Lavoro sulla neve

La maggior parte dei vecchi film di vacanza riscalda il tuo cuore e mangia il tuo cervello. Ma il Natale bianco ti fa domandare cosa vogliamo davvero. Quando Bing Crosby originariamente cantava "White Christmas" nel 1942, la gente in guerra mancava a casa e alle vacanze con un tocco di malinconia. Quando Bing la canticchia nel film, il grande successo del 1954, i personaggi sognano la "buona" guerra, mancando la sensazione di intensità eroica.

Ecco la storia. Un decennio dopo la Seconda Guerra Mondiale, due vecchi amici dell'esercito (Bing e Danny Kaye) sono artisti di successo che aiutano una sorella (Rosemary Clooney, la zia di George e una ex ballerina di Rockettes chiamata Vera-Ellen). Dopo alcuni scricchiolii con le spese alberghiere, il terreno del quartetto in un resort del Vermont è di proprietà del comandante della WW2, il generale Waverly.

Ecco il gancio: il resort non ha neve e gli ospiti, ma il generale dal cuore grande insiste sul fatto che pagherà le sorelle per esibirsi anche se sta andando in rovina. Bing risolve il problema organizzando un'apparizione televisiva in cui chiede a tutti i veterani della loro vecchia armata di presentarsi al resort per uno spettacolare "bianco Natale".

Questa trama è il vecchio Bob Hope & Bing "road" film girato intorno al blocco un'ultima volta. Le battute diventano piatte. La storia d'amore non inizia da quando Rosemary Clooney aveva solo 26 anni e Bing aveva il doppio della sua età. La danza è esperta ma prevedibile. Danny Kaye si è riempito quando Fred Astaire ha rifiutato la parte.

Perché guardare questo cucù di legno uscire di nuovo dall'orologio?

Non fraintendermi: è una canzone adorabile, meritatamente popolare. Ma un film popolare drammatizza le fantasie culturali condivise dal pubblico. Qui, la particolare riverenza verso il generale Waverly motiva l'azione. Il generale è un orsacchiotto. Ma quando i veterani arrivano per il grande spettacolo, è tornato in uniforme. Nell'istante in cui abbaia, i "suoi" uomini scattano sull'attenti. La loro sottomissione è elegantemente coreografata nel film, proprio come sarebbe un esercizio di parata se fossero ancora nell'esercito. Presumibilmente sta scherzando. Dopotutto, questi ragazzi si sono sistemati. Ma non c'è da sbagliare la fantasia di fondo dell'obbedienza al leader e al sogno della seconda guerra mondiale, la "buona" guerra. Vogliono riportare quella sensazione di "grandezza" americana.

Nel mondo reale, gli americani adoravano due generali in pensione: MacArthur e il presidente Eisenhower. Non possedevano resort, sebbene Ike avesse la Casa Bianca. Ma dopo l'eroismo epico della "buona" guerra, entrambi i generali furono circondati da nuove realtà. Truman licenziò l'arrogante MacArthur per aver disobbedito agli ordini in Corea. Eisenhower ha contribuito a fermare la brutale guerra coreana, ma senza un trattato di pace. L'isteria delle spie di McCarthy e la sfida segregazionista nel sud erano così forti che Ike era riluttante ad affrontarli.

Puoi capire perché gli americani erano – e sono – nostalgici per la "cultura della vittoria" della seconda guerra mondiale. La Guerra Fredda degli anni '50 è l'infinita "guerra contro il terrorismo" di oggi. In TV negli anni '50, I Led Three Lives stava drammatizzando l'elettrizzante paranoia dell'Hoover dell'FBI. Anche i sovietici avevano la bomba H. La Cina di Mao era diventata comunista. L'Indocina coloniale stava per fare notizia come Vietnam. Come i terroristi di oggi, la minaccia di Commie era ovunque.

Ma mentre Bing e Danny facevano uno sfortunato spettacolo al resort del generale, anche il mondo dello spettacolo era sotto pressione. Nel 1954, il rock & roll stava cominciando ad affollare i crooners. L'era dell'oscillazione si stava riducendo a Lawrence Welk. Quando il duo fa un numero di menestrello, nessuno sembra imbarazzato o si accorge della presenza di facce nere nella troupe. Fanno anche un primo numero in trascinamento che anticipa la farsa di piegamento di genere in Some Like It Hot (1959) e le odierne palpitazioni di identità di genere.

Nel Natale bianco, l' America è una nazione di veterani dello spettacolo e dei militari. Naturalmente adoravano gli eroi un generale che poteva diventare duro e salvarli. Gli sceneggiatori devono aver pensato che i mecenati del cinema avrebbero acquistato i biglietti per condividere questa fantasia.

Ma ecco il kicker: la stessa fantasia sta salutando oggi. Il prez-eletto diventa un generale robusto che possiede resort e hotel in tutto il mondo. Come il generale Waverly, la sua carriera d'affari è stata un fallimento, con salvataggi di banche e debiti finati che lo tengono a galla. Ha fatto una campagna come orsacchiotto, promettendo di salvare posti di lavoro mentre il Gen. Waverly ha salvato l'atto delle sorelle. Proprio come la TV convoca i veterinari del Generale per salvare il resort, così la TV di realtà celebrità ha aiutato il preseletto a conquistare il suo pubblico.

Ma per quanto riguarda il bianco nel natale bianco? Nel film, la bianchezza della canzone significa neve biglietto di auguri, campane slitta e torta di mele. Il resort farà soldi. Ma in posti come Little Rock negli anni '50, "Sto sognando un bianco Natale" è stato anche un grido di battaglia di Jim Crow per sempre. Il cambiamento era in atto. Truman aveva integrato i militari nel 1947 e nel 1954 i razzisti stavano scavando per difendere il sogno bianco e nevoso. La sceneggiatura è alla ricerca di un buon combattimento, di rendere l'America di nuovo grande, e lo spettacolo lo trasforma in uno speciale televisivo e in un lavoro sulla neve.

Nel mondo reale il conflitto non è mai andato via.

Durante la lotta per l'integrazione del 1957 a Little Rock, Louis Armstrong disse a un giornalista che il suo musicista preferito era Bing Crosby. Ma quando gli è stato chiesto dell'ostilità razziale a Little Rock, Satchmo ha perso la pazienza. Ha criticato i segregazionisti e anche il generale generoso e generoso della Casa Bianca.

Copri le sale con rami di follia.

Ma presto Ike si rese conto che Little Rock non era solo una guerra di parole. Per mantenere la legge e le vite reali, mandò 1.200 paracadutisti a Little Rock, e soldati scortarono nove studenti neri nella scuola secondaria segregata. Louis Armstrong ebbe una reazione viscerale, collegando il generale-presidente tornito:

"Se decidi di entrare nelle scuole con i piccoli bambini colorati, portami con me, papà. Dio ti benedica."

La storia continua. La gente saggia.

O loro? Nel 2016, potreste ricordare, la supremazia bianca sta ancora scaldando i cuori e mangiando il cervello. Un candidato ha vinto la Casa Bianca comportandosi come se i suoi sostenitori stessero combattendo per le loro vite contro gli immigrati e (ehm) "loro". In Mobile Alabama dopo le elezioni, li ha esortati a stuzzicare: "Voi siete stati viziosi, violenti, urlanti, "Dov'è il muro?" 'Vogliamo il muro!' Urlando, "Prigione!" 'Prigione!' "Chiudila a chiave!" Voglio dire, stavi impazzendo. Sei stato cattivo, cattivo e cattivo. "Chiamò i suoi seguaci" bestie selvagge ".

Un commentatore di notizie ora può dire in diretta cosa c'è in ballo nella presa in giro. Ancora una volta, un bianco Natale è una lotta all'ultimo sangue, perché "i liberali credono" che i bianchi abbiano creato un sistema di oppressione e che il sistema debba essere distrutto. "E quindi gli elettori della classe operaia devono essere emarginati".

"Le sue" persone sono al nuovo resort del generale. Sanno che non intende veramente le cose sinistre che dice. Distruggerà solo nemici "veri". Sta solo sognando un bianco Natale e dando alla gente la guerra che gli manca.

Forse è solo uno spettacolo, ragazzi. Speriamo.

* * *

Risorse utilizzate in questo saggio:

Tom Engelhardt, The End of Victory Cultura: Guerra fredda America e il disincanto di una generazione (2007)

David Margolick, "The Day Louis Armstrong Made Noise", New York Times (23 settembre 2007): http://www.nytimes.com/2007/09/23/opinion/23margolick.html

Robert Reich, "Perché il Presidente Trump continuerà a tenere i Rallies", "http://readersupportednews.org/opinion2/277-75/40942-why-president-trump-will-continue-to-hold-rallies

Rebecca Shapiro, "Bill O'Reilly: 'La sinistra vuole potere tolta dall'istituzione bianca," http://www.huffingtonpost.com/entry/bill-oreilly-the-left-wants-power-taken-away- from-the-white-establishment_us_585a1d05e4b0d9a594567f9d

Solutions Collecting From Web of "Lavoro sulla neve"