Lavoratori di trauma a rischio di affaticamento da compassione

Brian Walker/Flickr
Fonte: Brian Walker / Flickr

L'aspettativa di infinita compassione per gli altri non è realistica. Per i lavoratori traumatizzati, ascoltare storie devastanti può prendere il suo pedaggio. Questo può essere visto in effetti dannosi per la salute fisica ed emotiva; cioè, un tipo specifico di burnout chiamato stanchezza da compassione.

Il rapporto Trauma e salute mentale ha recentemente parlato con specialista della fatica compassionevole e direttore di Compassion Fatigue Solutions a Kingston, Ontario, Françoise Mathieu, per discutere i sintomi della condizione e il modo in cui i lavoratori del trauma possono proteggersi da esso.

D: Qual è la fatica della compassione?

A: È un cambiamento graduale e declino nella capacità di un individuo di provare empatia e compassione verso gli altri. Non è una malattia o un disturbo. Spesso, il termine compassione fatica è usato in modo intercambiabile con trauma vicario o stress traumatico secondario (STS), ma c'è una distinzione.

STS si riferisce a un'esperienza traumatica e stressante senza esposizione diretta al trauma. I risultati della STS derivano dall'ascoltare storie traumatiche, come testimonianze di testimoni o storie di torture. Col passare del tempo, quelle storie possono spostare la tua visione del mondo su una persona contaminata e stanca, al punto da perdere la capacità di provare gioia. Ad esempio, le persone che lavorano con vittime di traumi sessuali possono avere difficoltà a fidarsi di babysitter o allenatori. Il trauma vicario è il risultato dell'accumulo di diverse esperienze di STS.

D: Chi è suscettibile alla stanchezza da compassione, trauma vicario e STS?

A: Aiutare i professionisti sono i più sensibili. Questo di solito include medici, infermieri, operatori della salute mentale, professionisti della salute alleati, terapisti, clero, forze dell'ordine, insegnanti, operatori di assistenza a lungo termine e operatori di supporto personale.

Il pubblico può anche iniziare a interiorizzare il trauma dall'esposizione continua alle immagini grafiche ritratte dai media. La sovraesposizione degli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001 ha creato un senso di pericolo e paranoia accentuato. La differenza è che la relazione che aiuta i professionisti a formare con i loro clienti è davvero unica: diventi profondamente vulnerabile. Quando apri il tuo cuore e ascolti il ​​dolore di qualcuno, può essere molto intenso.

D: Ci sono segni e sintomi di affaticamento da compassione?

A: Un segnale di avvertimento importante è il workaholism. Molti professionisti di aiuto sono così dedicati al loro lavoro che non hanno un equilibrio tra lavoro e vita domestica. Più ti stai attento, più sei vulnerabile. Noi la definiamo una "normale conseguenza" di fare un buon lavoro. Aiutare i professionisti a sperimentare un declino dell'empatia, ridurre la collegialità, temere le nomine dei clienti e sminuire le loro storie.

Oppure qualcuno potrebbe fare un ottimo lavoro al lavoro, ma non hanno più niente da dare a casa. I segnali di allarme sono irritabilità, isolamento sociale, esaurimento emotivo e fisico, o auto-medicazione con droghe, alcol o anche acquisti eccessivi.

D: Cosa può proteggere i lavoratori del trauma?

A: Con l'aumento dei tagli al budget, molti traumatologi non hanno una formazione adeguata, quindi Trauma Informed Training può essere altamente protettivo. Richard Harrison e Marvin Westwood, ricercatori dell'Università della British Columbia (UBC), hanno studiato terapeuti esperti di trauma e hanno scoperto che coloro che hanno collegato spiritualmente o creativamente qualcosa al di fuori del proprio lavoro e si sono sentiti supportati dalle loro famiglie e comunità sono riusciti a far fronte allo stress dei loro lavori.

Stabilire una profonda alleanza terapeutica caratterizzata da una relazione significativa con i clienti, basata sulla presenza e la preoccupazione sincera, ha anche fornito soddisfazione professionale.

D: Cosa può fare una persona affetta da compassione per alleviare i sintomi?

A: Non possiamo prevenire l'affaticamento da compassione, ma ci sono strategie e strumenti che consentono ai professionisti di sentirsi radicati, presenti al momento e ben addestrati. Porsi queste domande:

-Co lavoro da qualche parte dove ho il controllo? Il controllo del programma può ridurre l'affaticamento della compassione. Piccoli cambiamenti possono fare una grande differenza.

-Ho un processo di debriefing che potrebbe alleviare parte della tensione emotiva?

-Ho accesso a persone di supporto con le quali posso consultare, quando ascolto storie difficili?

-Sono formato in concetti correlati al trauma, in modo da avere una migliore comprensione degli effetti collaterali?

-Ho un rituale di transizione, un modo per abbandonare il lavoro e passare alla mia vita familiare? (ad es. yoga, esercizio fisico)

Infine, la ricerca mostra che la strategia più efficace è la riduzione dello stress basata sulla consapevolezza, che raccomanda tecniche di rilassamento per ridurre lo stress e migliorare l'auto-compassione.

Mathieu aggiunge che anche se hai una storia passata di trauma, non significa che non dovresti essere un professionista che aiuta. In questo caso, è importante identificare i trigger, assicurarsi di avere un sistema di supporto e che il tuo carico di lavoro non ti ricorda il trauma personale.

Mathieu mette in guardia l'operatore trauma a "prestare uguale attenzione alle esigenze del tuo cliente e te stesso".

– Di Shira Yufe, collaboratore di Writer, The Trauma and Mental Health Report

– Redattore capo: Robert T. Muller, The Trauma and Mental Health Report

Copyright Robert T. Muller

Solutions Collecting From Web of "Lavoratori di trauma a rischio di affaticamento da compassione"