorter in un numero del Journal of Behavioral Addictions del 2015, abbiamo sostenuto che la dismorfia muscolare (MD) potrebbe essere classificata come una dipendenza. La MD è una condizione caratterizzata da un’immagine corporea male interpretata in individui che interpretano le loro dimensioni corporee come piccole o deboli anche se possono sembrare normali o molto muscolose. La MD è stata concettualizzata come un disordine dismorfico del corpo, un disturbo alimentare e / o parte della sintomatologia del disturbo ossessivo-compulsivo. Rivedendo la letteratura più saliente su MD, abbiamo proposto una classificazione alternativa di MD che abbiamo chiamato il modello ‘Addiction to Body Image’ (ABI). Abbiamo discusso l’attività di dipendenza in MD è il mantenimento dell’immagine del corpo attraverso una serie di diverse attività come bodybuilding, esercizio fisico, mangiare cibi specifici, assunzione di farmaci specifici (ad esempio, steroidi anabolizzanti), shopping per alimenti specifici, integratori alimentari e / o accessori per l’esercizio fisico, ecc. Nel modello ABI, la percezione degli effetti positivi sull’immagine del proprio corpo è considerata come un aspetto critico della condizione MD (piuttosto che la dipendenza da esercizio fisico o alcuni tipi di disturbi alimentari). Sulla base di prove empiriche, abbiamo proposto che MD potesse essere ri-classificata come una dipendenza a causa del fatto che l’individuo continuasse a impegnarsi in comportamenti di mantenimento che potrebbero causare danni a lungo termine.

Dipendenza da notizie: Anche se avrei potuto scegliere la dipendenza da spray nasale o la dipendenza da vicino, un recente articolo del 2017 su “news addiction” è stato pubblicato sul Journal of the Dow dell’Università di Scienze della Salute Karachi da Ghulam Ishaq e colleghi. Gli autori hanno usato alcuni dei miei articoli sulla dipendenza comportamentale per argomentare la costruzione della “dipendenza da notizie” come un costrutto da investigare empiricamente. Gli autori hanno anche sviluppato il proprio NewsAddiction Scale (NAS) a 19 voci, sebbene il documento non fornisse alcun esempio di nessuno degli articoli nel NAS. In relazione ai tipi di personalità (e come altre dipendenze), hanno trovato che la dipendenza dalle notizie era correlata positivamente con il nevroticismo e correlata negativamente con la coscienziosità. Dato che questo è l’unico studio sulla dipendenza dalle notizie di cui sono a conoscenza, avrò bisogno di molte più prove di ricerca prima di essere convinto che esista davvero.

Dipendenza dalle aste online: un certo numero di accademici ha affermato che alcune persone possono diventare dipendenti dalla partecipazione alle aste online. In un articolo del 2004 sulla dipendenza da Internet pubblicato su American Behavioral Scientist, Kimberley Young ha menzionato la dipendenza dalla vendita all’asta di eBay [eBay]. La stessa osservazione è stata fatta anche in un articolo del 2009 di Tonino Cantelmi e Massimo Talls sul Journal of CyberTherapy and Rehabilitation. Altri ricercatori hanno condotto studi empirici tra cui un documento (i) del 2007 di Cara Peters e Charles Bodkin sul Journal of Retailing and Consumer Services, (ii) documento del 2008 di Chih-Chien Wang negli Atti della Conferenza di informatica dei servizi Asia-Pacifico e (iii) studio del 2011 condotto dal Dr. Ofir Turel e colleghi pubblicati nella MIS Quarerly. Questi documenti hanno indicato che coloro che hanno problemi con l’asta online hanno esperienza di (i) disagio psicologico, (ii) uso abituale, (iii) comportamento compulsivo, (iv) conseguenze negative e / o (v) dipendenza, ritiro e autoregolamentazione.

Dipendenza da flipper: Anche se potrei elencare le presunte dipendenze alla chirurgia plastica e alla poesia, per quanto ne so, sono l’unico accademico ad aver pubblicato un articolo sulla dipendenza da flipper. Nel 1992, ho pubblicato un case study su Psychological Reports . Il mio articolo riportava il caso di un giovane (di età compresa tra 25 anni) che (basato su criteri di dipendenza classica) era totalmente appassionato di flipper. Era la cosa più importante della sua vita, usava il comportamento per modificare i suoi stati d’animo, aveva sintomi da astinenza se non era in grado di giocare a flipper, si era impegnato in ripetuti sforzi per ridurre o smettere di giocare a flipper e compromesso tutte le altre attività della sua vita (educazione, occupazione e relazioni). Per me, questo individuo aveva una dipendenza da gioco ma era flipper piuttosto che dipendenza da videogame.

Dipendenza da Qat: Qat (noto anche come khat, kat, cat e ghat) è una pianta da fiore usata tradizionalmente come stimolante delicato nei paesi africani e del Medio Oriente (Somalia, Yemen, Etiopia). Gli utenti di qat pesanti possono sperimentare molti effetti collaterali tra cui insonnia, ansia, aumento dell’aggressività, ipertensione e problemi cardiaci. Ci sono numerosi rapporti nella letteratura medica sulla dipendenza da qat (vedi articoli di Rita Manghi e colleghi del Journal of Psychoactive Drugs e Nezar Al-Hebshi e Nils Skuag in Addiction Biology ).

Dipendenza da arrampicata su roccia: negli ultimi due anni, un paio di articoli di Robert Heirene, David Shearer e Gareth Roderique-Davies hanno esaminato le proprietà addictive dell’arrampicata su roccia, concentrandosi in particolare sui sintomi da astinenza e sulla brama. Nel primo articolo sui sintomi di astinenza pubblicato nel 2016 sul Journal of Behavioral Addictions , gli autori hanno evidenziato alcune ricerche precedenti che suggeriscono che ci sono somiglianze nella fenomenologia delle dipendenze legate alla sostanza e degli sport estremi (in questo caso l’arrampicata su roccia). Lo studio ha concluso che, in base all’autotest, gli scalatori hanno sperimentato sintomi di astinenza durante l’astinenza dall’arrampicata e che questi erano comparabili a individui con sostanza e altre dipendenze comportamentali. In una seconda inchiesta appena pubblicata su Frontiers in Psychology, lo stesso team ha riportato lo sviluppo del Questionario del Craving di arrampicata su roccia che comprende tre fattori (“rinforzo positivo”, “rinforzo negativo” e “urgenza di salire”).

Riferimenti

Al-Hebshi, N., & Skaug, N. (2005). Khat (Catha edulis) – Una recensione aggiornata. Biologia delle dipendenze, 10 (4), 299-307.

Cantelmi, T & Talls, M. (2009). Intrappolato nel web: la psicopatologia del cyberspazio. Journal of CyberTherapy and Rehabilitation, 2, 337-350.

Foster, AC, Shorter, GW & Griffiths, MD (2015). Dismorfia muscolare: potrebbe essere classificata come una dipendenza dall’immagine corporea? Journal of Behavioral Addictions, 4, 1-5.

Griffiths, MD (1992). Mago del flipper: un case study di un flipper. Rapporti psicologici, 71, 160-162.

Griffiths, MD, Foster, AC & Shorter, GW (2015). La dismorfia muscolare come una dipendenza: una risposta a Nieuwoudt (2015) e Grant (2015). Journal of Behavioral Addictions, 4 , 11-13.

Hatfield, E., & Sprecher, S. (1998). La scala dell’amore appassionato. In Fisher, TD, Davis, CM, Yarber, WL e Davis, S. (Eds.). Manuale delle misure relative alla sessualità (pagg. 449-451). Londra: Sage.

Heirene, RM, Shearer, D., Roderique-Davies, G., & Mellalieu, SD (2016). Dipendenza negli sport estremi: un’esplorazione degli stati di ritiro negli scalatori. Journal of Behavioral Addictions, 5 (2), 332-341.

Hickey, EW (2010). Serial Murderers and Their Victims (Fifth Edition). Pacific Grove, CA: Brooks / Cole.

Hunter, MS, Nitschke, C., e Hogan, L. 1981. Una scala per misurare la dipendenza dall’amore. Rapporti psicologici, 48, 582-582.

Ishaq, G., Rafique, R., & Asif, M. (2017). Tratti della personalità e dipendenza dalle notizie: ruolo di mediazione dell’autocontrollo. Journal of Dow University of Health Sciences, 11 (2), 31-53.

Kennedy, JG, Teague, J., & Fairbanks, L. (1980). L’uso di Qat nel Nord Yemen e il problema della dipendenza: uno studio in antropologia medica. Cultura, Medicina e Psichiatria, 4 (4), 311-344.

Manghi, RA, Broers, B., Khan, R., Benguettat, D., Khazaal, Y., & Zullino, DF (2009). Khat usa: stile di vita o dipendenza? Journal of Psychoactive Drugs, 41 (1), 1-10.

Masters, B. (1986). Uccidere per compagnia: la storia di un uomo dedito all’omicidio. New York: Stein and Day.

Peele, S. & Brodsky, A. (1975), Amore e dipendenza. New York: Taplinger.

Peters, C. & Bodkin, CD (2007). Un’indagine esplorativa sui comportamenti problematici delle aste online: Esperienze degli utenti di eBay. Journal of Retailing and Consumer Services, 14 (1), 1-16.

Roderique-Davies, GRD, Heirene, RM, Mellalieu, S., & Shearer, DA (2018). Sviluppo e validazione iniziale di un questionario di craving per arrampicata su roccia (RCCQ). Frontiers in Psychology, 9 , 204. doi: 10.3389 / fpsyg.2018.00204

Sitford, M. (2000). Addicted to Murder: La vera storia del Dr. Harold Shipman . Londra: Virgin Publishing.

Turel, O., Serenko, A. & Giles, P. (2011). Integrare la dipendenza e l’uso della tecnologia: un’indagine empirica sugli utenti di aste online. MIS trimestrale, 35, 1043-1061.

Wang, CC. (2008). L’influenza della passione e degli acquisti compulsivi sulla dipendenza da aste online. Atti della conferenza informatica dei servizi Asia-Pacifico (pp. 1187 – 1192). IEEE.

Wulfsohn, I. (2013). Una pericolosa dipendenza: Qat e il suo drenaggio dell’acqua, dell’economia e delle persone dello Yemen. Medio Oriente Economia, 3 (10), 1-5.

Young, KS (2004). Dipendenza da Internet: un nuovo fenomeno clinico e le sue conseguenze. American Behavioral Scientist, 48, 402-415.

  • 10 motivi per cui il nuovo amore è come la cocaina
  • L'uso di stimolanti porta a dipendenze?
  • ADHD e zucchero raffinato
  • Smettila di cercare di rompere le cattive abitudini
  • Bevande analcoliche legate alla depressione
  • Hai mai vissuto un tradimento intimo?
  • Tassi di farmaci ADHD in 50 Stati
  • New Love Euphoria imita gli effetti della cocaina crack
  • Uno sguardo agli effetti del trattamento stimolante sull'ADHD
  • The Cheater's High
  • Sei un mattiniero? Qui ci sono 5 cose che puoi fare
  • Autism e Screen Time: Special Brains, Special Risk
  • Fermare la falsa epidemia di ADHD per adulti
  • Cultura Pop-A-Pill
  • Cosa mangiare per prevenire la dissolvenza del cervello?
  • Workaholism and Psychiatric Disorders
  • 4 motivi per cui sei: innamorato, in lussuria o indifferente
  • Potrebbe essere troppo caffè portare a meno sonno e morte precoce?
  • La vita digitale è rischiosa?
  • Solo uno su nove bambini è un farmaco controllato prescritto! Non è niente!
  • Ketamina: il nuovo farmaco per la depressione di Wonder
  • 10.000 bambini di 2-3 anni sono in farmaci stimolanti per l'ADHD
  • Esperienze di bambini con l'etichetta ADHD che abbandonano la scuola tipica
  • La Drug Enforcement Agency ha le priorità sbagliate
  • Esercizio per il tuo ADHD: le cose buone vengono a coloro che sudano
  • L'effetto placebo può ucciderti
  • Adolescenti con ADHD: la crescente necessità di cure di transizione
  • Kratom: l'alto legale che tratta il dolore cronico e la dipendenza
  • La tua soluzione per svegliarti troppo presto
  • Hai mai vissuto un tradimento intimo?
  • Una guida per genitori a Educationese
  • Tassi di farmaci ADHD in 50 Stati
  • Cosa abbiamo imparato su ADHD
  • Addicted to Romantic Suspicion
  • Gli uomini e le donne moderni possono credere nei miracoli?
  • DMDD: la diagnosi sbagliata nel posto sbagliato